SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Il consigliere Paradisi chiede le dimissioni del sindaco di Senigallia

Presentato un o.d.g., riguardante pure l'intera Giunta, che sarà discusso nel prossimo Consiglio comunale

2.659 Letture
commenti
Maurizio Mangialardi e Roberto Paradisi

–    Con determina 807 del 9 agosto scorso, l’Amministrazione Comunale, guidata dal sindaco del Pd, ha affidato alla società Geomarine srl di Senigallia un incarico per 20 mila euro in due anni per “rilievi batimetrici e topografici e per monitoraggio di un tratto di costa”;


–    La società Geomarine srl è di proprietà, tra gli altri, dell’ex capogruppo del Partito Democratico in consiglio comunale Lorenzo Magi Galluzzi.
–    Addirittura, il dirigente Gianni Roccato che ha firmato l’incredibile determina, definisce la Geomarine srl una ditta “di fiducia dell’Amministrazione comunale”;
–    L’ex capogruppo del Pd è socio di Geomarine srl (insieme ad altri due soci) e consigliere delegato della stessa con incarico ricevuto in data 14.04.2011;
–    L’incarico professionale alla Geomarine srl è stato affidato senza pubblicazione di un bando di gara ma con affidamento diretto (procedura negoziata);
–    In passato (nel 2009) anche la Giunta Angeloni aveva affidato a Geomarine srl incarichi per 40 mila euro circa, anche in quella occasione senza previa pubblicazione di un bando di gara;

PREMESSO INOLTRE CHE
–    Con sentenza 630/2012, il Tar Marche, decidendo su un ricorso proposto dall‘imprenditore balneare Massimo Pierantognetti a seguito di una gara di affidamento di concessione di un’area demaniale, condannava l’Amministrazione Comunale di Senigallia per aver illegittimamente favorito l’Associazione “Noi della Cesanella”;
–    In particolare, i giudici del Tribunale anconetano stigmatizzando con parole durissime il comportamento illegittimo dell’Amministrazione comunale, condannava il Comune ad assegnare la concessione balneare al ricorrente (che aveva perso la gara) e al pagamento di oltre 4 mila euro tra spese legali e rimborso del contributo unificato;
–    I giudici hanno inoltre stigmatizzato l’atteggiamento dell’Amministrazione la quale, vistasi sospendere il provvedimento amministrativo illegittimo di concessione, aveva addirittura annullato la gara per rimettere in gioco l’Associazione “Noi della Cesanella“;
–    Ecco le parole testuali dei giudici amministrativi in sentenza: “La revoca non è legittima quando, in assenza di specifiche ragioni, essa costituisce lo strumento per neutralizzare iniziative giurisdizionali poste in essere da uno o più concorrenti e favorire altri concorrenti“. E ancora: “Il Comune è incorso in uno eccesso di potere per sviamento … è evidente che la modifica del bando ha quale unica finalità quella di rimettere in gioco l’associazione ‘Noi della Cesanella’ e consentirle di partecipare alla nuova gara“.

CONSIDERATO CHE
–    Le due questioni, così gravi eticamente e politicamente, pongono una vera  e propria questione morale cittadina che smaschera l’ipocrisia politica di un ente, fino ad oggi, auto-definito “virtuoso” presentandosi all’opinione pubblica come esempio di “moralità amministrativa”;
–    Sulla prima vicenda, non può sfuggire che il sindaco e la Giunta intera hanno violato palesemente lo Statuto del Comune di Senigallia,  la norma principe del nostro Comune. Una sorta di piccola “Costituzione” civica alla quale occorre uniformarsi senza se e senza ma.
–    Il nostro Statuto (che il sindaco dovrebbe difendere e rispettare come primo cittadino e garante del nostro ordinamento civico in un’ottica di rispetto della legalità e dei principi che la città si è data) stabilisce senza mezzi termini che “al sindaco al vice sindaco, agli assessori ed ai consiglieri comunali è vietato ricoprire incarichi ed assumere consulenze, anche a titolo gratuito, presso il comune”  (art. 42 Statuto comunale).

CONSIDERATO INOLTRE CHE
–    Lorenzo Magi Galluzzi, con un gesto apprezzabile, ha rassegnato le proprie dimissioni da consigliere comunale;
–    Altrettanto non hanno fatto sindaco e Giunta travolti da un’ondata di immoralità politica, atteso il fatto: 1) che l’incarico alla società del proprio capogruppo no è piovuta dal cielo ma è stata decisa e approvata dall’Amministrazione Comunale che se ne deve assumere la piena responsabilità senza trovare capri espiatori; 2) che il comportamento dell’Amministrazione comunale nell’affidamento della concessione demaniale ad una associazione che è stata “favorita” per “motivi politici” (per usare le parole del Tar) è di una gravità inaudita e senza precedenti (nel senso che non risultano sentenze che certificano, come in questo caso, il comportamento illegittimo e immorale dell’ente);
–    La violazione così palese dello Statuto comunale da parte del Sindaco in persona e dell’assessore competente pone una questione che, oltre a interessare il campo etico e morale, assume un evidente carattere istituzionale in quanto il primo cittadino non è “legibus solutus” ma è il primo che dovrebbe uniformarsi alla Legge della Città;

Premesso tutto ciò, il Consiglio comunale
INVITA IL SINDACO E LA GIUNTA COMUNALE
A rassegnare le dimissioni e a rimettere il mandato elettorale nelle mani dei cittadini.
Senigallia lì 22.11.2012

Commenti
Ci sono 8 commenti
mari mario 2012-11-22 22:51:01
toh vacce a beve!!!!ce senti cerqua.
Kanto 2012-11-22 22:53:50
Tutti pronti a serrare i ranghi!
Melgaco 2012-11-22 23:03:21
Ovviamente mi aspetto che questo e altri giornali pubblichino nome, cognome e foto (che definirei "segnaletiche") dei consiglieri che salveranno le chiappe a Mangialardi
rocco 2012-11-23 02:00:36
Mi viene semplicemente da dire ,andate a lavorare disertori della vanga,un po di sano lavoro nei campi vi ci vorrebbe proprio,giusto per farvi ricordare cosa possa significare la parola LAVORO esimie t.di.c.
Jobby 2012-11-23 12:32:02
Mangialardi e una persona sana che a mio parere e' stato tradito dai dirigenti che purtroppo lui stesso a scelto. Dovrebbe certamente per coerenza dimettersi, ma una seconda possibilità
Io gliela darei. I rigori li sbaglia chi non li tira.
Jobby 2012-11-23 12:34:03
....scusate i rigori non li sbaglia solo chi non li tira... Questo volevo dire.
Melgaco 2012-11-23 13:21:21
Ma se uno ne sbaglia troppi, l'allenatore li fa tirare a qualcun altro
rocco 2012-11-23 13:43:34
il problema è che quando ne sbagli troppo di rigori stai in panchina, e poi qua non si parla di calcio ma di rischiare con le tasche altrui ,ma tanto siamo in italia non ci si può fare nulla
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura