SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Fusione Senigallia – Morro d’Alba: arriva il sì pure da sindacati e associazioni di categoria

Sono stati sottolineati i notevoli benefici che si avrebbero per i servizi ai cittadini

1.967 Letture
commenti
Corsi di ballo 2016 del Summer Jamboree
Locandina della fusione tra Morro d'Alba e Senigallia

Condivisione del progetto di fusione per incorporazione di Morro D’Alba all’interno del Comune di Senigallia per la sua capacità di aggregare e razionalizzare l’erogazione dei servizi salvaguardando la rappresentanza del territorio attraverso l’istituto della Municipalità.

Questo il risultato dell’incontro con le organizzazioni sindacali e le associazioni in rappresentanza delle categorie economiche e produttive promosso dall’Amministrazione Comunale di Senigallia e svoltosi nella Residenza Municipale per analizzare motivazioni e contenuti dell’ipotesi di fusione.

All’incontro, presieduto dal Sindaco Maurizio Mangialardi coadiuvato dall’assessore Gennaro Campanile, hanno partecipato rappresentanti della CGIL, CISL, FNP CISL, UIL di Senigallia, Confartigianato, Confindustria, Confcommercio, CNA di Senigallia, Confcommercio Marche centrali, Associazione Albergatori, Coldiretti Ancona.

Tutti gli interventi dei rappresentanti delle organizzazioni sindacali e di categoria presenti hanno sottolineato come la proposta di fusione, sulla quale i cittadini di Senigallia e Morro D’Alba saranno chiamarti ad esprimersi in occasione del referendum del prossimo 23 ottobre, rappresenti per entrambe le comunità una bella occasione di crescita.

In particolare sono stati sottolineati i notevoli benefici che si avrebbero per i servizi ai cittadini grazie all’accresciuta efficienza e razionalizzazione amministrativa ricordando come l’identità specifica della comunità di Morro D’Alba sarebbe comunque salvaguardata dall’istituzione della relativa Municipalità, dotata di poteri incisivi sull’adozione di tutti i più importanti atti riguardanti quella determinata porzione di territorio.

I rappresentanti del segmento turistico hanno inoltre evidenziato come proprio un organico legame tra costa e territorio quale quello che sarebbe realizzato con la fusione Senigallia-Morro avrebbe il sicuro effetto di rafforzare l’offerta turistica dell’intero territorio aiutando la destagionalizzazione.

Commenti
Ci sono 3 commenti
pablo 2016-10-04 08:33:55
Comunicato di regime con le truppe ossequianti.
BlackCat
BlackCat 2016-10-04 08:56:29
Questi inchini, senza un minimo di pensiero critico, senza dibattito, senza approfondimento, sono un'altro valido motivo per votare NO. Le associazioni di categoria sono diventate dei comitati d'affari utili in primis alla politica e poi ai cittadini che dovrebbero rappresentare.
stefano 2016-10-04 09:49:29
La cinghia di trasmissione, a quanto pare, funziona ancora. Dalla riunione del parterre de rois , al di là delle solite frasi fatte, non arriva niente di nuovo, tanto meno i chiarimenti sulla operazione di fusione. Prima domanda ( e la cosa dovrebbe interessare sia i sindacati che le associazioni di categoria) : la Municipalità di Morro d'Alba non costa proprio niente? Il Vicario è nominato direttamente dal Sindaco di Senigallia l'assise municipale è a votazione. Queste persone non costano nulla al bilancio comunale? Sono lì solo come anime belle, o come belle statine nel museo delle cere?. Seconda domanda dal momento che la Fusione per Incorporazione viene mutuata pari pari dal Diritto societario la conservata Municipalità di Morro pone dei dubbi circa il Tipo di Fusione adottato. Cioè se la Fusione è di tipo propriamente detto (la società partecipante riceve azioni della partecipante per annullamento del patrimonio della prima) o ,almeno a guardare quanto spetterebbe a Morro, sia del Tipo di Fusione anomala. O, peggio ancora del tipo di Fusione per acquisizione per indebitamento (leverage buy-out). Da certe eleganti ,quanto effimere riunioni, qualcosa in più sarebbe stato lecito attendersi. Poi in ultimo ma non ultimo il ritornello (stantio) del "legame tra costa e territorio" e del "sicuro effetto di rafforzare l'offerta turistica dell'intero territorio aiutando la destagionalizzazione". Sul tema del rapporto storico "mare-monti" tra Senigallia e Morro per vedere quanto esso sia storico e consolidato ,basta andare a leggere lo Studio di Fattibilità dove, l'unico legame storico appurato è che " i morresi conservano ancora le foto delle loro vacanze al mare di Senigallia e i senigalliesi ricordano le damigiane di buon vino rosso di collina che andavano ad acquistare a Morro". Il che è tutto dire. A bhè !, sI bhè! , cantava Enzo Jannacci.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura