SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

A Senigallia il peggior saldo per le imprese artigiane della zona

Giovanna Curto della CNA: "Non lasciamo sole le piccole imprese, sosteniamole con soldi veri"

Artigiani affiliati alla CNAIl movimento dell’Albo delle Imprese artigiane della provincia di Ancona conferma purtroppo la gravità della crisi. I dati del primo semestre 2009 fanno registrare un saldo negativo tra iscrizioni e cessazioni di –107 imprese nella Provincia di Ancona.

“E’ il dato peggiore degli ultimi 10 anni”, dichiara Marzio Sorrentino, responsabile della CNA di Senigallia, che continua: “Nel primo semestre 2009 c’è stato un forte calo di iscrizioni: 378 contro 637 del 2008. Un dato allarmante: sono nate nella provincia di Ancona poco più del 50% delle imprese rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Un numero di nuove imprese che non è riuscito a realizzare un saldo positivo tra iscrizioni e cessazioni nonostante il dato delle cessazioni sia di 485 contro i 598 del 2008”.

Per quanto riguarda la zona di Senigallia, che per la CNA interessa i comuni di Barbara, Belvedere Ostrense,Castel Colonna, Castelleone di Suasa Corinaldo, Monterado, Morrod’alba, Ostra, Ostra vetere, Ripe, Senigallia e Serra de’ Conti, il saldo del primo semestre 2009 chiude con un –37 che rappresenta il dato più negativo della Provincia di Ancona. Infatti a seguire c’è la zona di Fabriano con  –24, la zona a Sud di Ancona con –18, infine la zona di Iesi con –9 e la zona di Ancona con saldo 0.
 
“Ciò testimonia la durezza della crisi – aggiunge Giovanna Curto, presidente CNA Senigallia – le difficoltà di accesso al credito, il calo della domanda interna ed estera e l’incertezza sui tempi della ripresa non sono fattori che incoraggiano l’apertura di nuove imprese. Eppure le imprese artigiane e le piccole imprese in genere,  ancora resistono confermando la loro vitalità e capacità adattamento. Certo che l’artigianato, il commercio e le piccole imprese, non possono essere lasciate sole a misurarsi contro una crisi di queste dimensioni, pertanto CNA ribadisce la necessità che a livello nazionale vengano stanziati  al più presto soldi veri per sostenere il sistema produttivo delle piccole imprese soprattutto con misure che possano avere effetti immediati”.

Tra queste misure, la CNA evidenzia in particolare:

– l’accelerazione dei tempi di pagamento da parte della Pubblica Amministrazione, consentendo alle imprese di compensare i crediti vantati;
– l’estensione degli ammortizzatori sociali agli imprenditori e ai loro collaboratori, oltre che ai lavoratori dipendenti che già ne godono
– la restituzione immediata di tutte le risorse per la riduzione dei premi INAIL che sono passate da 300 a 27 milioni di euro;
– la revisione immediata degli studi di settore che tengano conto della caduta dei ricavi già fatti registrare nel 2008, ma soprattutto quelli del 2009;
– l’ allargamento ai contratti di subfornitura del pagamento dell’IVA per cassa;
– la revisione dei criteri di Basilea 2;
– l’ allentamento del Patto di stabilità interno per consentire agli Enti Locali la ripresa di investimenti in opere pubbliche immediatamente cantierabili: di recupero e manutenzione, di adozione di fonti energetiche rinnovabili, di interventi finalizzati al risparmio energetico, favorendo la partecipazione delle PMI agli appalti di lavoro e di forniture. incentivi per la riqualificazione del patrimonio edilizio privato e dei centri urbani;

Dati Artigiani della zona di Senigallia

dalla Presidenza della CNA di Senigallia

CNA Senigallia
Pubblicato Mercoledì 1 luglio, 2009 
alle ore 17:34
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura