SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

C. Comunale a Senigallia, intervento di Mancini (Partecipazione) sulla sanità

"Due uniche strutture organizzative, coordinate dall'Assessorato regionale"

1.633 Letture
commenti
Sanità, dottore, medico

Penso che sia opportuno chiederci oggi se 25 anni fa, quando sono stati chiusi i piccoli ospedali della nostra zona, ci siano state tante polemiche, tante preoccupazioni, tante tensioni. Allora le voci discordi furono contenute perché la parola ‘riforma’ significava progresso, miglioramento, passo in avanti, tanto che non fu difficile convincere i cittadini che avrebbero avuto a Senigallia, città capofila, una sanità migliore di quella che avevano nel loro piccolo ospedale di Ostra, Corinaldo o Ostra Vetere.

Ad esempio, la costruzione dell’ultimo monoblocco, quello inaugurato nel 2010, fu decisa proprio in quel contesto di potenziamento di un ospedale che così sarebbe stato in grado di servire tutti i cittadini della vallata del Misa.

Ma oggi non è più così. Quando si sente la parola riforma si ha paura, si teme che servizi importanti vengano tagliati, ridimensionati tanto da non essere più sufficienti per i bisogni dei cittadini, come è avvenuto in tanti altri campi: la casa, la scuola, le pensioni. Tagli a senso unico che riducono la spesa sociale e lasciano inalterati privilegi, diseguaglianze, ingiustizie.

E’ per questo motivo che anche a noi a Senigallia siamo estremamente preoccupati circa il futuro della nostra sanità pubblica, subordinata alle esigenze di cassa, che rappresentano il nuovo faro che indica la rotta delle riforme, essendo sacrificate e emarginate le esigenze che vengono dal territorio, in un contesto in cui non si riesce a vedere l’approdo finale, il punto di arrivo, proprio perché non c’è un’idea di sanità pubblica che sia libera dalla subordinazione alle esigenze della finanza regionale e nazionale e alle logiche gestionali di tipo aziendalistico.

Non è oggi all’ordine del giorno la questione l’area vasta, se questa rappresenti la migliore organizzazione territoriale. Sappiamo però che l’organizzazione di un servizio deve corrispondere alla vita dei territori, alle relazioni economiche, ai legami amministrativi.

Per questo apprezziamo le Delibere della Giunta Regionale 1537 del 31 ottobre 2012 e 1590 del 12 Novembre 2012 che indicano “La rete clinica dell’Area metropolitana, caratterizzata dallo spostamento delle prestazioni di media complessità dall’Azienda Ospedaliera–Universitaria, alla quale sono richieste prestazioni di alta specialità ed alta complessità , agli Ospedali di Senigallia e di Jesi“.

Fate attenzione: si parla di “spostamento delle prestazioni di media complessità” da Torrette a Senigallia e Jesi. Ciò significa potenziamento dei servizi, un proposito che cozza con le realtà di segno inverso che si è andata determinando in questi mesi.

Si parla anche di “Area metropolitana“, definizione che apprezziamo perché corrisponde ad una realtà territoriale che è già connessa, un’area che esiste già per i cittadini, come dicevo, per quanto riguarda i servizi, l’economia, la densità della residenzialità sul territorio. Quindi, se c’è da individuare una direzione di marcia, credo che quella più consona sia questa.

In questo contesto, pensiamo che l’organizzazione del Servizio Sanitario centrata su
-Ospedali Riuniti Marche Nord
-Ospedali Riuniti Ancona
-INRCA
-ASUR
sia un grosso impedimento per una organizzazione a rete in quanto sono presenti quattro aziende dotate di autonomia imprenditoriale e di personalità giuridica, spesso concorrenziali tra loro.

La modalità tecnica-organizzativa che garantisca il funzionamento a rete del sistema (sia ospedaliero per le acuzie, che quello socio-sanitario post-acuzie) coincide con la soppressione delle quattro aziende e l’accorpamento delle stesse in due uniche strutture organizzative, coordinate direttamente dall’Assessorato, con competenza su tutta la regione, in modo tale che si abbia una rete dell’alta specialità e delle acuzie, una rete socio-sanitaria territoriale post-acuzie, sub acuzie, fragilità.

La DGR 735, che affronta la riconversione dei piccoli ospedali, quindi impostando la riorganizzazione della rete socio-sanitaria post-acuzie, sub acuzie e fragilità, per quel che concerne la rete dell’alta specialità e della acuzie, spalma la riduzione e la riconversione dei posti letto in modo non chiaro, come risultato solo di una trattativa tra le quattro aziende e – per quel che riguarda l’ASUR – senza alcun parametro (che non viene riportato) e senza tener conto del fatto che i servizi, per economicità di gestione, devono essere concentrati dove maggiore è la densità abitativa, garantendo però a tutti un accesso veloce in caso di emergenza.

Io non ripeto l’elenco delle doglianze, degli sprechi e dei contemporanei tagli, degli incentivi, delle scelte che non corrispondono alle esigenze della salute pubblica.

Chiedo, però, all’Assessore:

– Intende la Regione perseguire l’obiettivo delle reti cliniche, così come ipotizzato dalle due delibere della Giunta Regionale che ho citato?
– Non ritiene utile modificare l’art. 2 della legge 17, prefigurando solo due aziende (al posto delle attuali quattro), una che si occupi di tutta la rete Ospedaliera e l’altra della gestione territoriale?

I vantaggi sono evidenti:

-Risparmio per la gestione (due strutture invece che quattro)
-Scelte omogenee su scala regionale
-Superamento della conflittualità tra aziende dipendenti dallo stesso organismo regionale.
-Immediata pianificazione del sistema a rete che per sua necessità supera i confini delle aree vaste.

Sono convinto che, se così non fosse, si creerebbero sul territorio sempre maggiori bisogni che resterebbero insoddisfatti da parte del Servizio Sanitario Pubblico, i quali bisogni, essendo in buona parte incomprimibili, si rivolgerebbero alla sanità privata ancora di più di quanto non avvenga già oggi, col risultato di gravare sul bilancio pubblico e sui bilanci delle nostre famiglie, sulle quali pesa in misura insopportabile il lungo elenco delle scelte a senso unico dei governi di questi anni.

Commenti
Ci sono 2 commenti
Un eterno illuso 2013-06-18 22:47:45
Il problema, sig. Mancini, è che per far sentire ai Cittadini la necessità di avere un ospedale ogni 20 km (poi poco importa quale ne sia la qualità)è stato deliberatamente e scientificamente distrutto il territorio, sprecando immense risorse umane ed economiche. Gli esempi di buona organizzazione sanitaria che non siano incentrati su sistemi di potere dei quali si nutre la politica (la P la lasciamo ad altra politica), tipo la nomina dei primari, ma su meri criteri professionali, sono ignorati, invece di prenderne esempio.
Se solo Lei provasse a togliere alle realtà ospedaliere come la nostra tutte le prestazioni che potrebbero essere altrettanto efficacemente eseguite su strutture extraospedaliere (che non possono identificarsi certo con quella vergogna di poliambulatorio che abbiamo), più agili, più facilmente accessibili e molto meno onerose, vedrebbe quanto poco rimarrebbe di un ospedale come Senigallia. E' così necessario che una ecografia sia fatta in ospedale? o una visita specialistica? o una ecocardiografia? o una gastroscopia? o una radiografia? o un prelievo di sangue? o una chirurgia ambulatoriale? possiamo andare avanti per giorni a scrivere. Questa sarebbe una vera Riforma, una riforma che vedrebbe al centro il cittadino e non l'operatore sanitario, che darebbe più sanità e risparmierebbe risorse per altre necessità.
Ma è per eterni illusi, come me e forse come Lei
Riccardo De Amicis 2013-06-19 14:15:57
Nel 2012, la spesa per la sanità ha raggiunto quota 114,5 miliardi, pari al 14,2% della spesa pubblica totale (i famosi 800 miliardi). Basterebbe toglierla alle Regioni (dove si annidano sprechi, malaffare e clientelismo) e ridarla allo Stato Centrale come dice il suo falso nome: Servizio Sanitario Nazionale. La Corte dei Conti ha valutato questo malaffare in circa 60 miliardi annui (http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/02/16/evasione-italia-livelli-alti-europa-dilagano-illegalita-corruzione-malaffare/191661/).

A Senigallia sulla sanità cascano tutti dal pero. I tagli a livello locale sono le conseguenze delle politiche economiche nazionali: MES, fiscal compact e patto di stabilità votati da PD, PDL e UDC. Quindi l'unica riforma possibile:
1- ricentralizzare la Sanità a livello nazionale e toglierlo alle Regioni;
2- la Sanità è un'entità tecnica che va tolta immediatamente dalle grinfie della Politica (Mezzolani e company vengono nominati da Spacca, cioè dal PD).
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura