SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Optovolante - Ottica a Senigallia

Nuove tecnologie per l’illuminazione pubblica a Senigallia

Migliorie per l'efficienza energetica: risparmiati circa 80.000 euro, meno emissioni di CO2

3.498 Letture
commenti
L'illuminazione pubblica in piazza del Duca a Senigallia

Nei mesi scorsi a Senigallia sono stati realizzati lavori per il miglioramento dell’efficienza energetica sugli impianti di pubblica illuminazione nelle zone del centro storico. Le migliorie sono state possibili grazie a un contributo cospicuo derivante da Enti sovraordinati.

Nello specifico sono stati interessati all’intervento 794 punti luce, con un risparmio di 411.486 Kw/h annui corrispondenti a circa 82.000 euro e un mancato consumo di combustibile pari a 86,60 TEP (Tonnellata Petrolio Equivalente): sono state cioè evitate emissioni di CO2 in atmosfera pari a 259,80 tco2 equivalenti/anno.

L'illuminazione pubblica in piazza della Libertà a SenigalliaL’azione dell’amministrazione comunale – commentano dalla lista Vivi Senigallia è stata sempre volta alla ricerca di finanziamenti da enti sovraordinati e ha prodotto un abbassamento dei consumi, quindi un risparmio energetico ed economico rilevante, con un impegno all’eco-sostenibilità ambientale nei fatti e non solo a parole.

Ad un anno dall’intervento effettuato dall’assessorato ai Lavori Pubblici, la scelta di aver installato lungo il Lungomare Marconi e Alighieri delle plafoniere innovative a basso consumo, con tecnologia LED, telecontrollate, con emissione di luce a terra e illuminamento dei volti delle persone, ha determinato l’azzeramento dell’inquinamento luminoso come ci impongono le direttive Europee. L'illuminazione pubblica al porto di SenigalliaUn intervento quindi di grande efficacia ed efficienza che la nostra città è riuscita a dotarsi con lungimiranza e competenza.

Questa è l’azione politico-amministrativa che Vivi Senigallia ha messo e metterà a disposizione dei cittadini per una città pubblica sul modello europeo, con l’attento lavoro condotto nell’amministrazione e volto alla ricerca e ottenimento di risorse da enti sovraordinati creando tutte le opportunità per una puntuale riqualificazione della città che ha permesso all’assessore ai Lavori Pubblici Maurizio Memè di realizzare anche interventi in altri settori come ad esempio la completa ristrutturazione della scuola elementare Aldo Moro“.

Commenti
Ci sono 6 commenti
un povero tra i poveri (di politica) 2014-11-12 13:58:30
"SOLO ME LA CANTO E ME LA SUONO" Ma questi dove vivono??? Parole come "miglioramento dell’efficienza energetica" - "plafoniere innovative a basso consumo" - "un impegno all’eco-sostenibilità ambientale nei fatti e non solo a parole" - "riqualificazione della città". Se spegnere le luci è un risparmio e una riqualificazione energetica della città fate pure e il risparmio è certo. Avremmo risparmiato di più se non venivano neanche cambiate le luci bastava spegnere quelle vecchie. Ma dove vivete???? vi siete accorti della differenza di luce che si crea. Passate sul lungomare di sera e vedrete cosa significa camminare al buio o quasi. Non si vede nulla. Se vi fermate sotto il lampione forse distingui le persone che ti camminano affianco. Era meglio spegnere il tutto sai che risparmio.
pozzecco 2014-11-12 14:43:01
Non è assolutamente vero che non si vede. Basta andare a correre o camminare come faccio io sul marciapiede del lungomare che si vede benissimo. L'effetto luce in altro non si vede, quello da distante da il senso dell'illuminazione. Ma cosa ce ne facciamo della luce in alto? Comunque per me è un bel intervento. A chi non piace, tipo candidati a sindaco, attendiamo fiduciosi contro-proposte.
leofax 2014-11-12 16:45:51
Quel tipo di illuminazione a led personalmente non piace anche per le tante zone d'ombra che lascia. In luoghi particolarmente grandi, vedi piazza della Libertà e inizio lungomare Alighieri, htl Cristallo e City, sembra di stare in penombra. Molto meglio dal ponte Rosso fino all'Excelsior, che con i globi gialli, illuminano tutto, marciapiede e strada. Vorrei cogliere l'occasione alla lista Vivi Senigallia, di ricordare loro che oggi è il 12 novembre. E' una giornata dove si ricordano gli Eroi di Nassirya. Tra questi vi è anche un cittadino marchigiano.
In molti comuni si sono tenute cerimonie varie. Credo che l'Amministrazione Comunale dove la Vostra lista concorre alla maggioranza, un manifesto per ricordare detto evento lo poteva pure esporre. A mio modesto parere denota insensibilità verso chi ha donato la propria vita per un bene comune che si chiama "Pace"
Leonardo Maria Conti
maria garbini 2014-11-13 00:00:36
Sull'illuminazione del vuoto parcheggio borgo torri vi ho già mandato foto, che vi aggiorno a stasera. Almeno due lampioni con 8 potenti e energivori riflettori fanno GIORNO specialmente sulla linea ferroviaria e sulla parte del parcheggio inutilizzata prospiciente alla stessa. ..........SPEGNETELI .......!!!!! SPEGNETELI ! ........ Qualcuno dei tecnici comunali o liberi professionisti mi fa un calcolo del risparmio ricavabile??????........610-SUDDITO
Giammy
Giammy 2014-11-13 12:29:11
Se vogliono risparmiare sul serio mettessero un sensore di luminosità funzionante per accendere e spegnere le luci visto che sono alcuni giorni che in certi quartieri i lampioni sono accesi anche di giorno.
Per non parlare poi dell'illuminazione del lungomare a marina nuova che è veramente quanto di più inutile fatto negli ultimi anni, soldi spesi inutilmente per avere... ZERO LUCE!!! Il lungomare sembra praticamente al buio. Ma il problema non è tanto dei lampioni (che un pò di luce la fanno anche se illuminano a "cono" e al di fuori del cono di luce non si vede niente) il problema sono i rami delle tamerici che coprono quasi tutti i lampioni e fanno ancora più ombra del dovuto.
Invece a marina vecchia, con i lampioni fatti non molti anni fa, si vede decisamente meglio, complici anche le piante più piccole
leobad
leobad 2014-11-13 15:49:42
Non ho intenzione di controdedurre qui le informazioni ingannevoli e svianti del comunicato e dei commenti di Vivi Senigallia. Vorrei solo chiarire ai lettori, se mai ci fossero cascati, che il lodevole risparmio è energetico e che quello economico andrà a remunerazione di chi ha fatto l'investimento, non in detrazione nella bolletta dell'utente. E vorrei esprimere disgusto per come il comunicatore sia riuscito a non pronunciare il nome della multinazionale cooperativa emiliana alla quale l'amministrazione comunale ha consegnato le nostre prerogative civili, per un'operazione che non è altro che un project financing che espropria la città del controllo delle proprie energie per decine di anni. Ignobile e preoccupante esempio di mal-educazione civica è che essi chiamino questa cooperativa "ente sovraordinato" nella speranza che i cittadini non capiscano. Ente sovraordinato al comune può essere la Regione, lo Stato, un istituto pubblico, non un soggetto privato come la cooperativa alla quale l'amministrazione consegna la gestione dei nostri bisogni. A meno che essa non sia sovraordinata a loro, nel senso che in loro prevalga la consorteria politica sulla corretta amministrazione dei beni pubblici.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura