SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“Sport a fondo perduto? A Senigallia dicono: no, grazie”

Senigallia Bene Comune: "non intercettati 2 finanziamenti: eppure le società son costrette ad utilizzare impianti senza requisiti"

2.223 Letture
commenti
Sicilia in Bocca - Prodotti tipici siciliani a Senigallia (AN)
Stadio di Marzocca

Il Ministero dello Sport tramite il C.I.P.E. ha finanziato 38 Comuni delle Marche per la riqualificazione di 44 impianti sportiviper un importo complessivo di 6,2 milioni di euro a fondo perduto.


Non c’è nessun impianto sportivo di Senigallia: come mai?

Il Comune ha presentato richieste di finanziamento fino ad un massimo di 300.000 euro che è l’importo massimo previsto per un comune?

Perché Senigallia non riceverà alcun finanziamento (ricordiamolo ancora una volta a fondo perduto)?

Anche per i 3.700.000 euro, per riqualificare gli impianti sportivi pubblici esistenti con risorse proprie della Regione Marche, il nostro comune non è stato in grado di ricevere nemmeno un euro.

I suddetti fondi regionali sono destinati ad interventi da parte di enti pubblici, per lo più Comuni, per un totale di 2.559.510,03 euro, e delle società sportive, ammesse per la prima volta e finanziate per un totale di 1.135.827,48 euro; destinatari che hanno presentato in tempo utile la domanda con i relativi progetti.

Per chi asserisce che noi di SBC non facciamo mai proposte per il bilancio comunale, ricordiamo che il Consiglio Comunale ha approvato all’unanimità la nostra mozione riguardante i finanziamenti sopraesposti nella seduta del 26 ottobre 2017.

Ci chiediamo allora perché la nostra amministrazione non è riuscita ad intercettare nei due finanziamenti esistenti per lo sport nessun euro? Non ci servono?

La nostra Amministrazione si vanta continuamente dell’Ufficio Bandi condiviso con gli altri comuni ma, se questi sono i risultati, non c’è da vantarsi tanto.

Solitamente il sindaco non ci risponde, ma in questo caso dovrebbe farlo per dovere verso le società sportive cittadine che in molti casi svolgono la propria attività in impianti che non possiedono i requisiti necessari e verso tutti i cittadini che ancora pagano tasse comunali spropositate per i servizi offerti loro.

Commenti
Ci sono 3 commenti
Dirty Rotten Imbeciles
Dirty Rotten Imbeciles 2018-03-15 09:59:45
....per intercettare i Finanziamenti, siano essi Europei o Italiani bisogna avere, all'interno dello Staff comunale, gente preparata e capace a farlo, ma lei, Sig.re Sartini, dimentica chi comanda al momento la macchina distruttrice di questa città, non chieda troppo ad una persona con il vizio di tagliare tutto quello che gli capita sotto mano....anzi, sotto la "falce".......

Basta guardare chi comanda ormai da 10 anni, per capire che a Senigallia non si potrà mai avere nulla di concreto ed interessante, se non 2 ridicole feste e qualche carro allegorico rimandato di mesi per allerte, che vede solo lui........quando cambierà il padrone, cambierà anche la città.....si fidi....

E per coloro che l'hanno votato, muti e remate....muti e remate.....muti e......remate !!!!
octagon 2018-03-15 10:16:12
Perciò il tendone del tennis coperto alle saline? Non si rifà neanche quello, allora è vero la voce che circola, più va in malora meno sarà il prezzo per prendere tutto l'impianto e darlo ai soliti noti! Due anni passeranno presto! Due anni passeranno presto! Due anni passeranno presto!
octagon 2018-03-17 06:50:27
Addirittura, si viene a sapere che in un bando non hanno nemmeno presentato domanda, ma l'assessore allo sport lo paghiamo con i nostri soldi, oppure lavora a gratis? Perché se lavora a gratis, vabbè pazienza, ma se c'è prende anche i soldi, è ora scossa che li rimette giù!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura