SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Torna in cella l’uomo arrestato per l’incendio in via del Molinello a Senigallia

Dadone, l'imprenditore ritenuto responsabile del rogo, era stato trasferito al centro ustionati di Cesena

2.036 Letture
commenti
Netservice - Posizionamento su motori di ricerca
Il palazzo di via del Molinello a Senigallia

Torna in cella l’uomo che la polizia ritiene essere il responsabile dell’attentato incendiario al condominio di via del Molinello, a Senigallia. Francesco Dadone, fermato dopo due giorni di indagini e trasferito all’ospedale per le ustioni riportate nell’episodio di martedì 28 novembre, su richiesta del giudice è stato trasferito nel carcere di Villa Fastiggi dov’era stato rinchiuso prima delle cure al centro ustionati di Cesena.

L’attentato, come si ricorderà, ha visto le fiamme appiccate in due punti dell’edificio all’angolo con via Cellini: un primo rogo sarebbe divampato nell’ingresso dell’attico, l’appartamento della vittima della vicenda, Nives Bigelli; un altro rogo sempre di natura dolosa è stato invece appiccato ai garage che hanno distrutto tutto il materiale contenuto, causato una deflagrazione che ha svegliato i condomini e rovinato il piano terra rendendo inagibili alcune abitazioni.

I danni sono molteplici e tra i condomini si parla di intentare una causa civile, ma l’idea non vedrebbe il consenso di tutti i residenti. Intanto all’uomo, imprenditore residente a Mogliano di Fano, viene contestato un pesante capo d’accusa, il crollo doloso.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura