SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Senigallia, da giugno, sarà priva della ciminiera ex Italcementi

Da maggio il via effettivo ai lavori di demolizione. Per l'estate aprirà anche il sottopasso di via Mamiani

2.606 Letture
commenti
Ciminiera dell'ex-Italcementi sul porto di Senigallia

Partiranno nei primi di maggio gli effettivi lavori di demolizione della ciminiera nell’area ex Sacelit-Italcementi, a Senigallia. Lavori che dovrebbero terminare nel giro di un mese e che vedono ora l’amministrazione comunale impegnata con la documentazione necessaria per l’appalto dell’opera, affidata all’Edra Costruzioni, per un importo che si aggira tra i 400 e i 450 mila euro.

Si divide in tre fasi invece la parte operativa.
A partire dai primi di maggio (ma la messa in sicurezza dell’area a ridosso del porto senigalliese Della Rovere potrebbe partire anche prima) avverrà la demolizione, prima attraverso la frantumazione con una pinza meccanica delle parti più in alto (dai 60 metri della cima fino a circa 20 metri di altezza) e poi con altri mezzi per evitare che il cumulo di detriti possa fuoriuscire dall’area ben circoscritta.

Nel frattempo si metterà in sicurezza anche il sottopasso di via Mamiani, che sembra dunque arrivato alla prossima apertura (più o meno che la stessa tempistica). Prima di questa però, verrà realizzato il collegamento ciclopedonale lungo la via che da porta Lambertina (via Carducci) arriverà fino a un nuovo attraversamento sulla statale Adriatica SS16 con tanto di semafori lampeggiatori.
Passaggio ciclopedonale e sottopasso verranno ultimati con l’illuminazione pubblica, così come il parcheggio che uscirà allargato dopo i lavori alla ciminiera: si contano circa 400 posti auto che sorgeranno dove oggi c’è lo sterrato, al cui posto verrà steso un fondo di ghiaia.

Il parcheggio sotto la ciminiera dell'area ex ItalcementiAnche il perimetro dell’area ex Sacelit-Italcementi subirà una leggera modifica: la stretta curva all’altezza dell’hotel La Vela, di collegamento tra il lungomare G.Mameli e la darsena di via N.Bixio, verrà “ammorbidita” – come conferma il vicesindaco Maurizio Memè – abbattendo un tratto di 15 metri di muro, per poter allargare il tracciato stradale e rendere più sicura la circolazione.
Ultime novità sono i passaggi che renderanno accessibile il nuovo parcheggio da più punti: oltre all’ingresso carrabile già presente, verranno aperti due varchi pedonali da via Mamiani e dal piazzale Bixio, dove oggi insistono i cancelli della vecchia Italcementi.

L’amministrazione comunale, attraverso il primo cittadino Maurizio Mangialardi e il vice Memè, ha espresso soddisfazione per questo risultato a cui si arriverà entro poche settimane, considerato che, nonostante la convenzione, finora la proprietà resta privata. Anzi, ancora più rilevante è il fatto che – secondo gli amministratori – data la situazione di impasse del maxi progetto per via del blocco dei crediti di Banca Marche a La Fortezza srl dell’imprenditore Lanari, si sia ottenuto il via libera per procedere con i lavori pubblici. Lavori che costeranno circa 430 mila euro, ottenuti grazie alla polizza stipulata, come da convenzione, a garanzia della parte pubblica dell’appalto e che finora ha totalizzato crediti per i vari ritardi accumulati.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura