SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Cavallari Group: gestione, selezione, trasporto rifiuti

Paradisi: “il Sindaco di Senigallia dovrebbe leggere la Costituzione italiana”

Coordinamento Civico: “anche i dipendenti comunali hanno il diritto di manifestare il proprio dissenso”

Maurizio Mangialardi e Roberto Paradisi

Un sindaco imbarazzato, seguito a ruota dal fido Mario Fiore, novello ideologo della censura preventiva, è stato costretto ad intervenire per cercare di convincere l’opinione pubblica che il regolamento per i dipendenti comunali approvato dall’Amministrazione è fatto “normale”.

Di nuovo lo spettro farsesco di sovietica memoria: la “normalizzazione”. Il problema ovviamente non è – come il sindaco ha cercato di far credere – quello di vietare la frequentazione di internet durante le ore di lavoro (e ci mancherebbe altro!). Ovviamente ad un dipendente non può essere concesso di chattare in facebook durante un impegno di lavoro o un consiglio comunale (come fece l’assessore Mangialardi nella scorsa legislatura mentre si affrontava un dibattito che riguardava la sua delega). Né può rivelare “segreti d’ufficio”, anche se mi auguro che questa Amministrazione non abbia alcun “segreto” da preservare (la trasparenza, caro sindaco, è ancora un valore).

Ma, allo stesso modo, non si può vietare – se non violando la Costituzione e i principi di uno stato liberale – il diritto di criticare l’operato dell’Amministrazione comunale fuori dagli orari d’ ufficio e come privati cittadini. Il buon sindaco (che vola a spese nostre a New York ma non conosce il concetto di libertà che in quel Paese è sacra), oltre ad inviare ai diciottenni la Costituzione italiana, dovrebbe avere il buon gusto di leggerla. In particolare dovrebbe leggere l’art. 21 della nostra Carta che prevede il diritto inalienabile, anche per i nostri dipendenti comunali,  di manifestare il proprio pensiero dovunque (anche in internet). E il diritto di espressione comprende il diritto di critica.

Faccio allora una proposta, anche per verificare se Mangialardi è in buona fede. Si aggiunga all’art. 9 del codice questa semplice espressione: ” … salvo il diritto per ogni dipendente, fuori dall’orario di lavoro, di esprimere anche in forma critica il proprio pensiero in relazione all’operato dell’Amministrazione comunale“.

Scegli la tua mossa sindaco: o giochi a fare il post-leninista o ristabilisci le regole liberali e il buon senso.

Commenti
Solo un commento
Alberto Diambra 2014-02-06 11:28:50
Non si dice nulla di nuovo che il Sindaco non è molto approfondito nel conoscere la costituzione ,lo prova il fatto che continuamente comunica a tutti che, i già residenti della zona PEEP MISA di Senigallia si rivolgono a tutte le autorità ed Istituzioni nel richiedere che siano applicati D.P.R.7554 e licC94/130 ed altre leggi a loro tutela dall'allagamento ed esondazione da parte del fiume Misa ,che l'Amm.ne Comunale ha deciso di ignorare e non si conoscono le particolari motivazioni.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura