SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Onoranze Funebri F.lli Costantini

Il “termometro” della crisi: margini di miglioramento nel senigalliese

Dal confronto 2013-2012 emerge, secondo Confartigianato, qualche segnale di ripresa

1.550 Letture
commenti
Lavoro, occupazione, imprese, aziende, Marche, artigianato, industria, manifatturiero, crisi

Continua la brusca frenata dell’edilizia, mentre altri comparti come il manifatturiero e i servizi alle persone tirano fuori le unghie e segnano una significativa tenuta. Nel suo complesso, però, il termometro dell’economia di Senigallia e dintorni segna ancora crisi.

Le dinamiche produttive analizzate dall’Ufficio Studi della Confartigianato con un confronto 2013 – 2012 sono interessate da margini di miglioramento, comunque insufficienti a dichiarare il territorio fuori dalla recessione. E’ quanto afferma Giacomo Cicconi Massi, segretario Confartigianato Senigallia, il quale ricorda che “nel 2013 sono state 191 le imprese artigiane che hanno chiuso i battenti, 171 le iscritte. Quindi un deficit complessivo di -20“.

Bilancio in perdita, ma una perdita comunque ridimensionata rispetto all’analogo periodo del 2012 quando furono più numerose le cessazioni artigiane (208) e leggermente inferiori le iscrizioni (167) per un gap marcato a -41. Un buon segnale ma non basta.

Giacomo Cicconi MassiQuanto ai comparti, si aggrava la situazione già precaria del settore delle costruzioni che nel 2013 segna un saldo a -10 (era -7 nel 2012). Edilizia (e di conseguenza impianti) pagano lo scotto dell’invenduto, dato il crollo dei consumi e parallelamente lamentano una carenza di liquidità dovuta a mancati o ritardati pagamenti.
Per questo settore, quello più in difficoltà, chiediamo – continua Cicconi Massi – che gli Enti locali prediligano la suddivisione dei lavori pubblici in bandi d’appalto a misura di micro e piccole imprese, con particolare attenzione per le attività del territorio“.

Il manifatturiero segna nel confronto 2012 – 2013 un discreto miglioramento (da -19 si arriva a -3), così i servizi alle persone (da -12 a -5).

C’è ancora però tanto da fare. Le Istituzioni devono aprirsi a una solida alleanza con le imprese o non ne veniamo fuori – conclude il responsabile Confartigianato Senigallia –. Le situazioni locali sono di certo la diretta discendenza di equilibri sovranazionali, tuttavia molto si può fare partendo ‘dalla base’ senza rassegnarsi a essere spettatori passivi. Gli imprenditori si stanno impegnando a piene forze, a discapito anche di risorse personali.
Ci aspettiamo dalle Istituzioni un pari sforzo, affinché nel 2014 possano essere gettate le fondamenta di una vera ripresa“.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno