SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Presidente di regione. La distribuzione del voto a Senigallia

Dove ha prevalso Mangialardi e dove Acquaroli nel territorio. L'analisi della Redazione di OpenMunicipio Senigallia

2.896 Letture
commenti
Netservice - Editoria on-line
Presidente di regione. La distribuzione del voto a Senigallia tra Mangialardi e Acquaroli

Dopo aver analizzato gli esiti delle elezioni comunali ci spostiamo ora sull’analisi delle altre due consultazioni che si sono tenute nelle date del 20 e 21 settembre scorsi. Le elezioni regionali ed il Referendum costituzionale sul numero dei parlamentari (oggetto di un prossimo articolo).


Per quanto riguarda le elezioni regionali ci soffermeremo sui voti andati ai due candidati Presidente di regione più votati, Acquaroli e Mangialardi.

La mappa riporta per ogni sezione il divario tra le percentuali ottenute dal candidato del centro-sinistra e sindaco di Senigallia uscente, ed il candidato di centro-destra, uscito poi eletto Presidente di regione. Dalla mappa emerge come, ad esclusione della sezione n. 3 zona Piano Regolatore ’33 lato mare, in tutte le sezioni Mangialardi ha ricevuto il maggior numero di consensi. Inoltre in tutte le sezioni, compresa la n. 3, la percentuale fatta registrare è superiore al dato complessivo ottenuto a livello regionale (il 37,3%).

Presidente di regione. La distribuzione del voto a Senigallia tra Mangialardi e AcquaroliMangialardi raggiunge le percentuali più alte – sul 60% o poco meno- nelle sezioni n. 41, zona Marzocca sud con il 60,5%; la n. 9, zona Parco della Pace con il 59,6%; la n. 12, Saline lato mare con il 59,4% e la n. 10, zona viale dei Pini est con il 59,3%.

Acquaroli supera il 40% dei consensi nelle sezioni n. 3, zona Piano Regolatore ’33 lato mare con il 45,3%; n. 11, Saline lato monte con il 41,2% e n. 30, zona Cesano con il 40,3%. Supera tale soglia anche presso la sezione n. 24, quella del presidio ospedaliero (14 voti sul totale dei 33 espressi, pari al 42,4%).

Dalla mappa emerge che, esclusi i casi delle sezioni n.1 zona Centro storico lato mare, n. 11 zona Saline lato monte, e 30 zona Cesano, in 42 sezioni su 43 il vantaggio del sindaco uscente supera la soglia del 10%. Da menzionare i casi delle sezioni n. 10, zona viale dei Pini est e n. 19, zona Parco della Pace in cui il candidato del centro-sinistra distacca quello di centro-destra di oltre 30 punti.

L’unica sezione in cui a prevalere è stato Acquaroli, con uno scarto del 1,6%, è la già citata n. 3 zona Piano Regolatore ’33 lato mare. La stessa sezione che al primo turno delle comunali ha visto prevalere anche qui il candidato di centro-destra, Olivetti, su quello di centro-sinistra, Volpini con lo scarto più alto (8,3 punti percentuali).

 

Consulta qui la mappa interattiva per identificare tutte le sezioni con le percentuali dei candidati

 

A cura della Redazione di senigallia.openmunicipio.it

Commenti
Ci sono 4 commenti
arcimboldo 2020-10-01 08:10:25
Il Dott. Mangialardi ha ricevuto dai senigalliesi il 53,68% dei voti complessivi poco più di quelli che prese alle elezioni comunali del 2015 che furono il 51,62% dei voti complessivi. Alla luce dei dati sopra riportati ritengo d'obbligo una riflessione. Il risultato ottenuto in termini percentuali dal Dott. Mangialardi è da ritenersi, senza alcun dubbio, appena sufficiente alla luce del tanto declamato lavoro svolto, soprattutto in opere pubbliche e manifestazioni a carico della comunità, per rendere Senigallia una città attraente e che annovera, a detta di molti, una delle più belle Piazze d'Italia riportate anche dalla stampa (pagata?). Pongo una domanda al sig. Mangialardi: lo scarso risultato ottenuto a Senigallia non la fa riflettere e la porta ad analizzare che forse quello che lei ha realizzato e messo in campo non piace comunque a quasi il 50% dei suoi concittadini?? Altrimenti avrebbe preso molti più voti similarmente a quanti ne ha presi il Dott. Zaia che ne ha ricevuti il 76,8% dei voti complessivi!!!!
BlackCat
BlackCat 2020-10-01 10:53:35
Praticamente Acquaroli ha vinto solo in una delle zone più ricche e benestanti della città.
Glauco G. 2020-10-01 12:40:24
@BlackCat scontato direi..come scontato che a Senigallia votano tante(troppe) tessere di partito e non persone...vedi Ciuarnin (ultimo quartiere a lottare contro il sindaco con un folto comitato)....cesano (che ha creato il comitato per la discarica e lottava contro Mangialardi)...come tutto il comitato alluvione Misa che raggruppa molti personaggi dei quartieri coinvolti...stranamente..dentro l'urna elettroale non eiste più alluvione..non esiste più il senso unico creato nel lungomare del ciarnin e non esiste più la volont di fare una "discarica". Tanto scontato quello che hai detto te quanto scontato che le persone votano il colore e non le persone.
conte1 2020-10-01 22:08:41
Glauco spesso sono d'accordo con te,non in tutto.
Sono molto d'accordo quando dici che le persone guardando le tessere di partito e non le persone.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura