SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Terremoto Marche, nessun danno e niente panico tra la gente

Sotto controllo il Monte Conero dopo il distacco di un ammasso roccioso

2.340 Letture
commenti
La frana di un blocco di calcare sul Monte Conero tra Sirolo e Numana per la scossa di terremoto di magnitudo 4.4 del 22 agosto 2013. Foto di Aura Eustacchi

Nessuna conseguenza per le persone e nessun danno grave agli edifici per lascossa di terremoto di magnitudo 4.4 che questa mattina alle 8.44 si è verificata lungo costa marchigiana tra Ancona e Macerata. E’ quanto emerge dagli immediati rilievi effettuati dalla Protezione Civile delle Marche.

Permane l’attenzione – spiega il presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca costantemente informato dalla Sala Operativa della protezione Civile guidata dal dott. Roberto Rosi Oreficini – ed equipaggi della Protezione Civile e dei Vigili del Fuoco, sia per terra che per mare, sono in azione nelle aree attorno al Conero per monitorare la situazione“.

Non si sono manifestate scene di panico” continua Spacca. “I cittadini si sono comportati con grande prudenza e responsabilità, hanno seguito le procedure di sicurezza consigliate e dopo poco hanno ripreso le loro normali attività. Un segno che l’opera di informazione e sensibilizzazione svolta negli anni sta funzionando. Va sottolineato infatti che gli edifici del territorio coinvolto costruiti in gran parte con criteri antisismici sono sicuri e non hanno subito danni strutturali. Tutti i sindaci dei Comuni coinvolti sono stati contattati per verificare le singole situazioni, ma non ci sono state particolari segnalazioni“.

La frana sul Monte Conero non ha causato alcun danno: la zona in questione era già transennata per precedenti episodi franosi. A tal proposito si raccomanda alla popolazione di rispettare i divieti d’accesso posti già da tempo dalle autorità e ancora vigenti. Nel corso della giornata – conclude Spacca – proseguiranno le verifiche al patrimonio immobiliare“.

Commenti
Ci sono 2 commenti
Marino 2013-08-22 16:24:11
"Va sottolineato infatti che gli edifici del territorio coinvolto costruiti in gran parte con criteri antisismici sono sicuri e non hanno subito danni strutturali."
Spero che non capiti mai, ma voglio vedere se alla prima scossa "seria" i menzionati edifici antisismici reggono o meno...
glauco galucoma 2013-08-23 11:51:27
Marino grazie per far parte delle persone che aiutano a tranquillizzare le persone...ovvio che più le scosse saranno forti e più i danni saranno presenti… è ovvio che se le case le costruiscono i mafiosi non saranno mai case sicure (vedi l’aquila dove chi ha pagato è la protezione civile che non ha PREVITO l’intensità del terremoto tranquillizzando la popolazione e non i mafiosi che hanno messo sabbia nel cemento) qui oggi si dice che le case e i fabbricati …OGGI con questi terremoti non hanno riportato danni punto!!...che ad OGGI gli edifici (che in teoria sono antisismici) stanno reggendo bene... se domani arrivasse una scossa del 6 o del 7 è ovvio che qualche danno lo farà ma toccando ferro gli edifici costruiti bene dovrebbero reggere bene...punto!! non vedo l'ironia nel dire "voglio vedere se alla prima scossa "seria" i menzionati edifici antisismici reggono o meno".... considera che in Emilia… la scossa del 4 buttava giù ALCUNI fabbricati anche se costruiti dopo le normative degli anni 70..non perché fatti male ma perché non avevano parametri elevati come quelli della nostra zona visto che si considerava il territorio emiliano non sismico…pensa che le travi dei capannoni erano solamente appoggiate alle colonne (appoggiate!!!!!) e non fissate…quindi paradossalmente bastava una scossa anche piccola per far cadere i tetti …bastava lo scuotimento delle colonne per far venir giù tutto (come purtroppo è successo) qui da noi NO!!! Ad oggi zero problemi e questo dovrebbe confortarci…poi ..per le persone che amano le sciagure come te…io come tutti nel mondo non possiamo ne prevedere i terremoti (come sosteneva il buffone dell’aquila e tutti a fare i saputelli dietro a lui) e nemmeno sapere intensità e danni…dobbiamo solo stare calmi e fare le poche cose che bisogna fare in caso di terremoto…
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura