SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Taglio della merenda nelle scuole di Senigallia: i genitori protestano

Le famiglie di alcuni alunni dal 21 marzo manifestano il dissenso con lo "sciopero dei buoni pasto"

3.090 Letture
12 commenti
La scuola G.Fagnani in via Maierini a Senigallia

Come genitori abbiamo espresso in molti modi e in molte sedi la nostra contrarietà ai tagli annunciati alle spese delle scuole per l’infanzia del Comune di Senigallia, in particolare al taglio immediato delle merende e a quello prossimo delle forniture biologiche dalla refezione giornaliera dei nostri figli.


La riunione che si è svolta mercoledì 20 marzo presso l’istituto comprensivo Senigallia Centro, con la partecipazione di numerosi delegati delle scuole dell’infanzia di Senigallia, ha prodotto una lettera e una raccolta di firme che sono state consegnate al Sindaco il 21 marzo. Non abbiamo avuto nessuna risposta pubblica.
Esigiamo il ritiro del provvedimento di tagli previsto dal 1° aprile.

Proponiamo l’apertura di un confronto partecipato con le parti interessate (genitori, insegnanti, bambini) sul futuro delle scuole dell’infanzia e di tutti gli aspetti della amministrazione scolastica del Comune.

Dal 21 marzo abbiamo iniziato a organizzare lo sciopero dei buoni pasto nelle scuole di Roncitelli, San Gaudenzio e Pascoli, come forma di pressione e di manifestazione del nostro dissenso. Ogni famiglia che lascia il bambino a pranzo a scuola trattiene il buono pasto e versa un buono alternativo per manifestare il proprio dissenso. Altre scuole sono intenzionate a seguire questa modalità di protesta.
I buoni-protesta raccolti verranno consegnati pubblicamente al Comune quando decideremo di organizzare una manifestazione pubblica.

Le famiglie riprenderanno a utilizzare i buoni pasto effettivi e a compensare quelli trattenuti durante lo “sciopero” quando l’assemblea dei genitori deciderà di sospendere questa forma di protesta. Se la decisione dei tagli al primo aprile verrà ritirata UFFICIALMENTE, sospenderemo la protesta.

Tutte le scuole di ogni ordine e grado sono invitate da oggi a esprimere pubblicamente il proprio dissenso in varie forme contro la politica dei tagli indiscriminati e calati dall’alto.

Genitori contro i tagli alle scuole dell’infanzia di Senigallia

Commenti
Ci sono 12 commenti
Piero 2013-03-22 18:56:54
BRAVI i genitori! Spero che tengano duro fino a quando il provvedimento sarà annullato! Sui bambini non si scherza! Politici vergognosi, TUTTI!!!
Rione 2013-03-22 19:13:42
Tutto merito di Al Debaran.
maurizio perini 2013-03-23 08:13:12
Non condivido che tutti i politici siano messi sullo stesso piano. Ognuno è responsabile delle proprie scelte sia quando prende provvedimenti sia quando li contesta. Bene invece che di fronte ad un quadro farraginoso, burocratizzato come quello della scuola, genitori ed insegnanti prendano in mano la situazione e facciano.Voglio insomma guardare alla parte positiva della vicenda. Se la politica non riesce, meglio che i diretti interessati facciano in prima persona.
+ io 2013-03-23 09:29:58
mangiare meno fa bene... alla salute ed al fisico
guardate i fioli degli exstra comunitari o quelli dei genitori provenienti dalla romania ; non ce ne sta uno obeso e quando corre molto di più dei nostri fioli, quando fa na gara sportiva vince !!!
Roberto Polizzi 2013-03-23 11:40:46
Concordo con quello espresso da Maurizio Perini, però preciso che se non sanno amministrare io voglio le dimissioni!!! Non sai fare=vai a casa e lasci la poltrona....
Una società civile investe sui bambini/giovani non fa continui tagli su tutto...
Per quanto riguarda i bambini provenienti dagli altri paesi non me ne voglia nessuno, io pagò un signor buono pasto, tra i più cari della zona e non accetto tagli su mio figlio....
titti 2013-03-23 12:09:31
specifica "extracomunitari" di dove, io ne conosco un pò che vengono dalla svizzera e sono obesi come i nostri :-) stereotipi
+ io 2013-03-23 14:27:01
scusate.. @roberto
se uno paga ha diritto di avere quello per cui ha pagato , per cui il comune è in questo caso inadempiente è va denunciato perchè non ha rispettato il contratto , anzi va denunciato per appropriazione indebita.

@titti
per exstracomunitare intendevo dire genericamente bimbi di altre nazioni povere , che si trovano qui perchè i loro genitori sono venuti ad abitare in un paese con un tenore di vita più alto rispetto al proprio paese di origine.
Se fate caso non ce ne sta uno grasso
se fate caso corrono molto di più dei nostri fioli
se fate caso sono molto più vivaci dei nostri fioli coccolati sempre da mamma e papa nonni e nonne e zie-zii scapoli
se fate caso vanno a scuola da soli lungo le strade , mentre i nostri ci vanno accompagnati da un genitore a bordo dell'auto di famiglia
se fate caso sono molto più vivaci dei nostri
se fate caso sono molto più caparbi dei nostri
se fate caso sono molti più tignosi dei nostri
se fate caso sono dei fighter anche da piccoli e non si tirano indietro
questo perchè nella savana come ben sapete
un leone si alza alla mattina e sa che dovrà correre più veloce della zabra
nella savana una zebra si alza alla mattina e sa che dovrà correre più veloce del leone
nella savana non importa se tu sei zebra o leone
l'importante è che ogni mattina tu incominci a correre

questo è quello che dobbiamo trasmettere ai nostri fioli
Roberto Polizzi 2013-03-23 20:12:19
+io, in merito al reato non sono d'accordo... Comunque non guardiamo gli altri, io guardo il mio comune che preferisce dare soldi a destra e sinistra per le minime feste e sagre e taglia sui bambini, ma stiamo scherzando????? Poi scusa prima non potevamo portare una merendina per questione di igiene e xchè il nutrizionalista aveva fatto una dieta ad hoc, invece adesso la dieta non conta più??? L'igiene la ignoriamo??? Tagliamo sulle cose serie e lasciamo stare i bambini crescere tranquilli e beati.....
Angelo Rossi 2013-03-23 21:17:51
Questo pomeriggio passando alla Cesanella ho visto alla nuova farmacia comunale (per la verità solo un trasferi- mento) un rinfresco con la presenza di molta gente. Chi ha pagato? Qualora sia stato il Comune, come penso, non era meglio dare qualche merendina in più ai bambini? Sinceramente mi auguro che non paghi il Comune altrimenti sarebbe veramente vergognoso e offensivo nei confronti dei cittadini tutti di Senigallia.
Piero 2013-03-23 23:02:19
Perini...capisco che dia fastidio sentirsi criticare, ma i politici TUTTI sono COLPEVOLI della situazione attuale, NESSUNO escluso! Specialmente quelli che "cambiano" bandiera ad ogni nuovo alito di vento, fanno proprio capire che gli interessa la poltrona e non certo la comunità! E anche a Senigallia, come in tutta Italia, ce ne stanno diversi...mi sbaglio?
Massimo 2013-03-23 23:08:52
Il problema, senza offese per nessuno, non sono tanto i bimbi obesi o meno. La situazione è ben diversa: il taglio della merenda è stato imposto dall'alto senza consultare nessuno e senza indicare una soluzione alternativa il tutto con la scusa del bilancio e dei pochi soldi che ci sono nelle casse comunali!!!!!. 1°) i bimbi sono persone indifese e rappresentano il futuro della città: è come se non si volesse investire nel futuro 2°) tutti i dietologi dicono di mangiare 5/6 volte al giorno e qui tagliano un pasto ai bimbi 3°) viene meno l'unico momento in cui i bimbi mangiano insieme visto che molti dopo l'aumento del buono pasto vanno a mangiare a casa 4°) vengono usati soldi pubblici per spese assurde: prima tagliamo queste e poi se non basta pensiamo di tagliare le merende!!!!!
Tarcisio Torreggiani 2013-03-24 11:16:51
Ma invece di prendersela con i bambini il Sindaco non può tagliare qualche inutile spettacolo estivo ?
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno