SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Senigallia, inaugurato il quartiere di Villa Aosta. Brindisi tra autorità e residenti

Illustrato il risultato del recupero di 82 alloggi tra Erap e privati. FOTO e VIDEO

Scorcelletti - Laboratorio Analisi
Inaugurazione del quartiere recuperato di villa Aosta a Senigallia

E’ stato inaugurato giovedì 1 marzo – con un brindisi tra residenti, autorità e addetti ai lavori – il quartiere di Villa Aosta, in via Raffaello Sanzio, recuperato con un intervento partito oltre due anni fa.

Ad alzare i calici, oltre alla Provincia di Ancona e al Comune di Senigallia, rappresentati da diversi esponenti delle due giunte, c’erano molte delle persone che abitano e abiteranno gli 82 alloggi ricavati dal complesso edilizio unitario di case a-sismiche realizzato dall’ex Istituto per le Case Popolari negli anni ’30.

Attualmente di proprietà dell’ERAP e dei privati, il quartiere rinnovato è stato oggetto di un complesso piano di recupero urbano con valenza ecologica ed energetica, in cui sono stai realizzati diversi interventi dalla riqualificazione degli spazi, delle infrastrutture e degli edifici, alla messa in rete dei sistemi di riscaldamento ed elettrici, dall’ampliamento di alcune zone riorganizzando gli alloggi al miglioramento degli standard delle prestazioni energetiche, fino alla previsione di un parcheggio a raso con tettoia su cui sarà in stallato un impianto fotovoltaico.

Ma la riqualificazione – finanziata con fondi pubblici ed Erap – e inaugurata dal Sindaco Maurizio Mangialardi, dalla Presidente della Provincia Patrizia Casagrande, dal Commissario Straordinario Erap Giorgio Meschini, oltre che dai progettisti, l’ing. Maurizio Urbinati e l’arch. Livia Scarpellini – puntava anche alla sostenibilità ed all’integrazione sociale, garantendo alloggi a fasce popolari e a famiglie di stranieri.
Perché questo vuol dire – ha dichiarato Mangialardi nell’intervento inaugurale – essere Senigallia, questa è la nostra città“.

Guarda il VIDEO con interventi di Casagrande, Mangialardi, Urbinati, Scarpellini.

Commenti
Solo un commento
roby 2012-03-02 12:13:55
però dovrebbero controllare un pò tutte quelle "baracche" che si trovano proprio al confine con la ferrovia (alle spalle delle palazzine) che sono piene di eternit, e togliere i secchi dell'immondizia dal passaggio pedonale del semaforo, poichè ne impediscono una ottima visuale, una buona postazione per un migliore attraversamento dei pedoni(visto che deve essere anche rapido poichè il semaforo pedonale dura pochissimo)e poi emettono cattivissimi odori (tra l'altro, come per tutti i residenti del comune, dovrebbero essere gestiti dagli inquilini degli immobili e invece a quanto pare non vengono per niente puliti)
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura