SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Marcello Liverani - Candidato a Sindaco di Senigallia

Si scrive ‘Home by Three’ ma si legge Rock: intervista alla band senigalliese

Il 3 aprile in programma il release del loro disco ‘Desert; è online anche il video di Two Chances

Home by three

Si chiamano Home by Three ed è probabile che in futuro sentiremo molto parlare di loro. L’album di esordio ‘Desert’ ha riscosso non pochi consensi dagli addetti ai lavori: hanno fatto incetta di recensioni tra il positivo e l’entusiastico; per loro si sono scomodati riviste musicali come ‘Blow up’e Rumore. Classic Rock ha scritto di loro: “L’esordio discografico di una band italiana è sempre un passo insidioso ma il trio marchigiano salta l’ostacolo con l’energia di un sound che attinge dai suoi principali ispiratori, vedi i Get Up Kids, con un risultato finale convincente ed ispirato”.

Home by Three, al secolo Andrea Pedrini (Chitarra e voce), Matteo Procaccini (basso) e Davide Donati (batteria), senigalliesi doc, sono attivi da cinque anni, ma ‘Desert’ è il loro primo lavoro in studio. Dieci brani di psycho rock cantati rigorosamente in inglese che trasudano energia. Sempre in questi giorni è stato messo online il loro primo video ufficiale del pezzo Two Chances, realizzato anch’esso da un senigalliese (Alessandro Ubaldi).

Questa è l’intervista rilasciata per SenigalliaNotizie.it
Per chi volesse ascoltare gli Home by Three dal vivo, venerdì 3 aprile al Gratis Club è in programma il release del disco.

Raccontateci da dove partono gli ‘Home by Three’: come è iniziata la vostra avventura musicale?
La nostra avventura è iniziata in allegria e così si protrae. Volevamo esprimerci e abbiamo trovato il nostro mezzo. Siamo amici che hanno piacere a stare insieme. Facevamo casino 10 anni fa e continuiamo a farlo ora. Quello che è cambiato è che stiamo prendendo coscienza pian piano, senza fretta, e possiamo già guardare al passato con un sorriso.

Chi sono state le vostre fonti di ispirazione musicale?
L’ispirazione è la vita quotidiana, quindi banalmente la nostra fonte massima potrebbe essere qualsiasi cosa ci si pari davanti da quando ci svegliamo fino alla sera, musicalmente parlando e non. Le band che ascoltiamo sono quelle che ci fanno stare uniti e amare quello che abbiamo. Ci paragonano spesso a Get Up Kids e Jimmy Eat World ma sono solo influenze, noi siamo molto più malati.

Qual è la situazione della musica italiana oggi? C’è qualche realtà che apprezzate particolarmente?
La musica italiana oggi è molto viva, ci sono un sacco di realtà interessanti ma sono un sottobosco da scoprire. A volte sono molto nascoste ma trovarle è una bella sorpresa e si può godere più che con quelle prescritte dal medico di base. Abbiamo avuto l’occasione di trovarci con altre ciurme, da Cosmetic a Tongue Typo, Minnie’s, Lekkerbekken, Girless and the Orphan… e il naufragar è dolce in questo mar.

Con la consapevolezza che, come diceva il grande Frank Zappa, “Parlare di musica è come ballare di architettura”. Come descrivereste a parole ‘Desert’?
A noi piace descriverlo come un ballo viscerale che ci eravamo scordati di conoscere. Ci avevano insegnato i passi una volta e con tutti i corsi di ballo che abbiamo visto in tv non era più così scontato sapere dove mettere i piedi senza pestare quelli degli altri e di nuovo sentirsi umili. I balli più semplici non sono necessariamente meno entusiasmanti.

Hanno già scritto di voi un gran bene. Vi aspettavate questa pioggia di recensioni positive?
Ci prepariamo sempre al peggio, questo è da dirsi. Ma siamo molto felici che le persone che hanno ascoltato il disco abbiano colto quello che più o meno velatamente cercavamo di esprimere. Non siamo degli oratori per masse ma piccoli apicoltori e vorremmo poter offrire il miele più delicato.

Al tempo dei new media, dei social e del web 2.0, come è cambiato il modo di diffondere musica e di farsi conoscere? E con quali conseguenze?
Noi veniamo dagli anni in cui la M di MTV stava per Music. Abbiamo vissuto tutta la nascita della musica 2.0 e siamo sicuri che sia stata una rivoluzione. Né positiva né negativa, sia chiaro. Ha lanciato molti missili e ha fatto deragliare molti treni, è vero, ma bisogna viverla per quello che è e godersi il momento, come sempre. Si dice che con internet sia più facile farsi conoscere per una band emergente; non è vero. Ora possono farlo tutti e questo riporta il bilancio in pari. Si dice che la qualità ne abbia risentito; non crediamo. La condivisione e il confronto ti mettono davanti all’obbligo di migliorare. Se davvero hai fiato nuoti, altrimenti non vai lontano.

Quali sono i prossimi obiettivi che vi ponete?
Vorremo continuare a giocare il nostro gioco, sbagliare per imparare, scoprire per crescere. Dopodiché ci sentiremo soddisfatti comunque sia andata e arriverà la voglia di proseguire, fino al momento in cui sentiremo di avere dato agli altri tutto quello che potevamo.

Allegati

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura