SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Vigor-Biagio Nazzaro 22.01.12

Senigallia e i lavori pubblici: la Fiamma Tricolore contesta l’Amministrazione

"Privilegiati i grossi lavori e mai la manutenzione della città". E la risposta è: "Non ci sono risorse"

2.020 Letture
commenti

Marciapiedi a SenigalliaMattatoio – Centro ambiente – Lavori a Palazzo del Duca – VII e VIII stralcio del porto – Ristrutturazione banchine porto – Lavori ex collegio Pio IX – Opere di urbanizzazione Peep Cesano – Ristrutturazione Piazza Garibaldi e via Cavallotti – Bosco urbano Cesanella e Saline – Opere di urbanizzazione Peep Cesanella – Rifacimento Piazza Saffi. In linea di massima, elencati così, questi lavori che si dovrebbero svolgere nel 2012 sembrano essere una bella ristrutturazione di Senigallia. E probabilmente lo saranno pure, anche se nello specifico di ognuno ci sarebbe qualche cosa da dire.

Ma, da cittadino normale che vive la quotidianità della città con tutte le sue problematiche, mi piacerebbe sapere perché non viene fatta una scaletta di priorità come furbizia e intelligenza vorrebbe.

Marciapiedi a SenigalliaPossibile mai che vengano sempre privilegiati i grossi lavori e “MAI” la normale manutenzione della città? A Senigallia ci sono zone che vengono lasciate nel degrado più puro, dove un cittadino, un anziano, o una mamma con il passeggino, deve fare dei veri e propri percorsi di guerra vista la condizione a dir poco pietosa dei marciapiedi e di alcune strade piene di buche e rattoppate alla carlona.

Strade e marciapiedi inesistenti dove le radici dei pini hanno divelto tutto, tombini che fuoriescono dal livello stradale e che rischiano di far inciampare chiunque, caditoie otturate da anni che permettono la formazione di veri e propri laghi quando piove, insomma, dei veri percorsi di guerra come le foto dimostrano chiaramente.

Marciapiedi a SenigalliaPerché nei lavori pubblici si continua a privilegiare le grosse opere e si ignorano totalmente le problematiche quotidiane dei cittadini? Perché, se si scrive al Comune, viene sempre risposto che “mancano le risorse economiche”? Mancano solamente per le questioni che i cittadini chiedono e non mancano per tutto il resto? Però poi, se uno pensa male, qualcuno si offende.

Perché il Sindaco e gli assessori non si fanno qualche bella passeggiata per tutta la città a controllare la situazione? Senigallia non è solamente il centro storico ma molto di più. Forse che ci sono abitanti di serie “A” dove strade e marciapiedi sono perfetti e abitanti di serie “B” dove invece il degrado è sconcertante? O forse ci sono più interessi per alcune zone e meno per altre? Domande che non avranno mai una risposta…

Marciapiedi a SenigalliaMarciapiedi a SenigalliaMarciapiedi a Senigallia

Tutta la zona intorno alla chiesa "del Portone", tanto per fare un primo esempio, partendo da via Anita Garibaldi con tutte le traverse annesse, è in uno stato pietoso da più di venti anni. Non c’è verso di metterci le mani con un progetto serio, proprio no! Attenzione però, ci sono un paio di punti che sono perfetti, marciapiedi belli lisci, asfaltati e con i cordoli in ordine… chissà perché in due punti si e in tutta la zona restante no.

E del sottopasso Perilli, secondo esempio, ne vogliamo parlare? Da sempre, quando piove, si allaga in maniera vergognosa. Possibile mai che nessuno prenda in esame questa problematica per risolvere la questione? Come ci siede ad un tavolo per fare progetti in grande scala ci si può benissimo sedere e pensare anche a quelle cose di primaria importanza, o sto forse dicendo una corbelleria?

Marciapiedi a SenigalliaNon è questo il modo di amministrare una città, esistono sempre delle priorità, e una volta sistemate si può pensare anche al resto, non viceversa. Perché sarà anche molto bella e carina Piazza Saffi alla fine della ristrutturazione ma ci sarebbero tante altre zone da ristrutturare che versano in condizione pietose.

Forse sono io che mi illudo… questi sono i politici della seconda repubblica, eredi della prima, e questo è il loro modo di fare politica. Finchè il popolo non li manderà a casa in via definitiva non potrà cambiare nulla. Del popolo ci si ricorda solamente nelle campagne elettorali, tante belle promesse e poi niente più, una volta eletti i politici pensano ai loro interessi, e le promesse rimangono parole al vento!

da Marcello Liverani
Segretario Fiamma Tricolare Senigallia

MSFT Senigallia
Pubblicato Venerdì 20 gennaio, 2012 
alle ore 17:35
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo

Commenti
Ci sono 2 commenti
tuttacanna 2012-01-20 20:09:03
quando possono le nascondono?
Ottimo servizio fotografico sulle magagne nei lavori pubblici dei compagnucci.

tuttacanna suddito non domo
licaone 2012-01-22 08:14:08
Non si aprono quelle porte!
Ad esempio non andate a vedere (? è quasi tutto sigillato) l'ultimo piano del monoblocco che è stato inaugurato (elettoralmente) da tromboncini vari da oltre 2 anni e resta ancora in coma.
Intanto l'oncologo Marcellini (che non"poteva non sapere") viene ingaggiato dall'UDC e il regista dell'inaugurazione BURLA, ing. Bevilacqua, è stato promosso a direttore d'area vasta (curiosamente) centrata su Fabriano.
610
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno