SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Si avvicina la prima ufficiale per l’FC Vigor Senigallia, parla il direttore generale Goldoni

Il punto della situazione dentro e fuori dal campo: "abbonamenti a prezzi popolari, contiamo sul sostegno della città"

1.899 Letture
commenti
Stefano Goldoni

Si avvicina a grandi passi l’inizio del campionato per l’FC Vigor Senigallia, che intanto domenica 10 settembre, alle ore 18, sarà impegnata al Bianchelli nella prima giornata di Coppa Italia contro il Sassoferrato Genga: nel girone c’è pure l’Olimpia Marzocca, che in questo fine settimana osserva il turno di riposo.


Non sono invece ancora usciti i gironi e i calendari di Promozione (campionato al via il 23 settembre), attesi a breve e comunque praticamente scontati: biancorossoblù sicuramente nel girone A con le altre anconetane, le pesaresi e l’ambizioso Portorecanati (Macerata).

Col direttore generale Stefano Goldoni, facciamo il punto della situazione dentro e fuori dal campo.

Goldoni, quali sensazioni a pochi giorni dal via?

“Sicuramente positive, l’impressione è che siamo una buona squadra e che i ragazzi seguano alla perfezione le direttive di mister Morganti: poi, come sempre, sarà il campo a parlare”.

Dando uno sguardo alle rose, la Promozione appare di livello medio più alto rispetto allo scorso anno. E’ davvero così?
“Non possiamo avere parametri certi, ma può effettivamente essere così. Di team da primi posti ce ne sono diversi: penso a Moie Vallesina, Mondolfo, Portorecanati. Anche altre squadre, magari meno attese rispetto al recente passato, a mio avviso hanno costruito una rosa molto buona: penso ad esempio all’Olimpia Marzocca, o al Valfoglia”.

E l’FC Vigor?
“Noi dobbiamo pensare a noi stessi, senza guardare troppo agli altri. L’obiettivo è certamente di rimanere in alto il più possibile”.

Fuori dal campo la società sta cercando di convogliare l’interesse dei senigalliesi, e in particolare dei vecchi tifosi della scomparsa US Vigor 1921. Che sensazioni si ricavano in tal senso?
“Siamo soddisfatti, all’inizio sentivamo più scetticismo attorno a noi, ora avvertiamo maggiore positività. Personalmente ho avuto diversi incontri con la tifoseria, noi auspichiamo che la città ci segua. Per questo, abbiamo deciso di lanciare una campagna abbonamenti (pubblicizzata anche da alcuni manifesti affissi in città dove è evidente il richiamo alla antica storia vigorina) a prezzi davvero popolari: 30 euro la curva e 60 la tribuna laterale e numerata”.

A quanti abbonamenti puntate?
“La società non pretende nulla, ma personalmente spero di raggiungere quota 150. Arrivare a 300 sarebbe davvero un grande risultato, 500 sarebbe invece un sogno”.

Dopo il cambio di nome in FC Vigor, ci saranno in futuro altre mosse per raccogliere l’eredità della vecchia US Vigor 1921 come diversi tifosi chiedono?
“Da parte nostra confermiamo di voler fare il possibile per riallacciarci a oltre 90 anni di storia vigorina e poter festeggiare il centenario. Chiaramente al momento l’attenzione è rivolta principalmente al campo”.

E tornando al campo, con quale spirito al Bianchelli contro il Sassoferrato Genga?
“Siamo consapevoli si tratti di una tappa di avvicinamento al campionato, ma anche che sarà il primo incontro ufficiale con la nuova denominazione, per giunta in casa. Vincere ci permetterebbe inoltre di riposare nel turno successivo. Domenica inizierà un percorso nuovo, ci teniamo a partire conquistando i primi 3 punti”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS