SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

M5S: ‘Adriatico No Oil’, un incontro per parlare dell’attività di trivellazione

Il dibattito è in programma all'Auditorium San Rocco, venerdì 31 ottobre, ore 21:00

2.168 Letture
commenti
Anconanotizie.it
Rigassificatore Ancona-Falconara

Una forte intensificazione dell’attività di trivellazione del  fondale per la ricerca e nuove piattaforme per l’estrazione di idrocarburi, attracco per la nave gasiera e impianto di  rigassificazione, vaste aree sotterranee destinate allo stoccaggio  lungocosta di CO2 e di gas, una nuova centrale turbogas e relativo gasdotto di collegamento.

Ciascuna di queste operazioni con  caratteristiche proprie di pericolosità costante e niente affatto  immaginaria: dal rischio di catastrofe come quella avvenuta nel  Golfo del Messico, al rischio di esplosioni per fuoruscita di gas e connesse con l’attività sismica, all’inquinamento e fine della  vita marina.

Può bastare a sollevare preoccupazioni il pensiero che tutto  questo sta avvenendo col favore del decreto “Sblocca Italia” nel Mare Adriatico e con particolare concentrazione tra Fano e Ancona?

Marco Afronte Eurodeputato del Movimento 5 stelle  con la collaborazione dei meetup del Movimento Cinque Stelle di Senigallia,  Trecastelli, Marotta e la lista certificata di Montemarciano invitano tutta la cittadinanza del territorio a partecipare all’incontro  ADRIATICONO OIL’  che si terrà venerdì 31 ottobre presso l’Auditorium San  Rocco, in Piazza del Duomo, a Senigallia, ore 21:00.

Primo obiettivo dell’incontro è colmare un vuoto di informazione su quanto sta accadendo sotto i nostri occhi, in larga parte a  nostra insaputa, e su quando potrebbero costare queste  trasformazioni alla natura adriatica ai nostri modi di vita.

Secondo obiettivo è capire per quale politica questo avviene,per iniziativa di chi, a favore di chi e col favore di chi: non certo delle attività delle popolazioni rivierasche sensibili alla  qualità dell’ambiente, come il turismo e la pesca, essendo già nota la sorte che toccherebbe all’Italia, di essere un luogo di  passaggio, il distributore d’Europa.

Terzo obiettivo è opporci a questo sfruttamento distruttivo  dell’ecosistema mare che conosce oggi un’accelerazione  impressionante; sapere se possiamo contare su una comune volontà  delle popolazioni, cittadinanza e istituzioni locali.

Certo è che se non riusciremo tutti insieme a imporre un fermo a questa espropriazione devastante, il nostro mare non sarà più  nostro, il nostro mare non sarà più mare. Per questo ha deciso essere presente, e anzi ha lui stesso  organizzato l’incontro, l’eurodeputato del Movimento 5 Stelle Marco Affronte, naturalista e divulgatore scientifico; con lui  saranno l’esperto di politiche ambientali Peppe Giorgini, il geologo Serafino Angelini.

Il Sindaco di Senigallia ha annunciato la sua presenza. Nel  corso dell’incontro sarà possibile per gli intervenuti fare  domande e avanzare proposte.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!




Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura