SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Carlo Emanuele Bugatti: “meglio votare No, che turarsi il naso e votare SI”

Referendum: "in molti nel Pd pensano che questo sia l'unico modo per corrispondere al manifesto fondativo del partito"

1.461 Letture
commenti
Carlo Emanuele Bugatti

Il prof. Bugatti, membro dell’Unione comunale, ha scritto all’avv. Elisabetta Allegrezza, segretaria del Pd senigalliese, di essere certo dell’esistenza di qualche oggettivo motivo organizzativo per cui è stata fatta slittare a dopo il referendum la convocazione della prossima riunione dell’Unione comunale, dovendo personalmente solo ringraziare per la pronta convocazione dell’organismo comunale sui temi relativi al Codice etico del Pd.

Il prof. Bugatti ha scritto di sperare anche che Segreteria e Unione comunale del Pd  vorranno far presenti agli iscritti – e ai giovani iscritti in particolare – che qualche attenzione e qualche riflessione va fatta sul rispetto di tutti i documenti di indirizzo del Pd, a partire, addirittura, dal Manifesto fondativo, poiché tutti ricordano che Il Manifesto fondativo, approvato dall’assemblea costituente il 16 febbraio 2008 affermava che il nascente Pd si impegnava a non cambiare mai la Costituzione a colpi di maggioranza.

“Ora” scrive il prof. Bugatti “l’inattesa notizia che Romano Prodi voterà Sì alla riforma costituzionale Boschi, improvvidamente votata a maggioranza, non potrà che accrescere lo smarrimento di una parte dell’elettorato del Partito Democratico. Uno smarrimento già diffuso e motivato dal fatto che il Manifesto fondativo impegnava con molta precisione e determinazione del nascente PD a non cambiare mai la Costituzione a colpi di maggioranza”.

“La Costituzione non è alla mercé della maggioranza del momento”, si legge infatti a pagina 4 del Manifesto, che precisa anche come la Carta scritta nel 1948 resti “la fonte di legittimazione e di limitazione di tutti i poteri. Proprio per questo il Pd si impegnava a ristabilire la supremazia della Costituzione, a difenderne la stabilitàe a mettere fine alla stagione delle riforme costituzionali imposte a colpi di maggioranza”.

“A questo punto” conclude il prof. Bugatti “in molti nel Partito democratico ormai pensano che l’unico modo per corrispondere al manifesto fondativo del PD sia votare NO, piuttosto che essere indirizzati a turarsi il naso e votare SI”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno