SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Stemmi papali, Cionchi ribadisce: “padri patria assassini, Pio IX gridava il suo No alla guerra”

Replica alle parole dello storico Severini: "il Risorgimento una bufala, e non è vero che il papa condannò a morte Simoncelli"

3.375 Letture
commenti
Pio IX

Monsignor Giuseppe Cionchi scrive alla Redazione di Senigallia Notizie per ribadire un suo punto di vista e replicare ad alcune affermazioni dell’Associazione di Storia Contemporanea e del suo presidente Marco Severini, storico e docente universitario.


Severini era intervenuto su queste pagine alcuni giorni fa per rispondere a sua volta ad alcune affermazioni di Cionchi, pubblicate su un quotidiano locale.

Del lungo comunicato di Cionchi – che critica pure un altro articolo sulla figura di Pio IX e la scelta di porre in Piazza Garibaldi degli stemmi papali scritto per un quotidiano cartaceo dall’ex Presidente della Provincia e cultore di storia Mariano Guzzini – ci limitiamo a riportare i passaggi più significativi concedendo diritto di replica sulle posizioni espresse da Marco Severini in questa testata.

Scrive Cionchi:
“La  documentazione storica, non sanfedista ma reale, è che il Simoncelli era un simpatizzante della setta degli Ammazzarelli (il nome dice tutto!), come ce n’erano tante nello Stato Pontificio, create dai “padri della patria” per agitare il popolo (che, in realtà, non si agitava tanto) per avere un motivo “storico” per invadere lo Stato Pontificio; anche perché – secondo i segreti desideri dei finanziatori massoni – distrutto lo Stato Pontificio si sarebbe distrutta anche la Chiesa! L’unico obiettivo degli Ammazzarelli era quello di uccidere chi la pensava diversamente dai terroristi/assassini/eroi dell’unità d’Italia! Imprigionato, processato e condannato a morte, secondo le leggi del tempo, è stato fucilato. Addirittura Severini accusa Pio IX di aver ‘mandato a morte’ Simoncelli. Falso. Simoncelli è stato condannato a morte dal Tribunale di allora. Anzi. Pio IX avrebbe concesso la grazia, non arrivata in tempo per i ritardi dei corrieri, tanto che l’esecuzione è stata rimandata. In tal senso se n’è parlato anche nella seduta del Consiglio Comunale di Senigallia del 26 novembre 1925. Né il Severini, né il Guzzini valutano tale documento…”.

Citando il giornalista Roberto Gervaso, Cionchi definisce poi “il Risorgimento per l’unità d’Italia una bufala. Il Piemonte si era messo alla testa del Risorgimento. Suo obiettivo: conquistare la penisola e porla sotto le insegne della monarchia sabauda”.

Il Monsignore aggiunge:
“i “padri della patria” – assassini, ladri, guerrafondai, profittatori della guerra, sanguinari/sanguisughe, corrotti/corruttori/sfruttatori dei proletari – avrebbero voluto che il Papa – padre dei cattolici italiani e padre dei cattolici austriaci – dichiarasse la guerra fratricida come fanno oggi, tanto per fare un esempio, i sunniti e gli sciiti musulmani. Per non sottostare alla costrizione di firmare la guerra – perché i rivoluzionari/sanguinari/guardie civiche erano capaci di tutto – Pio IX attua la “santa fuga” a Gaeta. Meriterebbe di essere dichiarato “santo” solo per questa fuga eroica! Pio IX è ‘martire’ della pace e della fraternità fra i popoli. E’ vero che Pio IX ha mandato i soldati ai confini, ma dichiara: ‘Sappiate che voi partite unicamente per guardare i Nostri Stati da un’aggressione, se avrà luogo, e non per essere aggressori voi stessi’ (Il Pio IX nascosto, Shalom, p.75). Quindi, il suo grido di ieri è quello di Papa Francesco oggi: no war! no alla guerra!.[…]Né Severini, né Guzzini vogliono riconoscere il dato storico inoppugnabile: ‘i padri della patria’ hanno costruito il Risorgimento su una ‘montagna di cadaveri’, di proletari usati come ‘carica da cannone’ (cit. Cantù): schiavizzati, baionettati, dissanguati, sfruttati, affamati, gasati, fucilati, mutilati…,  alla stregua dei ‘terrorismi’ presenti in ogni forma di dittatura di destra/sinistra/bianca/nera/rossa. […]Forse è bene guardarsi nello specchio della verità storica e non dell’ideologia idolatrica che vuol negarla o sfumacchiarla tanto per stare dalla parte dei vincitori. Il vero Risorgimento è quello che nasce dalla volontà popolare con il referendum del 2 giugno 1946. Bravo Mazzini: ‘Dio e popolo’ ”.

Caricamento mappa in corso...
Commenti
Ci sono 6 commenti
Gnagnolo
Gnagnolo 2016-04-16 15:30:45
Cittadino Cionchi, bevi un bicchiere.
giovannitrebbi 2016-04-16 21:46:00
Dichiarazioni in perfetta sintonia con quanto dichiarato oggi in un comunicato dell'Amministrazione comunale, di cui risporto alcuni stralci:
"[...] Nonostante alcune isolate prese di posizione di sedicenti comitati, dettate da settarismo e anticlericalismo d’altri tempi, questa Amministrazione ribadisce la scelta urbanistica e culturale che tende a rivalutare una figura – come quella di Pio IX, proclamato Beato nell’anno santo 2000 –che tanto ha fatto per il cattolicesimo e per la civiltà contemporanea.
Di fronte all’odierno relativismo che pretende di distruggere anche le certezze della fede e alle pericolose derive morali e culturali di tanti nostri giovani, l’Amministrazione di Senigallia ha individuato in Pio IX un esempio di fermezza da immortalare nelle pietre della suddetta piazza. Mentre l’attuale Papa con il suo buonismo ammette di non possedere armi efficaci per affrontare le sfide del tempo presente, il pontificato di Pio IX (1846-1878) si distinse proprio per l’intransigenza nella lotta non solo contro i pericolosi movimenti politici e sociali nascenti in quel periodo, ma anche contro l’apparentemente mite cattolicesimo liberale e democratico che dietro una facciata perbene mirava alla disgregazione di tradizioni millenarie. [...]"
Il comunicato integrale lo si vede qui: https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=199811210410768&id=100011456708714
Niki Morganti 2016-04-17 05:23:11
Articolo delirante
ilbianconiglio 2016-04-17 14:33:52
Me parete tanto strani con la storia degli stemmi.
E non gliene frega niente a nessuno e ancora non l'avete capito?
La cosa da fare era togliere piante marce dentro e l'hanno fatto, le piante devono stare nei giardini e nelle campagne non nelle piazze.
anfatti
anfatti 2016-04-18 08:09:53
anche il bianconiglio avrebbe bisogno di rinfrescarsi un po'.
BlackCat
BlackCat 2016-04-18 10:15:36
Provo pena per chi ha scritto questo articolo. Chiamate un dottore.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura