SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Un’idea progettuale per nuovi ponti nel centro storico di Senigallia – VIDEO

Agli incontri "Contro Corrente" la proposta del prof. Marco Petrangeli e dell'ing. Arnaldo Giuseppe Fornaroli

2.954 Letture
commenti
Il fiume Misa in centro a Senigallia

Con la collaborazione di Associazione Confluenze e l’apporto tecnico di Marco Scaloni, che si occupa del montaggio audio-video, Senigallia Notizie prosegue nella pubblicazione delle registrazioni dei singoli interventi, che hanno luogo all’interno della serie di serate organizzate a Senigallia dall’Osservatorio Misa.

Il 4 marzo, il prof. Marco Petrangeli, professore associato di Tecnica delle Costruzioni all’Università di Chieti-Pescara e presidente di Integra (società di ingegneria specializzata nella progettazione di ponti), con la collaborazione dell’ing. Arnaldo Giuseppe Fornaroli, avanza un’idea progettuale per il rifacimento dei tre ponti stradali del centro storico, pensati a campata unica ed “a via inferiore” (cioè con struttura portante sopra il piano stradale), prendendo come caso di studio il ponte 2 Giugno.

Il prof. Petrangeli fornisce un proprio parere anche su due strutture già esistenti: il Ponte Portone, ricostruito pochi anni fa, ed il ponte sulla Statale Adriatica in corso di ristrutturazione.

Sincronizzate con l’audio, scorrono nel video anche le diapositive che Petrangeli ha proiettato durante la serata del 4 marzo.

L’incontro è stato organizzato dall’Osservatorio Misa nell’ambito del ciclo di conferenze dal titolo “Contro Corrente”. Sulle pagine di Senigallia Notizie, nelle prossime giornate di mercoledì e sabato, fino a metà marzo, potrete trovare altri interventi degli ospiti del ciclo di incontri.

GUARDA e ASCOLTA l’intervento di Marco Petrangeli

Video incontro del 16 gennaio: Massimo GennaroAndrea DignaniCarlo Brunelli

Video incontro del 27 gennaio:  Fabio Taffetani, Andrea Goltara

Video incontro dell’11 febbraio:  Carlo Ponzio, Maurizio Cattoi, Fabrizio Furlani

Video incontro del 27 febbraio:  Marco BrunelliGiorgio Zampetti

Commenti
Ci sono 2 commenti
leofax 2015-03-14 15:17:15
Ho visto il video del Professor Petrangeli e l'ho trovato molto interessante. Però porrei il problema sotto un'altro punto di vista. Nel caso in cui si rifacessero a luce unica tutti i ponti cittadini (Garibaldi, Corso e Statale) e non potendo agire su quello ferroviario, si andrebbe a creare l'effetto diga di tronchi d'albero che si mettessero di traverso. Aggiungo anche, che in quel punto il Misa ha una larghezza che equivale a quella di tutto il canale fino alla foce. (punta del molo di levante. Secondo il mio modesto parere, il problema delle piene del fiume, dovrebbe eessere regolato a monte e prima della conflunza che questo ha con il Nevola. Invece delle vasche di espansione, farei un fosso scolmatore dotato di paratie mobili sia sullo stesso e sui due fiumi, per regolare le portate di piena immediate e successivamente in situazioni normali, abbassare il livello di quello scolmatore. La zona potrebbe essere tra le Casine ddi Ostra e la rotatoria di Passo Ripe. Come tutti sappiamo, in quella zona sono presenti tante colline, che in caso di forti piogge aumentano la velocità dell'acqua verso l'alveo fluviale. Leonardo Maria Conti
leofax 2015-03-14 15:30:40
Aggiungo anche che nel periodo estivo potrebbe essere usato per scopi irrigui e pesca sportiva.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!