SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Studio Feiz Mahdavi Margherita - Consulenza del Lavoro a Imprese e Privati - Senigallia (AN)

Il Covid blocca la visita di Babbo Natale nell’ospedale di Senigallia

La positiva ed emozionante iniziativa proseguiva da più di 20 anni, ma non potrà essere proposta in presenza nel 2020

Babbo Natale

Questo Natale 2020, a causa del Covid 19, il Babbo Natale non potrà essere presente nell’Ospedale di Senigallia con i bambini e gli adulti ricoverati.

Da più di 20 anni c’è la consuetudine che il Babbo Natale faccia visita all’Ospedale nei giorni prenatalizi e porti doni ai bambini e dolciumi agli adulti.

La visita iniziava con il reparto di Pediatria, dove Babbo Natale, Raffaele Mandolini, incontrava i bambini ricoverati ed i loro genitori, il personale sanitario del reparto, operatori della Direzione Medica di Presidio e i volontari delle Associazioni coinvolte, intrattenendoli con doni, poesie e canti, creando un clima di allegria e serenità.

Gli Scout dei Gruppo AGESCI Senigallia 1 e FSE Senigallia 1 con le loro chitarre animavano l’incontro e supportavano Babbo Natale con i canti.
L’Associazione “Un Tetto” Gruppo per l’Affido e l’accoglienza dei minori allestiva i doni insieme al Gruppo Scout.
Il Gruppo “Genitori Testimoni di Speranza” preparava e offriva sacchetti di dolciumi in Pediatria e in tutti gli altri Reparti.

La Direzione Medica di P.O. ha sempre mediato il rapporto con le Caposala e accompagnato Babbo Natale nei vari Reparti.

Questa iniziativa si è sempre rivelata positiva ed emozionante e ha fatto sentire il calore del Natale anche in Ospedale, in un momento di difficoltà personale dovuto alla malattia.

Quest’anno non la possiamo ripetere in presenza con nostro grande dispiacere; abbiamo perciò pensato di inviare i saluti attraverso un filmato di pochi minuti per far sentire la nostra vicinanza agli ammalati e dare un momento di leggerezza agli operatori sanitari così impegnati e pressati. Il nostro pensiero è sempre con voi, con chi soffre, con chi vive la preoccupazione, il dolore e la paura delle sue condizioni di salute e con gli operatori sanitari, angeli custodi sempre presenti nella cura e vicinanza ai ricoverati.

La Coordinatrice del Progetto
D.ssa Maria Patrizia Spinaci

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS