SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
SenigalliaNotizie.it - Vetrina Aziende

Morte Andrea Bolchi: amara verità emerge 12 anni dopo tragico incidente a Serra de’ Conti

Una gara clandestina costò la vita al giovane deejay di Senigallia: rinviato a giudizio un maceratese per omicidio colposo aggravato

6.338 Letture
commenti
Tribunale di Ancona

A distanza da 12 anni dalla sua tragica scomparsa, emerge da una serie di intercettazioni, una sconcertante verità sulle cause della morte di Andrea Bolchi, giovane deejay di Senigallia.

Risale alla notte tra il 29 e il 30 gennaio la morte, in un incidente stradale, di Andrea Bolchi, 28enne all’epoca.

La versione che gli amici presenti sul luogo del sinistro stradale fornirono agli inquirenti, raccontavano che Bolchi sarebbe entrato in collisione a forte velocità con la propria auto contro un albero, posto in prossimità della strada che da Serra De’ Conti si dirige verso Arcevia, senza che alcuno abbia avuto nessun ruolo nel drammatico sinistro.

Questa ricostruzione dei fatti non aveva mai convinto i genitori della vittima, soprattutto in relazione alla presenza degli amici su altre vetture, che seguivano quella su cui viaggiava il figlio da solo. Più volte i genitori hanno chiesto agli amici la verità, in particolare a quello di essi con cui Andrea reputava di avere il legame più forte: ma di fronte alla perentorietà del racconto dei fatti da questi fornito, i genitori di Bolchi si sono arresi, chiusi nel loro dolore, ma con un dubbio, che come un tarlo non dava pace alle loro menti.

Ben dodici anni dopo, quel dubbio si è manifestato in tutta la sua amara certezza.

Da un’intercettazione effettuata dai Carabinieri, per fatti diversi dal sinistro stradale, è emersa una verità taciuta per 12 anni da quei giovani, che oggi, nel 2022, sono uomini.
La tragica notte del 30 gennaio 2010 Andrea non è morto perchè ha sbandato da solo, a causa dell’alta velocità con cui conduceva la sua vettura.

Quella notte tra i ragazzi era in corso una corsa clandestina di auto, con tanto di reciprochi sorpassi a forte velocità, andati avanti sino a quando la vettura condotta da M.P., di Macerata, non agevolò la manovra di sorpasso, limitandosi a rallentare improvvisamente solo pochi istanti prima dell’impatto che fu fatale a Bolchi, ovvero quando si rese conto che il senigalliese aveva perso il controllo della propria auto e stava andando a schiantarsi contro l’albero.

M.P., difeso dall’avv. Pierfrancesco Tasso, è stato rinviato a giudizio immediato su richiesta del PM dr. Paci presso il Tribunale di Ancona, presieduto dal Giudice Moscaroli, per rispondere del reato di omicidio colposo aggravato.

Nel processo si sono costituiti anche i genitori di Andrea Bolchi, assistiti dall’Avv. Corrado Canafoglia.

Il processo è stato rinviato all’udienza del 6 ottobre 2022 per permettere la costituzione in giudizio della compagnia assicurativa, la quale copre la responsabilità civile dell’imputato quale responsabile civile.

Una triste vicenda, non solo per la morte di un giovane figlio unico, ma anche perché caratterizzata dal silenzio sulla verità portato avanti da anni soprattutto da quello che Andrea reputava il suo amico del cuore, verso cui ho ricevuto dai genitori mandato di agire, anche perché a tutt’oggi nessun amico si è fatto vivo con i genitori di Andrea, neanche per chiedere scusa” – commenta l’Avv. Canafoglia, legale della famiglia.

Commenti
Ci sono 2 commenti
Glauco G. 2022-07-08 13:15:35
Che bel gruppo di persone...quando scrivete "oggi uomini" a questo punto dubito del termine "uomini" applicato a quelle "pesroncine". Mi dispiace molto per i gentori ma, come sempre detto, personalmente provo meno "pietà" per chi se le cerca. sarò crudele ma vero! ciò nonostante...dispiace molto per la famiglia di quel ragazzo che è stata circondata per 12 anni da persone veramente di basso livello (gli amici del ragazzo dico).
Mario2 2022-07-08 18:53:37
Io lo conoscevo Andrea, non posso dire che eravamo molto amici perchè ci siamo frequentati per un breve periodo, non perchè non andavamo d'accordo ma perchè c'era una sorta di barriera economica che ci divideva, cosa che non ha mai fatto pesare, questo ci tengo a precisarlo. Al di là di questo, per come l'ho conosciuto io posso solo dire che Andrea era una brava persona e non lo dico perchè non c'è più, era generoso una persona alla mano, simpatico un ragazzo che come tutti noi a quell'età aveva voglia di vivere e divertirsi. Sono rimasto scioccato quando ho appreso della sua scomparsa anni fa e sono indignato oggi nel leggere che quelli che dovevano essere i suoi amici più stretti abbiano taciuto la verità ad un padre e una madre che hanno perso un figlio. Concordo con @Glauco G non scrivete uomini perchè non lo sono.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno