SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Un Paese che dovrebbe uscire dall’euro

Il blogger ByoBlu analizza gli scenari possibili in caso di uscita dalla moneta unica -VIDEO

1.659 Letture
commenti
Uscire dall'euro?

Ebbene sì: questo Paese dovrebbe uscire dall’euro. Immediatamente. La ragione è molto semplice: restare nell’euro comporta una depressione incredibilmente aspra, che durerà per molti anni e vanificherà qualunque sforzo di ricostruire il settore delle esportazioni. Abbandonare l’euro, invece, e svalutare in modo sensibile la nuova moneta, accelererebbe notevolmente quel processo di ricostruzione.

Se si analizzano i dati relativi al commercio del Paese, risulta evidente quanto è grande il danno che esso sta per subire. Si tratta di un mercato estremamente aperto il cui unico settore davvero attraente per l’estero, o almeno l’unico rimasto ancora in piedi, è il turismo. Ora, gli organismi internazionali (UE, BCE, FMI), continuano ad imporre nuove misure di austerità, anche se il Paese ha un saldo primario (cioè senza contare gli interessi sul debito) attivo, con un surplus che ammonta a 15,6 miliardi per il 2011. Non mi sorprenderebbe, però, se a furia di austerità il Pil reale crollasse del 20%.

Qual è, dunque, la strada da seguire? Questo Paese ha bisogno di un vero e proprio boom del turismo, insieme ad una rapida crescita delle esportazioni, utilizzando come settore trainante quello dell’agricoltura, che deve essere rivitalizzato. L’unica soluzione per far ciò è una forte svalutazione; questo contribuirebbe con ogni probabilità ad attrarre turisti ed investitori stranieri. Se invece si volessero ottenere gli stessi risultati ricorrendo al taglio drastico degli stipendi pubblici e del welfare, il processo sarebbe molto più lungo, e causerebbe molti più danni, sia in termini sociali sia in termini economici. Stabilito questo, si potrebbe discutere su come praticamente attuare queste soluzioni, cioè attraverso una temporanea chiusura della banche e un controllo del flusso dei capitali; e anche per quanto riguarda il contante, si potrebbe intanto ricorrere a degli appositi bancomat, senza dover per forza aspettare che qualcuno corra a stampare le nuove banconote.

È vero: tutto suona dannatamente disperato ed improvvisato. Ma la situazione in cui ci troviamo è, appunto, disperata! Se rifiutassimo questa strategia, ci ritroveremmo ad accettare le stesse misure di austerità che stanno devastando la Grecia, o forse anche peggiori. Ma sono sicuro che nulla di tutto quello che ho proposto accadrà. E questo perché le istituzioni del Paese temono il salto nel buio rappresentato dall’uscita dall’euro, e preferiscono invece la certezza dello sfacelo che deriva dal rimanere all’intero della moneta unica. Come ho già detto, io sono convinto che abbandonare l’euro sia adesso la cosa migliore da fare.

A pronunciare queste parole – al netto di qualche trascurabile differenza – è stato non un antieuropeista, disfattista e irresponsabile, ma il premio nobel per l’economia Paul Krugman. Però potete tranquillizzarvi: Krugman si riferiva a Cipro, non all’Italia.

Allegati

Commenti
Ci sono 4 commenti
Franco 2013-04-07 15:43:16
Ai fini della trasparenza, non sarebbe opportuno chiarire che Byoblu.Com è il videoblog di Claudio Messora, portavoce di M5s????
Gianluca 2013-04-07 23:53:30
Ma le materie prime di cui l'Italia non dispone in che moneta le paghiamo? In sesterzi?
gio 2013-04-08 06:44:24
Il turismo e l'sgricoltura possono essere rivitalizzato anche oravsenza uscire dallo euro
Dario Romano 2013-04-08 12:22:53
Analizzare solamente la partita delle esportazioni e della svalutazione mi pare riduttivo, nonchè demagogico e populista.
Liquidare la questione "€" in un articolo tratto da uno scritto di Krugman significa fare disinformazione, come fare disinformazione significa omettere il nome di chi sta scrivendo, come dice correttamente Franco Giannini.
Non hai nemmeno citato, in una riga, il fatto che la BCE dovrebbe cambiare il proprio Statuto, diventando prestatore di ultima istanza (LoLR): almeno ci sarebbe stata una proposta! Non hai nemmeno parlato di unificazione delle politiche fiscali, dopo quella monetaria: ovviamente, quando si scende sul piano dei temi però immagino che il confronto e il dialogo non facciano parte della vostra strategia politica. Anzi, della strategia di Grillo e Casaleggio, che voi ahimè vi limitate ad applicare senza un minimo di spirito critico.
Non citare che l'€ è stato ed è anche uno strumento di pace, per carità: d'altronde il buon Casaleggio parla di una mega guerra che nel 2020 distruggerà l'intero pianeta, o quasi. Bè, se continuate a proporre e dire cose simili, non vi preoccupate: forse ci arriveremo anche prima.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!