SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
NetPEC - Mettiti in regola con la PEC

Da maggio piatti e bicchieri di plastica andranno nella differenziata

Nella provincia di Ancona raggiunto il 53,6%. Scendono i conferimenti in discarica

2.848 Letture
commenti
bicchieri plastica

Novità in arrivo per la raccolta differenziata. Dal prossimo 1° maggio piatti e bicchieri usa e getta non potranno più essere gettati nella pattumiera dell’indifferenziata, ma andranno conferiti negli appositi contenitori per la raccolta della plastica.

La decisione, assunta a livello nazionale dal Comitato di coordinamento Anci-Conai, rappresenta una piccola rivoluzione destinata ad avere risvolti particolarmente positivi sui territori, grazie al recupero e al riciclo di migliaia di tonnellate di plastica fino ad oggi indirizzata direttamente alla discarica.

È importante però che i materiali gettati nel cassonetto della plastica siano accuratamente ripuliti per evitare di danneggiare la qualità della raccolta.

Il provvedimento, almeno per il momento, non è esteso alle posate, che diversamente da piatti e bicchieri non possono essere considerate imballaggi dalla Direttiva 2004/12/Ce del Parlamento europeo, da cui prende le mosse il provvedimento.

Un altro passo – commenta l’assessore provinciale all’Ambiente Marcello Marianiper ridurre sempre più i materiali conferiti in discarica e aumentare le percentuali di raccolta differenziata. La provincia di Ancona ormai da anni ha investito su questo modello e, a suon di risultati acquisiti, è divenuta un esempio virtuoso anche per altri territori. Basti pensare che nel 2011 la raccolta differenziata ha raggiunto il 53,6%, la produzione pro capite di rifiuti è scesa a 490 kg e, nell’ultimo quinquennio, le tonnellate di materiali conferiti in discarica sono passate da 221 mila a 118 mila. Questa novità, dunque, rappresenta un’ottima occasione per crescere ancora di più, migliorando la qualità dell’ambiente e creando nuove opportunità di lavoro”.

Commenti
Ci sono 7 commenti
elisa 2012-04-11 19:04:04
bella notizia, si spera che basterà pulirli con i tovaglioli di carta...perchè sennò se per fare la differenziata dei piatti "usa e getta" devo sprecarci l'acqua per lavarli non è più molto "eco" (-nomico e -logico)
Roberta 2012-04-12 08:14:24
In effetti se devo lavarli alla fine viene meno il motivo per cui a casa uno decide di usare i piatti di plastica, cioè non lavarli.
silvana 2012-04-12 11:14:38
è una buona notizia, ma ce ne potrebbe essere una migliore: DIMINUITO IL CONSUMO DI STOVIGLIE USA E GETTA!!
non vorrei che finisse con l'alleggerire la coscienza di chi non ci prova nemmeno a passare ai piatti lavabili.
la festa è anche condividere un lavoro!
Carla 2012-04-12 16:19:58
Bella notizia, però mi chiedo quando i comuni ricominceranno a distribuire i sacchetti per l'organico, visto che attualmente ognuno fa come può e la moggiorparte dei cittadini usa di nuovo le buste di plastica per conferire l'organico. è un grandissimo passo indietro secondo me.
Franco Giannini
Franco Giannini 2012-04-12 18:31:52
Le posate sono escluse, non perchè di altro materiale non riciclabile, ma solo perchè qualche burocrate della comunità ancora non ha dato la disposizione ufficiale. Noi, pecoroni come al solito, ci adeguiamo e seguiamo il gregge!! La plastica, poi, non ha bisogno di essere lavata, perchè viene da prima macinata e poi fusa a temperature che vanno sempre sopra i 200°... e quali sono gli alimenti che si digeriscono ma che possono resistere a queste temperature??
Paolo 2012-04-12 19:21:36
Dopo aver preso tale decisione,chi di dovere,dovrebbe avvisare,con lettera,tutte le utenze onde evitare diguidi e sanzioni.
Paolo 2012-04-12 21:18:17
ciao.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno







Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura