SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Priscilla - Senigallia - Ristorantino Caffetteria Bistrò Cocktail Bar - Piazza Saffi

“Liberiamo il fosso Sant’Angelo”

Il Gruppo Società e Ambiente di Senigallia propone un ritorno al passato per restituire al corso d'acqua il suo stato naturale

2.425 Letture
commenti
Pioggia 23marzo Fosso Sant'Angelo

I problemi di criticità idrogeologica non vengono solo dal Misa, ma anche dai corsi d’acqua minori che dalla collina sfociano direttamente in mare.

Per rendersi conto della loro pericolosità basta leggere la attenta analisi storica fatta dal professor Giuseppe Santoni nella ricerca “Misa Amaro”, pericolosità negli ultimi anni notevolmente aumentata perché quasi tutti tombati.

Oggi ci occupiamo del fosso Sant’Angelo tracimato nel maggio scorso e che già aveva contribuito a creare gravi disagi e danni nella alluvione del 2014. Il fosso è stato coperto nel suo tratto finale nel 2000 e sopra vi è stata costruita addirittura una piazzetta adibita a mercatino estivo, come ben spiegato nella nota comunale del 17 maggio 2023, dove si chiariva anche la funzione delle grate, indispensabili per impedire l’occlusione dei sei tubi in cui era stato convogliato il deflusso delle acque del fosso.

E visto il verificarsi sempre più sovente di eventi estremi e violenti, questa soluzione, improvvida sempre, oggi ci sembra del tutto insostenibile.

Unica soluzione realistica è quello di ritornare al passato e restituire al corso d’acqua il suo stato, per quanto possibile, naturale. Rinaturalizzando il tratto terminale del fosso Sant’Angelo fino alla spiaggia si creerebbe anche una piacevole oasi di verde.

Inutile alzare gli argini, come qualcuno sostiene, se non si toglie il tappo.

Teniamo a sottolineare che questa non è una nostra idea originale ed improvvisata, ma una ipotesi già prospettata nel agli inizi degli anni 2000, a seguito della approvazione della Variante di Tutela delle Zone Costiere del 2000, a cui aveva fatto seguito un S.I.O. (Studio di inquadramento operativo della zona costiera) elaborato dagli architetti Bedosti e Sacchetti. Tale studio ipotizzava la naturalizzazione degli sbocchi dei principali fossi sulla spiaggia.

La giunta allora in carica aveva prospettato una prima applicazione della direttiva alla foce del fosso della Giustizia che ad ogni piena causava forte erosione della spiaggia e creando non pochi problemi, poi si sono scelte altre strade per l’urgenza di intervenire, magari provvisorie, poi come succede spesso diventate definitive.

Da allora di acqua sotto i ponti ne è passata molta (e anche sopra…..).

Tornando al fosso Sant’Angelo, sponde e foce andrebbero rafforzate ed abbellite con specie igrofile e al tempo stesso adatte al terreno sabbioso e tolleranti le forti calure estive.

Impresa difficile ma non impossibile, purché si mettano in campo le necessarie competenze tecniche e, ovviamente, risorse.

Gruppo Società e Ambiente
Il Consiglio Direttivo

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura