SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Giovane escursionista di Senigallia salvato in un gola di Ussita

Era scivolato mentre era con un gruppo di amici, recuperato dal soccorso alpino

3.669 Letture
commenti
soccorso alpino (immagine di repertorio)

Ha trent’anni il giovane escursionista di Senigallia salvato in un gola di Ussita nel pomeriggio di lunedì 19 agosto. I.G., queste le sue iniziali, stava facendo canyoning in una forra quando è scivolato da una pietra umida.

Per lui, recuperato in una zona impervia di Ussita dal Soccorso Alpino delle Marche e da un elicottero dell’Esercito munito di verricello, levatosi in volo da Viterbo, solo alcune fratture e un malleolo rotto. Per l’intervento di soccorso (operazione Sar = Search and rescue) sono stati impiegati diversi uomini sia delle Marche che dell’Umbria.

Commenti
Ci sono 2 commenti
Dave Stirling 2013-08-20 11:18:05
Vi prego ditemi che Icaro 02 era impegnato altrove... che tocca far venire gli elicotteri da Viterbo a prendere una squadra di Soccorso Alpino per "recuperare un malleolo", quando abbiamo due elicotteri in Regione (alla stessa latitudine!), di cui uno "teoricamente dedicato ai recuperi col verricello".
Roba che "su al nord" risolvono in 15 minuti, più tempo di volo. Icaro 02 tira 150 nodi, 285 kmh; quello dell'esercito va a 120kn/220kmh, e viene da più lontano.
Ma qui non è Mountain Heroes.
Bello che hanno anche chiuso il Nucleo Elicotteri Carabinieri di Ancona. I nostri "supporti aerei non sanitari" sono Rimini, Arezzo, Viterbo e Pescara, da dove vengono Vigili del Fuoco, Forestale, Finanza, Polizia, Guardia Costiera. Questi per esempio a Pescara hanno tutti base, oltre al 118. Esercito e SAR ci servono da Viterbo o Rimini.
Una Regione all'avanguardia...
Dave Stirling 2013-08-20 11:57:09
Sulla costa teramana-pescarese fanno il soccorso in mare con l'aviolancio dall'elicottero della Polizia. Ci vuole meno che raggiungere il "pericolante" rispetto a un mezzo nautico. Che in determinate condizioni, da noi, deve arrivare da Ancona e non è un Offshore di Classe 1.
E da noi, all'Aeroporto di Falconara non c'è più nessuno.
Andate al mare a Giulianova, se ci tenete alla sicurezza.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura