SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Tutto Guida 2015

Fatturazione elettronica, “opportunità di crescita e trasparenza”

Lodolini: "Per le Marche sfida decisiva, serve l'Agenda digitale regionale"

1.628 Letture
commenti
La fatturazione elettronica per i pagamenti della Pubblica Amministrazione

Da oggi la fatturazione elettronica è obbligatoria per tutta la Pubblica Amministrazione. È una delle colonne dell’Agenda Digitale Italiana. E’ una grande opportunità, per imprese e Pubbliche Amministrazioni. E’ un’occasione di crescita per l’intero sistema paese.

Sono molti i motivi che ci hanno spinto ad introdurre la fattura elettronica. Il principale è un controllo reale sulla spesa pubblica (le fatture vanno infatti spedite a un sistema di interscambio e poi inoltrate agli Enti interessati); subito dopo viene la volontà di spingere le imprese a digitalizzarsi; infine il risparmio valutato in circa 1 miliardo per la pubblica amministrazione. Ma i vantaggi potrebbero arrivare fino a 60 miliardi di euro l’anno, se le imprese digitalizzassero l’intero ciclo degli ordini. Significa un rapporto più semplice e più trasparente, con il controllo della spesa da parte dello Stato e con la certezza dei tempi di pagamento per le aziende. L’obiettivo è colmare il gap che divide l’Italia dagli altri Paesi dell’Ue, che si deve tradurre in una grande semplificazione della vita per imprese e cittadini.

Infine. Nel passaggio dal cartaceo al digitale c’è anche il tema trasparenza: il digitale permette una tracciabilità che è condizione necessaria anche se non sufficiente per combattere l’illegalità. La fatturazione elettronica rappresenta un primo importante passo in avanti anche da questo punto di vista. L’illegalità non è solo un elemento di colpa del singolo ma si annida nelle crepe dello stesso sistema. Solo se riusciremo a chiudere queste crepe riusciremo ad avere meno corruzione e più legalità. La trasparenza, infatti, non è soltanto la punizione del corrotto e la persecuzione dell’illegalità ma anche e soprattutto la creazione di un sistema che non offra più occasioni di illegalità e di corruzione.

Nelle Marche si apre una sfida decisiva. Collocarsi ai primi posti nell’economia digitale e i servizi digitali e non essere più tra quelle meno strutturate e servite. Serve una Pianificazione strategica, l’Agenda digitale regionale.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura