SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Comì di Cucina

I consiglieri del Ppe-Pdl: “Vivi Senigallia è ormai un’appendice del Pd”

Cicconi Massi, Cameruccio, Rimini e Mazzarini invitano inoltre Mario Fiore a lasciare la lista civica

1.927 Letture
commenti
I componenti del gruppo consiliare PPE-PDL, Enrico Rimini, Gabriele Cameruccio, Alessandro Cicconi Massi e Alessandro Mazzarini

Dai risultati del voto nazionale, il terremoto politico che ha portato una valanga di voti al Movimento 5 Stelle di Grillo, inevitabilmente porterà conseguenze anche nella politica locale, anche se tutti i gruppi del centro sinistra giurano che nulla cambierà.


Tra tutti, ci stupiscono particolarmente le posizioni della lista civica nata in appoggio al sindaco Mangialardi: Vivi Senigallia.
Ormai è chiaro a tutti: Vivi Senigallia non è più una realtà politica autonoma e strutturata (sempre che lo sia mai stata), ma nei fatti oggi è la mera appendice del Partito Democratico nella nostra città.
Nata come la terza gamba della coalizione Mangialardi, votata come pilastro moderato, civico e non partitico della coalizione, espressione di un voto più orientato al centro-destra, che al tradizionale elettorato di sinistra, oggi Vivi Senigallia, sedicente lista civica, è trasformata in una piccola sezione del PD.

Quali importanti proposta politiche sono arrivate da questa realtà civica? Quali idee mirabolanti per il rilancio della città? Quale reale atteggiamento civico?
Nulla di tutto ciò. Solo un sempre più marcato appiattimento sulle posizioni del PD e quel che è peggio di SEL, che seppur con pochissimi voti, rappresenta oggi l’azionista, con la “golden share” all’interno della giunta vantando i due assessorati chiave per la gestione della città: Urbanistica e Bilancio, cioè il governo reale del territorio ed i cordoni della borsa.
Ed oggi li vorremmo vedere i consiglieri di Vivi Senigallia pronti ad abbracciare le tesi del Movimento 5 Stelle, dopo le ultime strabilianti aperture del Sindaco Mangialardi, autoproclamatosi grillino ante litteram.

Sempre più in alto, diceva un vecchio slogan pubblicitario…sempre più a sinistra, sarà il prossimo slogan di Vivi Senigallia per questa nuova fase politica.
Vorremmo ricordare agli anonimi di Vivi Senigallia che il loro tanto fondamentale 8% di voti raccolti nel 2010, oggi non sarebbero così fondamentali per la vittoria del sindaco.

L’ultimo pensiero di affetto all’amico Mario Fiore: l’unico che dentro quel gruppo può ancora dirsi coerentemente civico e moderato: Mario lascia le brutte compagnie, tanto loro non ti vogliono nemmeno e torna ad essere vera espressione di civismo ed autonomia.

 

Alessandro Cicconi Massi, Gabriele Cameruccio, Enrico Rimini, Alessandro Mazzarini

Commenti
Ci sono 5 commenti
Al 2013-03-01 12:07:46
...siete proprio alla frutta, sembra quasi che cerchiate di "acquistare" politicamente un consigliere di un altro gruppo nel tentativo di emulare il vostro capo. Ma lui ha sicuramente "argomenti"..."migliori"! lasciate perde!!
Franco 2013-03-01 13:03:06
Ma con tutti i problemi che hanno a casa loro, questi signori passano il tempo a guardare in casa altri?????
Puro e lindo 2013-03-01 14:51:58
Mario Fiore chi? Quello che si è fatto abbindolare politicamente per far vincere Mangialardi? Perchè senza la lista civica CIVETTA per i polli senigalliesi, Mangialardi restava a prendere il sole sulla spiaggia! Mario Fiore non potrà mai capire questa "finezze" politiche praticate da chi è furbo a danno di chi "abbocca" come (...omissis...).
Ñáñolo 2013-03-01 16:11:56
Peritonite.
O. Manni
Paul Manoni 2013-03-02 08:36:48
Ma con tutti gli argomenti sui quali porre l'attenzione, per condurre un'opposizione all'amministrazione comunale, proprio queste beghe e chiacchiere da comari dirimpettaie, dovete utilizzare? Guardate che il livello di interesse dei cittadini, su Fiore o ViviSenigallia, é decisamente minimo, rispetto ad altri e ben più seri problemi. La politica dello squalificare l'avversario politico, attraverso argomentazioni futili e prive di interesse, é proprio quel genere di politica che gli italiani vogliono CAMBIARE. Ognuno faccia il suo lavoro per il bene dei cittadini. Attraverso quello, il cittadini sceglieranno chi dovra rappresentarli. Fine. Se perseverete in questo genere di politica irrilevante e priva di contenuti, alla prossima tornata elettorale i vostri partiti si estingueranno, come gia successo ad altri partiti.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura