SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Proteggere gli animali dai botti di Capodanno: consigli utili

Nella notte a cavallo tra il 31 dicembre e il 1 gennaio muoiono ogni anno centinaia di animali

La Cresciamia - Crescia fusion, torta al testo, cresceria - Lungomare Alighieri Senigallia (AN)
Animali domestici, cani, gatti

E’ consuetudine un po’ in tutta Italia e non solo, salutare l’anno vecchio e dare il benvenuto a quello nuovo con i cosiddetti “botti” di Capodanno. Così, mentre il crepuscolo si avvicina, botti più o meno forti interrompono il silenzio della notte.

Una consuetudine festosa per alcuni, ma un vero e incubo per la maggior parte degli animali: ogni anno a causa dei botti perdono la vita un numero ingente di cani, gatti e piccoli volatili domestici.

Ecco alcuni suggerimenti per gestire lo stress causato nei “nostri amici” dai “botti” di fine anno suggeriti dall’ENPA:

– Costruire una relazione che metta i proprietari in una posizione di riferimento per il cane: “lui è il mio punto di riferimento e se lui è tranquillo, nonostante il gran rumore, anche io lo sono”;
– rinunciare al veglione ma vivere il momento “dei botti” insieme al cane in una zona tranquilla della casa (comportamento da evitare: vedere i fuochi d’artifici insieme al cane sul balcone perché si potrebbe essere colpiti);
– non premiare una eventuale agitazione del quattrozampe con carezze “rassicurative” poiché ne confermerebbero il comportamento;
– se le reazioni sono troppo violente, tener presente che l’animale può anche avere un collasso. In questo caso rivolgersi al veterinario per un rimedio temporaneo;
– quando portate a spasso il vostro cane, non slegatelo mai dal guinzaglio, neanche al parco o nei soliti posti di sgambamento;
– tenete chiusi temporaneamente in un luogo comodo e rassicurante i vostri quattrozampe, anche quelli che normalmente vivono all’esterno, soprattutto per la serata del 31 dicembre;
– assicuratevi che il microchip sia registrato all’anagrafe canina del vostro Comune e/o che il suo tatuaggio sia leggibile;
– assicuratevi che il cane o gatto porti la medaglietta identificativa (con indirizzo e telefoni validi);
– tenete alto il volume della TV o radio, specialmente se l’animale resterà in casa da solo, per soffocare gli altri rumori esterni.
– Rivolgersi al proprio veterinario di fiducia per una eventuale somministrazione di rimedi tesi ad abbassare il livello di ansia e di paura.

Commenti
Solo un commento
Ingrao
Ingrao 2019-12-30 15:01:24
Speriamo che i botti se li sparino dentro casa sti poveracci ignoranti
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Emergenza Coronavirus

Coronavirus: tutte le notizie
Scarica nuova autocertificazione