SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Senigallia: “professoressa Pierini, grazie davvero di tutto”

Toccante ricordo degli ex allievi del Medi: "ci ha lasciato qualcosa che non scomparirà mai"

7.645 Letture
commenti
Laura Pierini
Cara Professoressa,
Apprendiamo oggi, con il cuore pesante e carico di tristezza, della sua scomparsa.
 

E la nostra mente non può che tornare indietro a quell’anno, il 1990, in cui per la prima volta sui banchi di scuola sperimentammo, spaventati e un po’ incerti sulle nostre malferme gambe di adolescenti ribelli della sezione 3A del Liceo Scientifico “Medi” di Senigallia, e con lei scoprimmo una storia “di nuovo vestita” e la filosofia,suo grande amore…
 
Ricordo ancora – e con me i miei compagni – la sua prima lezione: il concetto di otium e negotium latino, l’idea di una filosofia che era impegno speculativo, valore profondo della comprensione di sé e del mondo, riflessione sulla storia e sul nostro essere “umani” nel senso più alto e profondo…
 
E come non ricordare la sua pazienza di fronte ai nostri goffi tentativi di interpretazione o i clamorosi errori – tollerati con sovrumana pazienza (ricordo io stessa, non senza imbarazzo, di aver trasformato Maometto in un cameriere, anziché cammelliere, a cui lei sorrise chiosando che probabilmente lavorarva nel bar Oasi)- di fronte ai quali lei stessa reagiva con una, ennesima, spiegazione.
 
Ricordano i compagni la sua attenzione a noi, l’averci difeso in consiglio di classe e scelto la sua materia da dare a Settembre per evitare danni ben più infausti…
 
Ricordiamo le sue gonne scozzesi e l’idea che l’essere vale sempre di più dell’apparire.
 
Lei è stata un’insegnante di cultura vastissima, viva, feconda per le nostre giovani e acerbe menti, che non si limitava al sapere ma pretendeva risposte di senso, analisi, interpretazioni, che ci spingeva a PENSARE pensieri che venivano sempre accolti e discussi…ricordo lo sforzo e la fatica di tirare fuori da noi quello sguardo intelligente nel senso etimologico di intelligere, del guardarsi dentro…ricordo la capacità di rendere chiari anche concetti estremamente complessi e di fare del nostro incontro con il mondo della filosofia e della storia qualcosa di prezioso.
 
“Un insegnante – ha scritto Henry Brooks Adams – colpisce per l’eternità; non si può mai dire dove la sua influenza si ferma”.
 
Ecco in questo triste momento, e nell’apprendere della sua scomparsa vorremmo sapesse che lei ha lasciato in noi qualcosa che non scomparirà, mai.
 
A lei Laura, grazie di tutto! Sit tibi terra levis.
 
Gli alunni della 3A classe 1990.
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Emergenza Coronavirus

Coronavirus: tutte le notizie

Ritiro dell'asporto su ordinazione

Ritiro del cibo d'asporto su prenotazione a Senigallia e dintorni

Generi alimentari, di necessità e piatti pronti: consegne a domicilio