SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Serata ricca di dibattiti quella di mercoledì 25 agosto a Senigallia – VIDEO

Due aspetti diversi della gestione della pandemia: da una parte Silvestri e Clementi, dall'altra l'associazione "Io sono noi siamo"

1.694 Letture
commenti
Assicurazioni Generali - Agenzia di Senigallia - Polizza Smart Life
Dibattito Piazza Roma

Serata di confronti e dibattiti quella di mercoledì 25 agosto a Senigallia.

Due appuntamenti in contemporanea su due aspetti diversi della gestione della pandemia, affrontata in modo ben differente, hanno dunque impegnato due piazze di Senigallia, promuovendo da una parte le vaccinazioni anti-Covid con l’immunologo Guido Silvestri e il professor Massimo Clementi.

Dall’altra parte, in Piazza Roma, una cospicua folla si è raccolta in ascolto dell’avvocato Erich Grimaldi, portavoce dell’associazione “Io sono noi siamo”, radunati in un convegno intitolato “Terapie domiciliari precoci per il Covid 19 – il diritto alla cura”.

Sia cittadini vaccinati che non vaccinati tra i presenti che hanno avuto accesso libero in piazza Roma, dove il dibattito si è concentrato sulle modalità di cura. Per l’accesso ai giardini della scuola Pascoli era invece richiesto il possesso del Green Pass e i posti erano assegnati tramite prenotazione.

Commenti
Ci sono 9 commenti
BlackCat
BlackCat 2021-08-27 13:58:01
Quindi c'era uno scienziato e ricercatore clinico che parlava di scienza e vaccini e nell'altra piazza un avvocato che parlava di scienza e cure mediche che è come chiedere ad un medico di parlare in piazza di ingegneria civile e calcolo strutturale.
mik76
mik76 2021-08-27 15:37:30
Blackcat quoto tutto, questa la differenza tra una cultura universitaria e specialistica e la cultura derivata da Facebook. Il dramma è che la secondo sta diventando preponderante
giulio
giulio 2021-08-27 15:49:46
@BlackCat.
Non si meravigli troppo. Sulla sua salute lei prende ordini da un laureato in scienze politiche (Speranza).
octagon 2021-08-27 18:29:06
giulio sa benissimo che Speranza segue le direttive del cts basta andare su salute.gov questi i nomi Il Comitato Tecnico Scientifico è così composto:

prof. Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità del Ministero della salute, con funzioni di coordinatore del comitato
prof. Silvio Brusaferro, presidente dell'Istituto superiore di sanità, con funzioni di portavoce del comitato
dott. Sergio Fiorentino, avvocato dello Stato, Capo del Dipartimento per il coordinamento amministrativo della Presidenza del Consiglio dei ministri, con funzioni di segretario verbalizzante
prof. Sergio Abrignani, rappresentante indicato dalla Conferenza delle regioni e province autonome
dott.ssa Cinzia Caporale, presidente del Comitato etico dell'Istituto nazionale per le malattie infettive "Lazzaro Spallanzani"
dott. Fabio Ciciliano, dirigente medico della Polizia di Stato, esperto di medicina delle catastrofi in rappresentanza del Dipartimento della protezione civile
dott. Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell'Istituto nazionale per le malattie infettive "Lazzaro Spallanzani"
dott. Giorgio Palu', presidente dell'Agenzia italiana del farmaco, AIFA
prof. Giovanni Rezza, direttore generale della prevenzione sanitaria del Ministero della salute
ing. Alberto Giovanni Gerli, esperto informatico analisi previsionali (dimissionario 18 marzo 2021)
prof. Donato Greco, esperto epidemiologico
prof.ssa Alessia Melegaro - direttore Covid Crisis Lab Università Bocconi
giulio
giulio 2021-08-27 19:57:48
@octago.
Dopo aver fatto il copia-incolla cosa mi vuole dire? Se volevo conoscere la composizione del CTS me la trovavo da solo, grazie. E' chiaro che Speranza segue le direttive del CTS, come è altrettanto chiaro che l'avv. Grimaldi segue le direttive di medici, specialisti e infettivologi, i quali si sono fatti questa domanda: "davvero mi devo fare 72 ore di febbre a quaranta prima di assumere un antinfiammatorio?"
lety07 2021-08-28 11:05:42
Resta il fatto che nel green pass a ricatto non ci sia proprio nulla né di medico né di scientifico. Nel momento in cui si crede in un vaccino efficace e sicuro, bisogna metterlo obbligatorio, senza firmare una liberatoria, oppure, se opzionale, far sì che i tamponi siano gratuiti o a prezzi simbolici, come per le mascherine che siamo tuttoggi costretti ad utilizzare.
E resta il fatto che le terapie domiciliari si siano dimostrate efficaci e ad intervenire in quel dibattito ci sia stato anche un medico cardiologo, che ha riscontrato problemi gravi in molti dei suoi pazienti a seguito di questo pseudo vaccino a copertura limitata e i cui cosiddetti "immunizzati" si siano dimostrati comunque contagiosi e quindi affatto esenti dal prendere il Covid.
octagon 2021-08-28 18:26:54
giulio allora sa cercare e leggere, ma intanto la battuta l'ha fatta ugualmente pur sapendo che Speranza prende ordini dal cts, per quanto riguarda la solita tiritera che portate avanti, tachipirina e dolce attesa e tante altre boiate, lei non fa parte dell'USCA... si aggiorni o si informi, oltre 1700 persone seguite a domicilio, rari ricoveri che si contano nelle dita di una mano. Qui a Senigallia gli avvocati fanno gli avvocati, non parlano di scienza della salute pubblica, però se lei è contento di curarsi con loro ben venga, p.s. ivermectina se le serve la può trovare anche dal veterinario.
octagon 2021-08-28 18:35:03
lety07 nessun, dico nessun medico o fonte autorevole ha detto o scritto che i vaccinati non prendono il covid, i vaccinati prendono ugualmente la malattia o presentano i SINTOMI, ma non vanno in ospedale o terapia intensiva, se dopo oltre un anno non ha capito questo, ma non soltanto Lei, nessuno vi può aiutare, e anche per Lei, a Senigallia dallo scorso anno c'è l'USCA che assiste i pazienti a casa. La liberatoria Lei la firma anche per il vaccino contro il tetano...
lety07 2021-08-29 10:31:05
@octagon, ribadisco che in un green pass a ricatto non ci sia benché minimamente nulla di medico e/o di scientifico.
La informo che ci sono stati morti di covid che erano stati vaccinati con doppia dose, cerchi pure tra le notizie di quotidiani locali italiani. Forse la maggior parte dei vaccinati non finisce in terapia intensiva ma chiamare i vaccinati come immunizzati è un tantino esagerato. Qualcuno è morto lo stesso di covid e qualcun altro è morto post vaccino per conseguenze impreviste...
Fino all'altro ieri si sosteneva che il vaccino coprisse dai 6 ai 9 mesi. Ora hanno esteso per i vaccinati la validità del green pass per 12 mesi. Quindi hanno dato un permesso premio di 3 mesi. Visto che io non capisco, mi illumini lei: cosa c'è di medico/scientifico in un permesso premio? Perché con gli altri vaccini obbligatori non si è mai sentito parlare di nulla di tutto ciò. Mai. Ah giusto, ora siamo in stato d'emergenza. Ieri sera in fiera tra una nocciolina e l'altra, comprando uno zainetto toccato da chiunque e resistendo alla calca me ne ero dimenticata. Ma io, come dice lei, non capisco.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura