SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Optovolante - Ottica a Senigallia

L’intimo è mio e lo gestisce la cooperativa

Girolametti e Ramazzotti impongono il modello di asilo coreano: pannolini collettivi obbligatori per i bimbi, lavati da una coop

4.538 Letture
commenti
asilo nido, scuola dell'infanzia

Ci mancava questa che sembra una barzelletta estiva: l’assessore entra a gamba tesa nelle mutande. Questione di “ambiente”, dicono loro. Questione ideologica e surreale, in verità. I fatti. Due assessori, forse fulminati dai calori estivi, stanno lanciando una campagna tanto assurda quanto inquietante.

Vogliono costringere i nostri bambini negli asili “Mimose”, “Prato Verde” e “Cannella” ad usare un pannolone collettivo lavabile, fornito dal Comune, cercando di impedire il libero utilizzo dei tradizionali pannolini. Insomma, toccano l’intimo dei nostri bambini.

La nuova frontiera del pubblico che entra nelle mutande dei bimbi e impone l’intimo riciclabile (con una promiscuità da brividi) ai nostri figli si chiama “Progetto lavabile è sano”. Gli assessori Girolametti (Città Futura) e Ramazzotti (PD), in nome della “riduzione dei rifiuti”, vogliono arrivare ad impedire il libero e legittimo uso dei pannolini usa e getta fornendo promiscuamente pannolini lavabili (non assorbenti) che poi verranno lavati e riconsegnati a caso ai bimbi. Oggi il pannolone della coop a me, domani a te. Dai “collettivi operai” ai “collettivi riciclabili”.

Un modello coreano pensato per l’intimo infantile. Ovviamente, a gestire il progetto surreale saranno due cooperative: una locale  (che ha lanciato l’iniziativa e che dovrebbe fornire i pannolini a carico solo inizialmente delle finanze pubbliche con una spesa iniziale di 5.200 euro) ed una bolognese. E già perché l’importante è diminuire i rifiuti e poco importa se ogni santo giorno un furgoncino dovrà fare il giro degli asili nido della Spiaggia di Velluto, raccogliere i pannolini sporchi e portarli in Romagna alla Cooperativa bolognese (ma guarda un po’!) “I quattro Castelli”. Perché l’importante è riciclare l’intimo, che importa alle teste pensanti del riciclaggio di inquinare per quasi 300 giorni all’anno l’ambiente facendo viaggiare i pannolini per 360 chilometri per più volte a settimana!

Ma quel che più sconcerta è che di fronte all’autentica sollevazione dei genitori che rivendicano il diritto di gestire liberamente l’intimo dei propri bambini senza appaltarlo al Comune e alle cooperative (un sondaggio realizzato dallo stesso Comune ha rilevato che oltre il 90% dei genitori si è detto contrario allo scellerato progetto), l’Amministrazione ha deciso di andare avanti lo stesso.

La contrarietà dei genitori, di fronte alle coop che avanzano dentro le mutande, è fatto di nessun rilievo per lorsignori. Attenzione: non è una bufala estiva. E’ la cruda verità che riesce a superare ogni più morbosa e fervida fantasia. Vanno fermati subito. Almeno sulla soglia delle mutande.

Commenti
Ci sono 6 commenti
BlackCat
BlackCat 2016-08-03 17:50:16
....devono (...omissis...) questi ex-compagni venduti. Questa volta mi tocca dar ragione a Paradisi. È vero che molte mamme sono contrarie ed è vero che il modo in cui si appaltano questi servizi è altrettanto poco chiaro. Si sente una leggere - ma persistente - puzza di maz......a.
seldon 2016-08-03 18:58:05
Non entro nel merito dell'iniziativa del Comune, perche' non ne conosco i dettagli, ma mi sorge spontanea una domanda: quale sarebbe la soluzione del Consigliere Paradisi al gravoso problema ambientale generato dall'utilizzo dei pannolini usa-e-getta? Cosa ne facciamo di queste enormi montagne di rifiuti prodotti ogni giorno? O troviamo il modo di riciclarli, o dobbiamo escogitare un'alternativa! E, per come la vedo io, se una scelta di consumo non e' ambientalmente sostenibile, non si tratta di un inalienabile diritto del cittadino-consumatore, ma di un problema da affrontare al piu' presto. Altrimenti, il mondo che lasceremo ai nostri bambini sara' sommerso dai rifiuti che loro stessi hanno prodotto. O forse mi sbaglio?
Gnagnolo
Gnagnolo 2016-08-03 19:27:16
Sennò come facevamo a rimanere un giorno senza polverone?
bimi 2016-08-03 21:17:02
Certo, le riforme ecologiche si fanno a cominciare da quelle sulla pelle di chi non può lamentarsi, vero? E poi chi dice che il progetto di questa cooperativa sia l'unica soluzione possibile? Mi chiedo infine che senso abbia utilizzare questi pannolini nei nidi come misura estemporanea. Se proprio si voleva lanciare un messaggio, meglio procurare a chi voleva pannolini lavabili, che ognuno potesse utilizzare a tempo pieno e lavare in autonomia, magari con uno sconto sulla tari
fra77 2016-08-04 10:46:39
Ma stiamo scherzando!!! Questa cosa è ignobile,son quasi sempre contro Paradisi ma stavolta ha ragione. Non c'entra nulla il discorso dei rifiuti e dell'ecologia. Invece sembra più un problema nel far guadagnare qualche cooperativa. In Italia a crescita bimbi zero il problema ora è il pannolino che fa volume di rifiuti. Balle Colossali.
X @ Seldon. Che mondo lasciamo ai nostri figli? L'inquinamento da gas di scarico di un pulmino che va tutti i giorni da Senigallia all'Emilia Romagna dove lo mettiamo? E poi, chi garantisce che queste cooperative igienizzano bene questi pannolini? Poi,cosa ne riviene in termini di costi e benefici? Spiegatelo! Il mondo ai nostri figli li si lascia male non x colpa dei pannolini ma x una politica assente sui rifiuti.
La soluzione semplice: i genitori come hanno sempre fatto acquisteranno pannolini e se vogliono acquisteranno quelli lavabili che laveranno nelle proprie case, in tutta sicurezza.
Concludo dicendo che i bambini non son proprietà di politicanti e nessun può decidere come o cosa devono indossare.
BlackCat
BlackCat 2016-08-04 13:39:01
ma è chiaro che con la scusa dell'ecologico si vuole far ben altro... come i vegani che mangiano prodotti che arrivano dall'altra parte del mondo che solo di trasportarli consumano ed emettono più gas ed inquinamento di una prosciutto nostrano. Ma loro sono green! La truffa commerciale del "naturale" e del "green" è sotto gli occhi di tutti.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura