SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Carissime ciccine rosa, presto, presto, che devo andare alla fiera!

di Audi Carol


Giovedi in Rosa 60019.itBuongiorno miei carissimi amici del Giovedì in Rosa!
Lo so che siete sempre di fronte ai vostri pc, lo so che mi seguite sempre…lo so che siete dei lettori fedelissimi…ma oggi, sarò breve.
Il motivo è semplice…Audi Carol non ha ancora messo piede alla fiera di Sant’Agostino , ma vi rendete conto?Impressionante…
E invece, è proprio così, non ho avuto nè il tempo, nè l’occasione, nè il modo per fiondarmi nel mare di bancarelle coloratissime che gremiscono il centro di Senigallia, per cui devo assolutamente rimediare, .
Bene, iniziamo subito, sviscerando ( e sentite che paroloni sto usando stamattina!) immediatamente il concetto di quest’oggi.
Potrei iniziare, non so…parlando come al solito di amori e tradimenti, ma no che stress, sempre la solita solfa…oppure potrei…vediamo, raccontarvi e svelarvi i pettegolezzi succosissimi che si carpiscono sulla spiaggia…No, basta, oggi voglio essere seria.
Voglio discutere con voi, care ciccine rosa ( ed è a voi che dedico questo articolo) della smania che ci prende, che ci aggroviglia, che ci fa andare letteralmente fuori di testa, la follia degli acquisti, per l’appunto.
Non ditemi che non sapete a cosa mi sto riferendo, non ci credo!Esempio piccolo piccolo, giusto per far capire a tutti di che cosa sto parlando.
Allora…in una bella mattina di sole ( che bello, come inizio sono sempre molta fantasiosa, (ehehe), mi lancio in una bella passeggiata veloce, così, giusto per ottenere un effetto tonificante su quei povetri arti inferiori “infestati da cellulite e smagliature, e giusto per cambiare, lo scenario della mia passeggiatina è come sempre, il mare.
Ormai lanciatissima, (credo di sviaggiare ad una velocità di 30 chilometri orari, forse), in prossimità della riva, scorgo un gruppo molto sostanzioso di persone, in circolo, in atteggiamento febbrile, praticamente addossato ad un povero venditore che ha appena steso sulla sabbia la sua merce…
Addossato forse non è la parola giusta, direi che soffocamento o asfissiamento è più adatto come termine…
Qualsiasi cosa quel ragazzo stia vendendo, direi che lo sta facendo egregiamente, tanto da rischiare le vertigini una abbassamento di pressione o addirittura il mal di mare…
Mi avvicino, dopo aver fatto un’inchiodata pazzesca, e chiedo ad una signora che sta indossando contemporaneamnete una decina di bracciali:”Che cosa vende il tipo?Braccialetti, collanine…quanto costano?Tre euro al pezzo, caspita!”
Sopra un telo, un lenzuolo, non so neanche di che marteriale sia la base d’appoggio della bancarella tanto è affollata di merce, se ne stanno in bella mostra, tutti aggrovigliati e attorcigliati tra di loro, una miriade di bracciali in metallo, qualche centinaio di collanine di perline e una nuvola di abitini copricostume, di quelli che vanno di moda adesso, capito, colorati e “sberluccicosi”.
Bello, voglio questo, quello, compro tutta la bancarella, tanto costa solo tre euro!Io credo che il prezzo faccia molto la differenza e come tutte le cose, anche l’immagine conti.
Se intorno a quel venditore non ci fosse stato nessuno, nessuno si sarebbe avvicinato, ma visto che il nostro amico ha avuto la fortuna di “incappare” in una famiglia di turisti in vacanza composta da padre, madre, zia, sorelle e cugine, l’area attorno a lui si è praticamente esaurita e questo gli ha dato immagine, è diventato molto trendy!
La prende questa, signora?No, perchè se non la compra lei, la compro io!
Un corri corri ad arraffare, smuscinare, carpire alla vicina il bracciale più bello…
Onestamente amiche, sapete che vi dico?Non sono riuscita ad acquistare niente, ma proprio niente.
Il rischio di prendermi una gomitata sui denti, questo potrebbe essere uno dei motivi… in fondo, guardando bene la merce, non so se vale realmente la pena la spesa di una dentiera eheheh)!.
Ma se c’è gente, arriva gente, come i locali, se sono vuoti, non ci va nessuno, se straboccano di fuori, piuttosto non mangiamo e aspettiamo due ore per sederci, è il colmo ma è così!
Comunque il nostro ragazzo pakistano, con i suoi “tre euro al pezzo” si è fatto la giornata, ma che dico, penso anche tutti i tre mesi estivi e sono contenta per lui, sinceramente, perchè voi non lo avete visto, ma quando una signora gli ha sventolata un banconotone da cinquanta euro sotto il naso, ha quasi rischiato di svenire e le ha implorato:”Signora, non ho ancora il resto da darle, può aspettare che vendo qaulcos’altro?
Simpatico il tipo, forse non si aspettava tanto successo.Bene, a furia di parlare di bancarelle, mi è venuto un certo impulso, un certo non so che, forse un languorino di acquisti…non posso perdere altro tempo, mi butto dentro la folla, mi lancio in mezzo alla fiera, perchè se ci fosse qualche occasione, Audi Carol non può mica farsela sfuggire!
Un baciotto a tutti voi miei cari ciccini rosa, buona fiera a tutti!
Audi Carol(Personaggio di Claudia Perticaroli)

Audi Carol
Pubblicato Giovedì 30 agosto, 2007 
alle ore 8:26
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura