SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Il Ping-Pong che verrà

Il Centro Olimpico è un impianto specializzato per il tennistavolo, progettato per svolgere attività fisica a qualsiasi età

549 Letture
commenti
Tennistavolo, ping pong

Gennaio è tempo di progetti per chi gestisce un impianto sportivo aperto al pubblico e deve programmare le attività dell’intero anno che si apre. Mentre infatti l’attività sportiva del tennistavolo è, come per altri sport, iniziata a luglio per terminare a giugno e si rivolge all’agonismo, la pratica del ping-pong e l’offerta turistico-sportiva si rivolge ad un più vasto pubblico, senigalliese ma non solo.

Il Centro Olimpico è un impianto specializzato per il tennistavolo come possono essere un bocciodromo, i campi da tennis o una piscina ed in questo è al top europeo come standard costruttivi. Ma il ping-pong può essere praticato anche come attività fisica a qualsiasi età ed il Centro Olimpico è stato progettato con lo sguardo proprio a questo.

E se trent’anni fa la socializzazione dello sport era una “visione” di pochi (tra cui Pettinelli) oggi è lo Stato in prima persona ad essere sceso in campo su questo fronte creando “Sport E Salute”, lasciando al CONI la sola parte di vertice e finanziando direttamente le singole federazioni che dovranno aprirsi alla promozione sportiva molto più di prima. In fondo il nostro Paese ha recepito con oltre vent’anni di ritardo la Carta Europea dello Sport che attribuisce al fenomeno sportivo molti più contenuti del solo agonismo.

“Sport e Salute” potrebbe essere declinato anche come Sport è Salute e questo apre nuovi orizzonti. Il Tennistavolo si è mosso con anticipo in questa direzione ampliando da anni l’offerta con una maggiore attenzione al sociale ed i riconoscimenti dello Stato Italiano e della Comunità Europea testimoniano la qualità dei progetti rivolti ai giovani, agli adulti, alla terza età.

Pur avendo 17 formazioni iscritte ai campionati regionali, un ruolo di leader nel CSI-Centro Sportivo Italiano, campioni nazionali nel settore paralimpico, un numero di tesserati tra i maggiori nel ping-pong nazionale, il Tennistavolo riconosce pari dignità a tutti gli altri progetti. Non solo agonismo, dunque, ma “anche” agonismo con una equa distribuzione degli spazi e degli orari organizzati per fasce, differenti tra inverno ed estate, per tenere conto della valenza turistico-sportiva del Centro Olimpico, meta estiva di camp tecnici internazionali ma anche di tanti appassionati che desiderano trascorrere periodi di vacanze nella “Città del ping-pong”, tra sole, mare, ping-pong e buona cucina. L’obiettivo è di dare uno spazio a tutti per praticare il ping-pong che desiderano.

L’agonismo scende dal piedistallo emotivo che si è preso in altri tempi perché, come recita la Carta Europea di Rodi, “si intende per “sport” qualsiasi forma di attività fisica che, attraverso una partecipazione organizzata o non, abbia per obiettivo l’espressione o il miglioramento della condizione fisica e psichica, lo sviluppo delle relazioni sociali o l’ottenimento di risultati in competizioni di tutti i livelli” e “sarà necessario promuovere la pratica sportiva in tutte le fasce della popolazione, sia come divertimento, che per ragioni di salute, o al fine di migliorare le prestazioni, offrendo impianti adeguati, programmi diversificati e istruttori, dirigenti o “animatori” qualificati”. Il progetto del Maestro Pettinelli, più conosciuto come “il Villaggio”, va proprio nella direzione del ping-pong per tutti.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!