SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Baby & Kid outlet - Sconti 50%, campionari a metà della metà - Abbigliamento bambini Senigallia

Diminuiscono del 9% i reati consumati e tentati a Senigallia e nei Comuni limitrofi

Le cifre 2015 dei Carabinieri rapportate al 2014: calano anche i furti, che rappresentano il 63% del totale

2.321 Letture
commenti
Caserma dei Carabinieri di Senigallia

Diminuito del 9% nel 2015, rispetto al 2014, il numero complessivo dei reati tentati e/o consumati nel territorio che si trova sotto la giurisdizione della Compagnia dei Carabinieri di Senigallia.


Dal 1° gennaio al 31 dicembre 2015, sono stati complessivamente 2967 quelli denunciati nei Comuni di Senigallia, Barbara, Belvedere Ostrense, Castelleone di Suasa, Corinaldo, Montemarciano, Ostra, Ostra Vetere, Trecastelli: nel 2014 erano stati 3264.

La gran parte dei reati sono stati compiuti chiaramente nel Comune più grande, Senigallia (2203), dove vi è stata comunque una diminuzione del 5,5% rispetto ai 2331 del 2014.

Il Report, fornito annualmente dai Carabinieri della Compagnia di Senigallia guidata dal Capitano Cleto Bucci, sottolinea inoltre come il 27% dei delitti (826), sia stato scoperto.

Nell’anno appena trascorso si sono consumati – o sono stati tentati – 3 omicidi (in questo caso soltanto tentati e comunque scoperti dai militari), 22 rapine (19 delle quali a Senigallia e 7 in pubblica via), 1 estorsione, 44 reati legati agli stupefacenti (nel 2014 erano stati 27).

I Carabinieri precisano che l’aumento delle rapine sull’intero territorio (da 15 a 22) è tuttavia “marginale ove si consideri che in molti casi si è trattato di borseggi, scippi o tentativi di truffa, degenerati in rapina per la presenza o per la resistenza delle vittime”.

I furti (1863), ancora una volta, hanno rappresentato la gran parte dei delitti (il 63%), ma si è registrata una sensibile diminuzione complessiva rispetto ai dodici mesi precedenti: – 7,13%,  di cui 4,35% solo a Senigallia (1295 nel 2015).

I furti in abitazione sono stati 342 in tutta la giurisdizione, cioè il 34,4% in meno rispetto al 2014, quando ne erano stati registrati 521.
La maggiore incidenza si è avuta a:
Castelleone di Suasa con 12 reati denunciati (7,06 ogni 1.000 abitanti);
Corinaldo con 35 (6,88 ogni 1.000 abitanti);
Ostra Vetere con 22 (6,55 ogni 1.000 abitanti).

A Senigallia nonostante il dato, in valori assoluti, sia il più alto con 154 casi, si registra invece una bassa incidenza con riferimento al numero di abitanti (3,41 ogni 1.000 abitanti).

I reati Spia (incendi e danneggiamenti seguiti da incendio) sono stati 9 (di cui 5 a Senigallia) contro gli 8 del 2014: pur essendo considerati indicatori della pressione estorsiva, nei casi in esame sarebbero comunque riconducibili a dissidi di natura privata.

L’attività di contrasto della Compagnia ha prodotto una media di 17 servizi al giorno di pattuglia e perlustrazione, perseguendo l’83% (2463) dei delitti consumati e scoprendone il 27% (826).

E’ stato scoperto inoltre il 6,2% dei furti perseguiti (media nazionale del 5%), mentre si è proceduto alla denuncia in stato di libertà di 537 persone (73%) e all’arresto di 87 (70%).

Nello specifico, l’attività antidroga ha comportato invece 16 arresti, 15 denunce, 26 segnalazioni e 7,180 kg di stupefacente sequestrato; il controllo del rispetto delle norme della circolazione stradale ha determinato 1 arresto, 60 denunce, 1654 contravvenzioni, 96 patenti ritirate e il sequestro di 63 veicoli.

Commenti
Ci sono 2 commenti
bonzino 2016-02-16 21:50:25
Ognuno legge i numeri come vuole e, soprattutto, come gli fa più comodo, ma chi ha subito 4 furti ha una sensibilità diversa nel percepire certe statistiche.
Seppur diminuiti i reati sono sempre molti, troppi, ora come negli anni precedenti, per cui il senso trionfalistico che è dato a questo rapporto non mi rassicura per niente specialmente se solo il 27% dei reati viene scoperto. Registrare 6 furti ogni giorno non è un fatto da minimizzare specialmente in questo periodo in cui la sensazione d’illegalità e d’impunità è talmente diffusa da essere percepita da quasi la totalità della cittadinanza.
giulio 2016-02-17 08:31:57
Quarant' anni fa si poteva lasciare la bici in strada slegata. Dimenticarsi le chiavi sulla toppa della porta di casa. Adesso? Grate ed inferriate dappertutto, allarmi e vigilantes. Per strada ti rigano la macchina, anche solo per sfregio. La cassaforte è meglio non averla perchè te la smurano direttamente. Ormai certe denunce non si fanno più per sopraggiunto limite di schifo (e perdita di tempo).
Mi spiace, ma non traggo nessuna soddisfazione da un "presunto" meno 5,5% (Senigallia).
Un saluto a tutti i lettori di Senigallia Notizie.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno