SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Referendum: Senigallia e Morro d’Alba dicono no. “Questo matrimonio non s’ha da fare”

Da senigalliesi e morresi arriva un deciso stop all'incorporazione. Contrari oltre il 60% sulla costa, più del 70% nell'entroterra

6.530 Letture
10 commenti
Optovolante - Ottica a Senigallia
La fusione tra Senigallia e Morro d'Alba secondo i Giovani Democratici

“Questo matrimonio non s’ha da fare”, avrebbe commentato Alessandro Manzoni. E’ il messaggio che arriva dalle urne del referendum per la fusione per incorporazione tra Senigallia e Morro d’Alba, con il secondo che sarebbe confluito nel primo, almeno nelle intenzioni degli Amministratori e dei Consigli Comunali, che avevano invece dato pareri positivi.

E’ stato abbastanza netto, pur se espresso da pochi votanti, il NO che Senigallia ha detto alla proposta di fusione per incorporazione con il Comune di Morro d’Alba. I dati emersi dalle urne parlano di un 60,53% di contrari (3.722 voti) e 39,47% di favorevoli (2.427 voti) alla prosecuzione e al compimento dell’iter.

Seggi elettorali a Senigallia: scuola PascoliSeggi elettorali a Senigallia: scuola Aldo MoroSeggi elettorali a Senigallia: scuola Marchetti

E’ stata anche la popolazione di Morro d’Alba a ribadire il proprio NO alla fusione con Senigallia. Molto più alta la percentuale dei votanti: segno di un maggiore interesse rivolto dai morresi, piuttosto che dai senigalliesi, alla proposta di confluire sotto il comune costiero. Solo due i seggi distribuiti sul territorio di Morro d’Alba, dai quali risulta una percentuale del 29,66% di favorevoli (342 voti), battuti dal 70,34% di contrari (811 voti), che in questo modo confermano il blocco del processo di fusione e scelgono di “tenersi” la loro Morro d’Alba come Comune a sè stante.

Doppio no e doppio stop uscito dalle urne del referendum: era infatti necessario un doppio SI’ per proseguire nell’iter della fusione. Anche senza consenso dei cittadini, la Regione potrebbe comunque imporre l’incorporazione, se gli Amministratori volessero procedere, ma Senigallia si è già detta non disponibile ad andare oltre, senza l’ok degli elettori.

Commenti
Ci sono 10 commenti
pablo 2016-10-24 00:20:48
C'è qualche selfie dei soliti in giro? Non riesco a trovarne.
Cristian 2016-10-24 06:15:07
Il messaggio é chiaro: i cittadini di morro e di senigallia non vogliono questa fusione! Le istituzioni, sono pregate di assecondare ll volontà del popolo.
galileo 2016-10-24 07:38:52
è la sconfitta della politica fatta senza coinvolgere i cittadini, è ora di tornare a confrontarsi con la popolazione, sentirne le necessità e soddisfarne i desideri!
la politica torni al confronto con la gente!
fra77 2016-10-24 07:53:46
Un no scontato,anche se hanno votato veramente in pochi. La situazione anche se si votava in massa non cambiava. Morro e Senigallia son troppo diverse in tutto,e poi il popolo ha confermato tale scelta. Piaccia o no il matrimonio non si farà.
octagon 2016-10-24 10:04:34
Sono rimasti 2.427 del pd? Estinzione naturale della specie....
pippo1963
pippo1963 2016-10-24 11:08:16
Ah ah ah
angela 2016-10-24 13:00:50
Il PD cittadino é davvero esile nei numeri, inesistente nella qualità....se poi certi (...omissis...) hanno un curriculum vergognosamente incompetente rispetto (...omissis...) che ricoprono...
Ciò che non difetta é però l'arroganza e la presunzione di essere...ciò che non si é e non si sarà mai!!!!
ilbianconiglio 2016-10-24 14:25:42
Cavolo era l'occasione d'oro per trovare i quattrini che ci servono per sistemare la strada fino a Senigallia!
octagon 2016-10-24 22:37:03
Mi ero dimenticato di una cosa, ATTENDO FIDUCIOSO un'intervento da parte di quelle costolette di partiti di, giovani democratici, vivi senigallia e la città futura sull'esito di questo referendum dopo le sparate dei giorni scorsi, cna compresa..........
pippo1963
pippo1963 2016-10-25 08:23:06
Uha uha uha
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!




Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura