SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Paradisi: “L’amministrazione di Senigallia è per la cementificazione”

Il consigliere attacca Ceresoni e chiede la convocazione della II Commissione sulla lottizzazione alla Cesanella

Simone Ceresoni

Il consigliere comunale del Coordinamento Civico Roberto Paradisi chiede la convocazione della II Commissione sulla lottizzazione alla Cesanella.

Questo il testo completo:

Io  sottoscritto Roberto Paradisi, consigliere comunale,

PREMESSO CHE

–    Con sorprendente deliberazione della Giunta Municipale del 30.10.2012 n° 201 è stato adottato un “piano di lottizzazione d’ufficio” in località Cesanella;
–    Che detto provvedimento si inserisce in una complessa vicenda edificatoria nell’ambito della quale sono tutt’ora pendenti ricorsi al Tar Marche;
–    In particolare, alcuni proprietari interessati all’area in questione, legittimamente contrari alla edificazione all’interno delle loro proprietà, verranno di fatto costretti ad edificare con una procedura limitativa della loro libertà in un’ottica (evidentemente sponsorizzata da questa Amministrazione e dall’assessore all’urbanistica) di forzata cementificazione civica;
–    Addirittura, per giustificare la “lottizzazione d’ufficio”, la Giunta ha scritto che l’opposizione dei proprietari (che preferiscono evidentemente il verde al cemento) si traduce “in una sorta di vincolo di inedificabilità avente origine arbitraria e durata indeterminata”“;
–    Così scrivendo, la Giunta, che conferma la propria vocazione al cemento a tutti i costi, capovolge le carte in tavola facendo apparire “arbitraria”non la sua decisione (illiberale) di costringere dei proprietari ad edificare nella loro proprietà, ma la decisione dei proprietari stessi di mantenere il verde nei propri beni immobili;

CONSIDERATO CHE

–    Simile decisione (realmente arbitraria) calpesta la libertà dei cittadini coinvolti in questa pianificazione cementizia sempre più invasiva del territorio e pone seri problemi in ordine alla stessa legittimità amministrativa dell’iter seguito (con rischio di pronunce inibitorie del Tar Marche davanti al quale già pendono alcuni ricorsi);
–    E’ assolutamente necessario che l’Amministrazione comunale spieghi nel dettaglio l’intera discutibile operazione rappresentando i motivi per i quali si è deciso di calpestare la libertà di privati cittadini arrivando addirittura ad adottare un piano di lottizzazione d’ufficio.

Premesso tutto ciò

Il sottoscritto consigliere comunale chiede, ai sensi degli artt. 25 e 26 del Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consiliari, la IMMEDIATA convocazione della II Commissione Lavori Pubblici alla presenza del dirigente Gianni Roccato.

Senigallia lì 11.12.2012

Commenti
Solo un commento
Massimo Mariani 2013-03-29 10:31:49
Sono uno di quelli che ha fatto ricorso al TAR Marche e che (sentenza n. 141/2013 - controllare per credere!)ha vinto il ricorso contro il Comune di Senigallia. Il comportamento del Comune è stato illegittimo (non lo dico io, lo afferma la sentenza) e, essendo ancora il cantiere aperto, a mio avviso anche illegale. Cosa dire di più di questa giunta cementificatrice e sprezzante di ogni regola o diritto? Che forse gli "alti" principi a cui dice di ispirarsi nascondono altre motivazioni, molto meno nobili e pubblicizzabili.....
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!