SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Netservice - Posizionamento su motori di ricerca

Senigallia: Italia Nostra contro le barriere antirumore della terza corsia A14

Villani: "Legittimo chiedersi se siano state valutate soluzioni rispettose dell'ambiente e meno impattanti"

2.626 Letture
commenti
Le barriere antirumore della terza corsia autostradale a Senigallia

Una delle novità nella realizzazione della terza corsia sull’A14 è rappresentata dall’installazione di pannelli antirumore, distribuiti con una certa larghezza e generosità, la stessa con cui sono state realizzate le infrastrutture accessorie (svincoli, cavalcavia, rampe ecc.), il tutto con ulteriore impatto sul paesaggio.

Se da una parte tutto questo rappresenta, come sempre viene detto, il prezzo inevitabile da pagare al progresso, e se è innegabile che i pannelli costituiscono una legittima protezione dall’inquinamento acustico, dall’altro è legittimo chiedersi se le soluzioni adottate siano sempre le più rispettose dell’ambiente.
Le barriere antirumore della terza corsia autostradale a SenigalliaLa domanda è legittima visto l’uso dissennato che si è fatto degli altrettanto legittimi pannelli solari e torri eoliche.

Non si può negare che si tratti di veri e propri muri alti fino a 4 m e oltre e lunghi anche più di 1 km, tali da rappresentare barriere che soffocano la vista del paesaggio sia dall’interno, che dall’esterno: se si considera poi che il tracciato dell’autostrada nella nostra regione passa quasi sempre a poca distanza della costa e corre sul fianco delle prime pendici collinari si può immaginare quanto pesante possa essere l’effetto.
Attualmente l’effetto di queste pareti color ruggine è devastante, ma vogliamo sperare che non sia quello definitivo.

Le barriere antirumore della terza corsia autostradale a SenigalliaAllora ci si chiede se le autorità comunali sul cui territorio passa l’A14, e nel caso specifico il Sindaco di Senigallia, abbiano mai avuto un confronto con la Società Autostrade per concordare una strategia per ridurre al minimo l’impatto:
– ad esempio in primo luogo limitandone l’uso solo laddove indispensabile (per le case isolate si possono adottare anche soluzioni diverse e meno costose);
– in secondo luogo utilizzando pannelli trasparenti in plexiglas, come in qualche punto si è tentato di fare;
– infine, se proprio non si può fare meglio, adottando colori tenui tali da mimetizzarsi con il paesaggio, ad esempio nelle tonalità del verde chiaro o del senape, come si è cercato di fare a sud di Ancona.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno