SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Senigallia, il diverbio tra due minorenni sfocia in aggressione armata

Feriti due giovani marocchini, ancora 17enni, in piazza del Duca: uno studente chiama i Carabinieri

2.580 Letture
commenti
Carabinieri, auto, gazella

La rissa tra due giovani connazionali degenera, ci scappano le armi e le ferite; ma soprattutto la denuncia da parte dei Carabinieri per entrambi i minorenni, protagonisti dell’episodio verificatosi giovedì 4 aprile, a Senigallia, nel tardo pomeriggio.

Poco dopo le 19 infatti, al numero di pronto intervento 112 dei Carabinieri è giunta la segnalazione di un cittadino marocchino minorenne, regolare sul territorio nazionale, in cui denunciava telefonicamente di aver subito poco prima, nella centralissima piazza del Duca, un’aggressione da parte di un coetaneo connazionale indicato sommariamente coi presunti nome e cognome.
La vittima dell’aggressione, H.A., classe 1995, residente a Senigallia, studente, ha riportato serie ferite ed è stato trasportato in ambulanza al pronto soccorso dove gli sono state riscontrate l’amputazione della falange del quinto dito della mano destra, una ferita da arma da taglio alla mano sinistra, lesioni da graffi al volto, con prognosi – in attesa dell’intervento chirurgico – di 30 giorni.

Immediatamente, dalla dipendente Stazione di Senigallia, insieme al Nucleo Operativo Radiomobile, sono partite le indagini: nonostante non vi sia alcun testimone dell’aggressione, alcuna immagine utile dalle videocamere di sorveglianza, né siano state rinvenute armi da taglio compatibili con le ferite, l’attività dei Carabinieri ha permesso di identificare l’aggressore: si tratta di un minorenne, C.M., classe 1995, residente a Falconara Marittima e nullafacente, anche lui recatosi al pronto soccorso, verso le 21:30, anche lui ferito da un’arma da taglio.

Entrambi i minorenni sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per il reato di lesioni personali aggravate dall’uso di armi. L’aggressore, C.M., al termine delle indagini, è stato riaccompagnato a casa e affidato ai genitori conviventi a disposizione dell’A.G. inquirente, mentre l’altro minorenne, H.A., è stato affidato ai servizi sociali del Comune di Senigallia non essendo stato reperito alcun congiunto maggiorenne convivente.

Commenti
Ci sono 4 commenti
simona 2013-04-05 21:43:05
poco dopo le 19.00, quindi ancora giorno... nessun testimone ?
mi pare strano....
Michele 2013-04-06 01:34:51
No è che Senigallia ha detto no al razzismo...
Roberto 2013-04-07 17:27:36
Finché lo fanno tra di loro va bene...purtroppo è saltata solo una falange..ma sono giovani inesperti la prossima volta speriamo che i coltelli li usino meglio...
pie 2013-04-07 22:31:14
Ma che state dicendo!!!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura