SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“Il sindaco di Senigallia non prende atto del referendum sulla fusione con Morro d’Alba”

I referenti del Comitato "No Fusione" intervengono sull'acceso dibattito in aula: il riconoscimento del "no" è davvero così inutile?

5.197 Letture
commenti
Ristorante Trattoria Le Stagioni - San Marcello
Locandina della fusione tra Morro d'Alba e Senigallia

Erano tempi che Gaber cantava dagli altoparlanti di sinistra il suo inno “Libertà è partecipazione”. La canzone era del 1972 ma fu ripetuta fino a pochi anni fa. Poi sono morti entrambi, cantante e canzone. E siamo morti noi in quanto cittadini, sempre più inutili sotto regimi sempre più lontani: non solo nel governo di un mondo dominato dalla falsa economia della finanza internazionale, o di una nazione che non ha più regole, ma anche negli enti locali, che dovrebbero essere i più vicini alle persone amministrate. Non si tratta in realtà di un’involuzione, ma di un progetto lucido e malvagio: allontanare il più possibile i cittadini dalla sindacabilità delle decisioni.

Processo al quale il nostro sindaco, sempre meno primo cittadino e sempre più amministratore-teatrante, dà il suo contributo personale nel mezzo del dibattito consiliare con una personale ideona: siccome i cittadini non sarebbero all’altezza della sua lungimiranza, prima si dovrebbero fare le cose e poi chiedere nel caso agli elettori se andavano bene o no. A teatro gli applausi si fanno alla fine della rappresentazione.

Il caso in questione riguarda il referendum (consultivo e senza quorum) sulla incorporazione del comune di Morro d’Alba in quello più grosso di Senigallia.Prevalsero i no, come ricorderete, rovesciando l’indirizzo già approvato dei consigli comunali dei due comuni; si tratta ora, da parte delle rispettive amministrazioni, di recepire quel no popolare e confermarlo o revocando l’atto o votando un nuovo documento che ne tenesse conto. Visto che nessuno ha mosso una paglia –
“dimenticare i referendum” sembra oggi la prima preoccupazione di chi li ha persi – è toccato all’opposizione (i consiglieri comunali Martinangeli, Palma, Sartini) proporre che il Comune riconoscesse la volontà dei cittadini.

Ne è scaturita una discussione nella quale gli esponenti della maggioranza (Pierfederici, Pedroni e Mangialardi due volte) hanno dichiarato “inutile” il riconoscimento richiesto, ricordando che ormai tocca solo alla Regione decidere sulle sorti dei due Comuni; per parte loro, i proponenti invece ritenevano importante che il Comune facesse proprio il consulto dei cittadini e lo segnalasse alla Regione in modo che anche quella se ne rendesse consapevole e decidesse di conseguenza.

Niente da fare. La proposta è stata respinta con l’ampio margine, per ora, che separa la maggioranza dalla minoranza. Ora, chi immagina il cliché di una minoranza urlante e di una maggioranza composta e ferma nelle sue decisioni, si sbaglia di grosso. Il dibattito – come ormai avviene spesso – è stato monopolizzato dallo show di un sindaco che non risparmia i toni aggressivi, scomposti ed irridenti nei confronti di chi osa pensare in modo diverso dal suo: in questo caso la città.

La situazione che si determina dopo questa giornata vede due amministrazioni confermare le proprie intenzioni sopra e contro la volontà espressa dai cittadini: quelli di Morro in modo pressoché unanime e quelli di Senigallia in modo molto significativo. Prova ne sia che, perso il referendum, il sindaco tenta di destituirlo introducendo a posteriori il quorum che non c’era: secondo lui la partecipazione esigua alla consultazione sarebbe non rappresentativa dei cittadini senigalliesi, che certamente lui conosce meglio grazie ai baci che distribuisce quotidianamente alle signore e alle pacche che riserva agli uomini, per strada o addirittura in consiglio comunale dopo le sue cavatine.

Nessuna menzione del fatto che per mesi la Giunta ha tenuto nascoste le proprie intenzioni e della fretta renziana che poi è sopravvenuta nella convinzione di un successo scontato; né pensiero che molti senigalliesi non si siano neanche mossi di casa per esprimersi su un progetto tanto bislacco e mal motivato, compresi gli elettori e gli iscritti del suo stesso partito.
Non sarà certo colpa di chi si è adoperato per il no se i suoi compagni di fede politica l’hanno lasciato solo.

Questa brutta pagina della storia di Senigallia segna un passo forse decisivo nel processo generale di trasformazione dei cittadini in sudditi e del “Comune” in “despotato”. Altre si stanno già tracciando con l’Unione dei Comuni delle valli Misa e Nevola, dove non è l’unione che preoccupa (del resto esisteva già una forma associativa dei Comuni negli anni novanta, ma rispettosa delle autonomie) quanto lo scopo malcelato, o addirittura esibito, di allontanare i centri di decisione dalla partecipazione diretta della popolazione. Altre con l’anticipazione operativa tutta “politica” delle macroregioni. Altre ancora con l’infrattamento dei processi decisionali nelle varie società di servizi semiprivate e semipubbliche, dunque indecifrabili, e nella dispersione in “area vasta” dei poteri comunque imperscrutabili nei bilanci e nelle modalità operative.

A noi post-cittadini resta il compito di pagare il conto e battere le mani: centomila euro ben spesi nella consultazione vengono dissipati dal disconoscimento del risultato; una Tari sempre crescente a saldo di una inefficienza maliziosamente programmata; sanità e utilità infeudate nei processi di falsa privatizzazione; il dissanguamento conseguente delle opportunità di lavoro, tutte raggrumate a favore del personale politico.

Inutilmente erano stati posti i fondamenti di una “democrazia dal popolo, per il popolo, attraverso il popolo”; inutilmente abbiamo cantato la speranza che la partecipazione ci rendesse liberi dal confino e dalla ricusazione. Cosa possiamo rispondere a questa regressione della democrazia? Che ci vediamo il 25 aprile, dove stavolta vi canteremo in faccia “Belli ciao”.

 

Comitato Referendario “NO alla fusione con Morro d’Alba”
I referenti Leonardo Badioli e Riccardo Pizzi

Commenti
Ci sono 7 commenti
BlackCat
BlackCat 2017-04-06 12:35:33
È incredibile e veramente mi fa arrabbiare come non pochi questo comportamento della nostra giunta. Sottoscrivo a pieno quanto scritto nell'articolo. Ormai è questa l'Italia e poi ci sentiamo dire "che dovremmo stare calmi perché questo clima avvelena la società". I serpenti siete voi (giunta) e sputate veleno sulle volontà dei cittadini (il referendum) per rivoltarlo come vi fa comodo. È la stessa cosa che si fa a livello NAZIONALE. Chi si ricorda il referendum sull'acqua pubblica? Vittoria del SI e poi? Il governo cerca di fare come "gli fa comodo" per accontentare il bacino elettorale degli amici che portano acqua al partito. Politicamente Senigallia sta diventando dello schifo più totale. Vi dovete vergognare, (...omissis...)!
leofax 2017-04-06 12:43:27
Lo hanno votato, dobbiamo tenercelo!
pablo 2017-04-06 21:16:05
Se ho capito bene il discorso del sindaco : o votate come dico io oppure la votazione non è valida. Un sindaco sempre più piccolo abbiamo.
octagon 2017-04-06 22:16:00
Felicissimo di non averli votati, e mai lo farò, ne loro ne i furbetti del quartierino a contorno.
Alessandro Alfonsi 2017-04-07 07:16:10
Articolo penoso con argomentazioni inconsistenti. Più che un articolo sembra un brano preso da 1984 di Orwell...meno retorica più fatti. Io vivo ormai lontano da Senigallia e questo sito è una delle poche fonti che ho per informarmi su come vadano le cose. Per favore usatelo come organo di informazione e non come megafono da propaganda.
BlackCat
BlackCat 2017-04-07 12:31:49
Alessandro Alfonsi: la propaganda la fa la giunta comunale, se vedessi cosa,succede o come si muovono le cose a Senigallia non avresti dubbi. Prima gli amici, poi il partito e infine i cittadini.
pablo 2017-04-08 14:07:57
Alessandro Alfonsi: non servono commenti al tuo intervento, vieni a Senigallia qualche giorno e poi cambieraI idea in pochi attimi. Altrimenti vorrà dire che vive in un paese senza vera democrazia. Rimane il fatto che abbiamo un sindaco molto piccolo.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura