SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Simpatizzanti M5S Meetup Senigallia: pronto il bavaglio per i cittadini

All'Odg del 26 febbraio la modifica dell'art. 63. "Siamo al triste epilogo"

logo "Simpatizzanti Meetup M5S Senigallia"

Giovedì 26 febbraio ci sarà il Consiglio Comunale. All’OdG anche la modifica dell’art. 63 dello Statuto Comunale che regolamenta le istanze, le petizioni e le proposte.

Verrà modificata quella parte dello statuto che ha permesso in passato, a molti cittadini di Senigallia e anche a noi Simpatizzanti del Movimento 5 Stelle, di far sentire la propria voce in consiglio comunale.
L’attuale art. 63 è molto chiaro e spiega bene tempi e modalità di risposta. Si poteva solo potenziare, come noi avevamo proposto ad agosto,diversamente da quanto sostiene il presidente del consiglio comunale Monachesi.
Da circa un anno a questa parte abbiamo partecipato a quasi tutte le riunioni della prima commissione in merito a questo tema e alla modifica del referendum.

Ad agosto 2014 avevamo protocollato una nostra proposta di modifica del referendum e di potenziamento – a favore dei cittadini – dell’art. 63, che però non è stata nemmeno letta, né discussa (allegato 1).
Nei mesi passati, sempre a norma dell’art. 63 dello statuto, abbiamo presentato diverse istanze e proposte su vari temi caldi che hanno creato “scompiglio” in consiglio comunale, fatto sta che dopo il “terremoto” provocato dalle nostre richieste, qualcuno si è sentito in dovere di proporre la modifica (peggiorativa a nostro parere) dell’art. 63.
Data la nostra presenza alle sedute della prima commissione, siamo stati addirittura invitati dal presidente Fiore a partecipare, da cittadini, alla discussione sulla modifica di quest’articolo!
Abbiamo ri-presentato,fiduciosi dell’apertura concessa, la nostra vecchia proposta di agosto 2014, che potenziava l’art. 63 inserendo, oltre agli atti già presenti (istanze e petizioni), la proposta di atto deliberativo o di delibera popolare (allegato 2). Siamo stati contenti del sostegno dimostrato da alcuni consiglieri dell’opposizione (visto il tema come si poteva non appoggiarlo?) alla nostra proposta, però come è andata a finire?
Picche!

La maggioranza ha imposto – con i suoi soli voti – la modifica del testo, senza ascoltare né le opposizioni, né i cittadini, che hanno preso in giro illudendoli di poter partecipare e migliorare i regolamenti per la nostra città (allegato 3). Hanno sbandierato una finta apertura, e spacciato la loro chiusura per democrazia.
Al consiglio di giovedì si voterà, dunque, il testo votato in commissione dalla sola maggioranza, che – di fatto – metterà un bel bavaglio ai cittadini.
Che cosa c’è che non va nelle loro modifiche, che ci fa tanto indignare?
– le PETIZIONI dovranno essere accompagnate da 100 (CENTO) firme, numero assurdo e che di fatto impedisce la partecipazione dei cittadini (noi avevamo chiesto almeno la riduzione a 50 all’ultima riunione della commissione). Come faranno i Senigalliesi che abitano nelle piccole frazioni (Filetto,Grottino, Brugnetto ecc.) a raccogliere così tante firme, per una tematica frazione che li riguarda? Evidentemente non è un problema di questa Amministrazione.
– le PROPOSTE scompaiono! Solo dopo aver raccolto 100 firme e solo su prerogativa della commissione competente, una petizione può diventare una proposta di atto (che atto, poi,non si sa bene, visto che non viene neanche definito se atto di indirizzo o deliberativo).
Al Comma 5 del nuovo testo le proposte vengono messe nello stesso calderone delle petizioni… e non si sa se per proporre qualcosa si debbano raccogliere le firme e fare una petizione o basta fare un’istanza,insomma una gran confusione!!!!

Nella nostra proposta di agosto 2014 al contrario veniva inserita la proposta di atto deliberativo o di delibera popolare, in cui i cittadini potevano presentare vere e proprie proposte di delibera che seguivano l’iter delle normali delibere di consiglio o di giunta; ed è il primo firmatario che andrà in consiglio o in giunta a illustrare le motivazioni e il senso della stessa,dopodiché il consiglio comunale o la giunta a seconda delle competenze avrebbe preso une decisione (si/no). Molto diverso da ciò che ha scritto la maggioranza!!!!

Vi invitiamo, dunque, in consiglio comunale assieme a noi, per vedere chi voterà questo regolamento, inscenando lo stesso teatrino che c’è stato per il referendum, dove ogni consigliere si autocelebrava per il bel lavoro fatto con tanto di auto-applauso!

Non si può mettere un bavaglio ai cittadini e da cittadini non possiamo permetterlo vi aspettiamo giovedì 26 presso la sala del consiglio comunale dalle ore 16.30!

Commenti
Solo un commento
Nemo
Nemo 2015-02-25 17:11:03
E cosa vi aspettavate? Democrazia da chi democratico non è? Pura illusione, i politici sono tutti uguali.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura