SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“Turismo: si può fare di più”

di Marco Giardini Presidente Associazione Prodotti di Fattoria Tipici Marchigiani


A meno di contraccolpi dovuti ai "neri" umori meteorologici del mese di agosto, le attività turistiche nelle Marche segnano positivo: certamente da gennaio (dato di riflessione questo!) sino a luglio anche per ritorno degli stranieri.
Soddisfazione è stata già espressa dall’Assessorato regionale al Turismo. Ancora in sottovoce, però, il contributo – e lo affermiamo sulla base di dati ufficiali e di quelli in nostro possesso – la vera novità di questa stagione: il contributo garantito all’agriturismo ovvero dai "percorsi" delle fattorie e dalla conseguente scoperta dei prodotti tipici locali delle nostre aziende agricole. Un indirizzo di sviluppo turistico molto apprezzato e che in tanti casi si coniuga perfettamente con il tradizionale turismo balneare. Eppure si potrebbe fare assai di più e meglio. Vogliamo dire che con una più elevata e dinamica organizzazione il risultato sarebbe più congruo per tutti: pensiamo solo agli albergatori non tutti in grado di proporre alternative alla spiaggia a turisti annoiati dalle oscillazioni nuvolose e spesso piovose del periodo ferragostano. In proposito, una verità da sottolineare: la percentuale degli albergatori, che hanno incluso nel loro pacchetto di soggiorno nelle Marche (Senigallia, San Benedetto del T, Gabicce, ecc.), oltre alla visita ai monumenti o alle Grotte di Frasassi, anche le aziende agricole produttrici di vino, olio, insaccati, ecc, non supera – sempre sulla base di dati in nostro possesso – la minima soglia del 5%. Una grande distanza fra offerta e domanda (ed aspettative) dei turisti. Una grande distanza anche da ciò che offrono Regioni come l’Emilia Romagna (ad esempio, quest’anno, per un mese intero, fra luglio ed agosto, su Radio 2 ha sponsorizzato una trasmissione tutta incentrata sulla rivelazione delle tipicità locali) o come il Veneto o la Toscana che da anni con profitto mettono in sinergia mare, albergo, ristorante, agriturismo, pubblicizzazione di olio, formaggi, salumi, vino, miele ed altre eccellenze dell’agricoltura del posto. Ebbene, su questa linea la CIA, tramite l’Associazione Prodotti di Fattoria Tipici Marchigiani, l’Associazione agrituristica Turismo Verde, torna ad offrire -con la forza delle idee e dei fatti acquisiti- la propria convinta collaborazione a Province, Comuni ed operatori del settore. Nei casi in cui quella collaborazione si è fatta realtà i risultati sono stati sostanziosi grazie anche a pubblicazioni mirate a proporre e prospettare ai turisti fiere, eventi espositivi, percorsi, strade, fattorie, bellezze naturistiche, luoghi dove l’ammirazione per il paesaggio si fonde con sapori, storie e tradizioni del territorio: cantine, frantoi, caseifici, salumifici, mulini con macine a pietra e forni dagli antichi profumi.

Marco Giardini
Presidente Associazione
Prodotti di Fattoria Tipici Marchigiani

Redazione Senigallia Notizie
Pubblicato Venerdì 1 settembre, 2006 
alle ore 9:07
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
Triste
Indifferente
Felice
Molto felice
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno