SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Comune di Ostra Vetere

La mani della camorra sull’autostrada: indagini in mezza Italia

Indagate ditte riconducibili al clan D'Alessandro, tra le opere anche fabbricati al casello di Senigallia

6.983 Letture
commenti
Il casello autostradale di Senigallia inaugurato nell'aprile 2011, foto di Claudio Torcoletti per Senigallianotizie.it

Opere pubbliche, considerate non a norma o a rischio crolli, finite al centro di un’indagine antimafia che sta cercando di far luce sulla sicurezza degli utenti nei trasporti lungo tutta la rete autostradale della penisola italiana. Senigallia compresa.

Caselli e cartelli autostradali, ponti ciclopedonali e pensiline sono solo alcune delle strutture su cui varie Procure della Repubblica stanno procedendo con le indagini. Indagini che sembrano portare a tre ditte – secondo gli investigatori – facenti tutte capo alla famiglia di Mario Vuolo, imprenditore di Castellammare di Stabia sospettato di avere legami con il clan camorristico D’Alessandro.

E tra le opere riconducibili ad una di queste aziende figurano anche (in mezzo a tratti autostradali più noti) le isole prefabbricate del casello di Senigallia, sulla A14, inaugurato nell’aprile 2011.

Carpenfer Roma, PTAM costruzioni e APF travi elettrosaldate sono i tre nomi delle ditte coinvolte nel filone di indagini nato dalle dichiarazioni di un ex dipendente della Carpenfer Roma e dopo il crollo della pensilina del casello di Cherasco, sull’autostrada Asti-Cuneo.
Ma i pericoli corsi dagli automobilisti non finiscono qui: nel giorno di Natale del 2011 cadde sulla carreggiata della Napoli-Roma, senza fare danni a persone o automobili in transito, il cartello autostradale che indicava l’uscita di S. Maria Capua a Vetere e nel ponte ciclopedonale di Cinisello Balsamo, a Milano, vennero riscontrate delle anomalie, in particolare nelle saldature.

La famiglia Vuolo, che lavora nella fornitura del ferro per ponti e caselli, ha ottenuto subappalti da (ma non solo) Pavimental, Autostrade per l’Italia, Autostrade Meridionali, Impresa Grandi Infrastrutture, tramite le varie aziende a cui era connessa grazie anche una serie di legami familiari. Parentele su cui le varie direzioni investigative antimafia di Milano e Firenze, le Procure di Monza, Alba, Roma e Napoli stanno cercando di far luce anche per capire come le società connesse tra loro potessero “nascere” e “morire” aggirando così i controlli antimafia.

Controlli che per il momento hanno portato ad attestare nei decreti di perquisizione emanati dall’antimafia fiorentina “la non conforme esecuzione dei lavori commissionati […] in svariati tratti autostradali della penisola” provocando, tra il 2008 ed il novembre 2011, “gravi cedimenti strutturali“.
Il reato ipotizzato è quello di ‘attentato alla sicurezza dei trasporti‘, ma le piste d’indagine stanno andando oltre, grazie anche alle rivelazioni di un architetto ex dipendente della Carpenfer Roma, indagando sui canali di finanziamento: uno dei rami – secondo gli inquirenti – sarebbe proprio quello del clan D’Alessandro, noto in altre inchieste per riciclaggio di denaro sporco.

Commenti
Ci sono 7 commenti
alfio romiti 2012-12-29 03:33:50
http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2012/12/11/news/l_ombra_della_camorra_sulle_autostrade_le_indagini_a_tutto_campo_sui_rei_del_ferro-48527172/

http://www.stpauls.it/ga10/1025ga/1025ga05.htm
Emanuela 2012-12-30 09:38:48
Fa piacere, fa molto piacere, da parte di chi, come me ha subito l'esproprio e ha dovuto chiudere l'attività di famiglia...ovviamente sto ironizzando. chissà perchè, la notizia non mi sorprende affatto. Nella mia lotta contro l'esproprio, parlando con chi, come me ha provato a combattere contro i mulini a vento, ne ho sentite di cotte e di crude...irregolarità gravissime che sono state lasciate correre. Ma, ovviamente, non potendo provarlo, non le posso riportare. Peccato che nessuno li abbia voluti ascoltare quei "pazzi" della "versus complanare"!!!
bruno blek 2012-12-30 17:58:53
be è da tempo che segnaliamo lo schifo delle condizioni nei dintorni dell'Autostrada e caselli aperti senza che siano completate le via d'accesso
Albereto Diambra 2012-12-31 15:36:55
Non ci sono solo abusi in autostrada ma anche nella città di Senigallia ,vedi la Zona PEEP MISA ;L'Amm.ne Comunale di Senigallia non vuol regolarizzare la situazione,veramente pericolosa, come disposto dal Decreto Presidente della Regione 7554 nonostante denunce ed espopsti da vari anni a tutte le Autorità,andiamo bene ???
Alberto Diambra 2013-01-02 11:03:01
Il paradosso è che il Sindaco Mangialardi pur a conoscenza dell'abuso ,omissioni di atti d'ufficio ed altro in quanto si continua a massacrare la zona PEEP MISA non interviene a far rispettare quanto disposto dal D.P.Regione marche 7554 ma ritiene intollerabile il comportamento dei già residenti che presentano esposti e denunce anche ad autorità Governative.Chiediamo al Sig. Sindaco cosa dobbiamo fare per salvaguardare i nostri diritti ed essere tutelati per la qualità di vita come i nuovi insediamenti.Per cortesia INTERVENGA!!!
alfa 2013-03-27 16:48:46
i soggetti sotto indagine contimnuano a vincere appalti pubblici e' una vergogna
Francesco 2013-03-27 17:28:33
Beh, finché non c'è una condanna di colpevolezza per quale motivo non dovrebbero partecipare agli appalti?
Non si è colpevoli fino ad una sentenza...lo sapevi Alfa?
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno







Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura