SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Farmacia estiva Manocchi Carloni - Lungomare di Senigallia

Sanità: ecco un nuovo comitato a difesa dell’ospedale di Senigallia

"Struttura depotenziata, uniamoci per non perdere altri servizi"

16.221 Letture
commenti
Il "Comitato a difesa del nostro ospedale e a difesa della salute del territorio" promosso e costituito dall'associazione "Energie per Senigallia", dall'Unione Nazionale dei Consumatori (UNC) e da diversi cittadini

Si presenta alla città il nuovo “Comitato a difesa del nostro ospedale e a difesa della salute del territorio” promosso e costituito dall’associazione “Energie per Senigallia”, dall’Unione Nazionale dei Consumatori (UNC) e da diversi cittadini che hanno a cuore la situazione della sanità pubblica locale.

Organismo distinto dal simile Comitato Cittadino a difesa dell’ospedale di Senigallia annunciato nei giorni scorsi. Ha già raccolto in pochi giorni diverse adesioni – circa 700 nelle ultime ore – ma che mira con le prossime iniziative a farsi conoscere ancora di più. E con maggiore forza dopo quanto ascoltato nella seduta del 24 luglio della IV Commissione consiliare.

Il "Comitato a difesa del nostro ospedale e a difesa della salute del territorio" promosso e costituito dall'associazione "Energie per Senigallia", dall'Unione Nazionale dei Consumatori (UNC) e da diversi cittadini“Stiamo assistendo alla fine ingloriosa dell’ospedale di Senigallia – esordisce Massimo Bello (Energie per Senigallia), dove il declassamento e il depotenziamento avvengono in funzione di ragioni politiche ed economiche. Un corpo unico con la testa ad Ancona, dove vengono prese le decisioni, e gli arti nei quattro plessi della provincia (Senigallia, Jesi, Osimo e Fabriano), che si devono dividere prestazioni e servizi. Le vallate del Misa e Nevola avranno circa un quarto dei servizi sanitari che prima avevamo nella nostra zona, di fatto un declassamento. Ora la sospensione delle due delibere Asur è reale o meno? Ancora non abbiamo trovato documenti a conferma di quanto annunciato in Commissione”.

Il "Comitato a difesa del nostro ospedale e a difesa della salute del territorio" promosso e costituito dall'associazione "Energie per Senigallia", dall'Unione Nazionale dei Consumatori (UNC) e da diversi cittadini“Diciamo – precisa Corrado Canafoglia, referente regionale dell’Unione Nazionale dei Consumatori – che l’ospedale è stato e verrà depotenziato, non chiuso: il che significa però che abbiamo perso un ospedale di eccellenza. E questo per far fronte ai continui tagli che costringono le persone a costose e lunghe trasferte in nome di un risparmio che ancora non si è visto. Però viene un dubbio: ridimensionare significa di fatto rischiare la chiusura: se oggi a Senigallia si fanno un certo numero di interventi, domani se ne faranno per forza di meno e l’ospedale potrebbe divenire quindi sacrificabile. Un po’ come è successo per il tribunale cittadino”.

Nel comitato vi sono anche cittadini ed operatori sanitari ed è sopratutto a questi ultimi che si rivolge Canafoglia: “Loro stanno portando avanti – spiega Canafoglia – una battaglia silenziosa poiché sono costretti ad operare ogni giorno con gravi carenze di organico senza poter dire nulla, come previsto dal codice comportamentale dell’Asur. Noi invece vogliamo per primo capire qual è la realtà sanitaria senigalliese con dati e documenti, motivo per cui faremo l’accesso agli atti; per fare questo siamo aperti alla collaborazione di tutti i cittadini e di tutte le realtà locali, anche di altri comitati. Non abbiamo leader e non ne vogliamo perché questa non è una battaglia di destra o sinistra, ma di tutti”.

Commenti
Ci sono 4 commenti
iz6qzm 2017-07-27 01:33:50
,1) La Sanità marchigiana dipende esclusivamente dalla Giunta regionale. 2) Le Marche è ai primi posti nella Sanità come minor costo procapite quindi l'urgenza non c'è. 3) Senigallia è la città più popolosa dopo Ancona. Detto questo, la cosa più semplice è mandare a casa il partito che vuole la chiusura dell' ospedale,.incominciamo a non votarlo più alle prossime regionali. Gli altri si adegueranno subito.. Il popolo è o non è sovrano? .
arcimboldo 2017-07-27 07:34:41
Tempo perso. Il popolo elegge i propri rappresentanti politici e i rappresentanti politici sono autorizzati, proprio perchè eletti dal popolo, a decidere per il popolo. Questa è la democrazia.
omcsenigallia 2017-07-27 09:46:55
Mi unisco al Comitato idealmente, a sostegno della non chiusura dell'UTIC ed altro.....Con 2 genitori anziani so cosa significa aver bisogno dell'UTIC, della cardiologia e Pace Maker......
henry
Dirty Rotten Imbeciles 2017-07-27 13:07:52
....finalmente qualcuno "serio" che si mette al servizio di Senigallia per combattere le "porcherie" perpetrate da "politici improvvisati" per anni, molto piu' interessati alla lauta ricompensa mensile, piuttosto che a coloro che, con il loro voto, li hanno scelti per "governare". Al di la della problematica specifica, credo di poter asserire con certezza che finalmente, alle prossime elezioni amministrative, avremo come candidato (anche se ancora non e' stato dichiarato pubblicamente) una persona competente e capace e non le solite figure di "partito" inutili ed incompetenti (tipo quello che fa foto ai lati B). Darà una bella scossa di terremoto al popolo PD, abituato ad avere incompetenti come "generali". L'ospedale di Senigallia va difeso, costi quel che costi e come ben dice iz6qzm speriamo che la prossima volta il popolo che non vota (perche' non trova mai chi lo convince pienamente) cambi strategia e vada a votare, ed aiuti Senigallia a rinascere. Allora, Lega / FdI / FI insieme, con qualche bella lista civica in appoggio, un candidato sindaco "cazzuto e capace" ed il gioco e' fatto. mandateli a casa una volta per tutte e poi fate "fiorire" di nuovo questa città !!!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura