SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Al Palazzo Del Duca di Senigallia la presentazione di “Bianco e oscuro”

Sarà presente pure l'autrice del volume, Simona Guerra

Da sinistra, Simona Guerra e Giovanni Marrozzini

L’associazione PrimaVera Onlus di Senigallia promuove per giovedì 25 ottobre alle ore 21,00 presso la Sala del trono del Palazzo del Duca a Senigallia la presentazione del libro di Simona Guerra “Bianco e oscuro. Storia di panico e fotografia” (PostCart, 2012).


Il romanzo è stato realizzato con fotografie di Giovanni Marrozzini e conserva una postfazione dello psichiatra Peppe dell’Acqua, successore di Franco Basaglia e attuale direttore del Dipartimento di Salute Mentale di Trieste.
All’evento, organizzato in collaborazione con l’associazione Sena Nova e Primo Piano di Senigallia interverranno assieme all’autrice e a Giovanni Marrozzini: il prof. Vittorio Luzietti, dell’ass.ne PrimaVera Onlus e il prof. Camillo Nardini, dell’ ass.ne Sena Nova.

IL LIBRO

Può la fotografia essere usata come antidoto alla paura? Alma, la protagonista di questo romanzo ispirato a una storia vera, crede di sì e in queste pagine ci racconta come la fotografia le abbia salvato la vita. Immagini e parole, documenti visivi e testuali si mescolano creando una nuova forma di racconto e dialogo, possibile solo grazie a linguaggi espressivi tanto potenti.

Alma, la giovane protagonista del romanzo, racconta in queste pagine un capitolo importante della sua vita e del suo lavoro dedicato alla fotografia, quello che la vede fronteggiare l’affacciarsi improvviso e incomprensibile nella sua esistenza dell’esperienza del panico.
Una situazione difficile da gestire, che la trova obbligatoriamente ad attraversare e a fare i conti con un disagio vissuto almeno una volta da più del 60% della popolazione occidentale e che Susan Sontag ha definito “il lato più oscuro della nostra vita”.
Attraverso piani differenti e accadimenti lontani tra loro per tempo e spazio, l’autrice costruisce un lucido percorso di riflessione intorno a una questione che è ancora oggi cruciale e pregna di rischi: cosa può accadere quando una persona perde temporaneamente il senso della propria singolare storia? Come il disagio mentale, anche lieve, viene accolto, gestito e giudicato dalla società dell’efficienza e del benessere a tutti i costi? Domande e problematiche ancora irrisolte, addolcite dalle scelte e dalle considerazioni della protagonista che nella fotografia vede la sua ancora di salvezza.

NOTA BIOGRAFICA
Simona Guerra si occupa di conservazione e valorizzazione di fondi fotografici collaborando con alcuni tra i maggiori archivi italiani. Nipote del grande fotografo Mario Giacomelli, ha curato per lui il primo riordino del suo patrimonio fotografico.
È autrice di saggi sulla fotografia, fra questi: Mario Giacomelli. La mia vita intera (2008) e Mario Dondero (2011) per Bruno Mondadori. Questo è il suo primo romanzo.

Commenti
Ci sono 2 commenti
giuseppe di mauro 2012-10-23 08:48:51
...è sempre bello e affascinante ascoltare Simona Guerra e altre persone di cultura che ci arricchiscono facendoci conoscere cose che non conosciamo...però come è faticoso capire le parole in quella bellissima sala ...però buona giornata a tutti
Simona Guerra 2012-10-23 16:00:50
Caro Giuseppe, la soluzione per la sala è semplice: urleremo forte :) anche perchè l'argomento - gli attacchi di panico - è molto importante e più persone ne sentono parlare e meglio è! L'aspetto assieme agli altri giovedì sera. Simona Guerra
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!