SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Onoranze Funebri F.lli Costantini

Rubano documenti e poi li gettano, la vittima del furto multata dai Vigili

Il giudice di pace ha condannato il Comune a risarcire un privato che è dovuto ricorrere all'Unione Nazionale Consumatori

2.970 Letture
commenti
Aula del tribunale di Senigallia

Gli rubano i documenti e poi li gettano in periferia, ma viene multato dai Vigili per abbandono di rifiuti. E’ questa la vicenda occorsa a un cittadino che è dovuto ricorrere all’Unione Nazionale Consumatori Giudice di Pace di Senigallia e vincere il ricorso contro il Comune di Senigallia.

Proprio nei giorni in cui si discute di rifiuti, sono state rese note le motivazioni che hanno portato il Giudice di Pace di Senigallia ad accogliere il ricorso del privato e condannare al risarcimento l’ente comunale.

I fatti risalgono al 2011 quando l’uomo, vittima di un furto, venne contattato dai Vigili urbani per un sopralluogo in campagna dove furono stati rinvenuti, in uno scatolone abbandonato, documenti a lui appartenenti e riconducibili. Oltre ad affermare di essere stato vittima di un furto, l’uomo negò l’abbandono di rifiuti contestato dai vigili. Dichiarò inoltre che usufruisce del servizio di raccolta dei rifiuti porta a porta, motivo per cui non avrebbe avuto bisogno di scaricare in periferia documenti fiscali legati alla sua attività e che quindi lo incastravano facilmente.
Nonostante ciò, la multa è arrivata lo stesso in quanto proprietario e produttore dei rifiuti: 100 euro.

Per una questione di principio, il privato si è rivolto all’Unione Nazionale Consumatori, rappresentato dall’avv. Corrado Canafoglia e dall’Avv. Elisa Pellegrini, per impugnare il provvedimento. I due legali hanno dimostrato che la sottrazione dei documenti avvenne contro la volontà del proprietario il quale non pose in essere alcuna condotta illecita.

Il Comune è stato quindi condannato a rifondere le spese sostenute dal ricorrente. Decisione che apre la strada a tante situazioni in cui la norma o la necessità di far cassa dei comuni spesso si scontra con il buon senso.

Commenti
Ci sono 2 commenti
octagon 2017-02-01 09:59:48
Adesso però i soldi della causa persa li paga il vigile che ha fatto la multa, L'avrebbe capita anche un fiolo! Non c'è bisogno di sherlock holmes. Me so rotto di pagare!!!! L'avete capita o no!
Mario2 2017-02-01 13:39:00
Il "comparto pubblico" funziona così, nel dubbio esagero tanto poi pagano i cittadini. Una figura chiamata a far rispettare la legge ma che non la conosce primo dovrebbe essere allontanato, secondo risarcire i cittadini. Ovviamente tutto questo non accadrà mai a mediocrilandia.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura