SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Sistema dunale e Fratino, Senigallia firma protocollo

Accordo per la tutela

Senigallia Resistente - Rosaria Diamantini Sindaco - Elezioni Amministrative 2020
dune

Firmato un Protocollo d’intesa tra Comune di Senigallia, Guarda Costiera e Associazione Ricerca Conservazione Aviofauna per il potenziamento e lo svolgimento coordinato delle attività di tutela e di salvaguardia del sistema dunale e del Fratino.

A sottoscriverlo sono stati il sindaco Maurizio Mangialardi, il contrammiraglio Enrico Moretti e la responsabile del progetto Dune di ARCA Martina Magini.

L’obiettivo è conservare l’ambiente dove crescono numerose piante psammofile, rare e protette, che costituiscono l’habitat dunale del Fratino, uccello a rischio di estinzione che nidifica nelle spiagge sabbiose e ghiaiose di Senigallia.

Dal 2010 il Comune di Senigallia monitora ogni anno, attraverso con il Progetto Dune, la flora dunale e il Fratino. Le principali attività riguardano l’installazione di recinzioni a protezione delle dune e dei nidi di Fratino e l’organizzazione di eventi informativi e di sensibilizzazione rivolti a cittadini e turisti. Tali azioni che negli anni hanno portato a un incremento non solo della vegetazione psammofila dunale, ma anche della riproduzione del Fratino.

Commenti
Ci sono 2 commenti
lillo 2020-08-05 13:17:35
Tanti discorsi sulla protezione, quando a fine luglio il Comune ha provveduto a tagliare tutta la vegetazione delle dune con decespugliatore a motore, credo uno dei modi peggiori di operare in un ambiente tanto delicato.
Nei giorni seguenti ho notato che i gruppetti di fratini che si vedevano la mattina in riva erano scomparsi, evidentemente spaventati dall’intervento che ha distrutto anche ogni possibile riparo. Per ora ho rivisto solo un fratino isolato. Non sarebbe stato meglio aspettare la partenza dei fratini? Per concludere mi sembra che protocolli e chiacchiere tanti, sensibilità ecologica zero.
Mario2 2020-08-06 15:52:21
Ad ogni evento la spiaggia viene devastata tipo lo scorso anno con la pista delle moto, i materiali per la costruzione erano ammassati proprio sulla vegetazione. Ma in che mondo viviamo, ognuno recita la sua farsa!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!