SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Spaccio di stupefacenti, arresto illegittimo e peculato: ex carabinieri rischiano condanna bis

Per Prota, il sostituto procuratore ha chiesto otto anni e quattro mesi di carcere, mentre per Ubertini cinque anni

5.228 Letture
commenti
Dè Este - Medicina e chirurgia estetica - Odontoiatria - Senigallia, Chiaravalle
toghe, giudici, udienza, tribunale, processo

Rischiano una nuova condanna Massimo Prota e Simone Ubertini, gli ex Carabinieri del Norm di Senigallia già puniti nel 2016 dal collegio penale per una serie di sequestri facili di veicoli fermati ai posti di blocco. Al primo era stata inflitta una pena di tre anni di reclusione, al secondo di un anno.

Nell’ambito del processo bis legato a presunti illeciti contestati alla coppia, in riferimento alla detenzione e la cessione di stupefacenti sequestrate agli spacciatori, sono arrivate le richieste di condanna della procura rappresentata per questa inchiesta dal pm Marco Pucilli: i reati contestati a sono falso ideologico, allo spaccio di stupefacenti, passando per l’arresto illegittimo e il peculato.

Per Prota, il sostituto procuratore ha chiesto otto anni e quattro mesi di carcere, mentre per Ubertini cinque anni. Per alcuni capi d’imputazione, relativi al falso e allo spaccio, la procura ha chiesto invece l’assoluzione. Gli episodi si sarebbero consumati tra il 2009 ed il 2011. Dunque, un periodo precedente al filone arrivato a sentenza due anni fa e che prendeva in considerazione fatti accaduti a partire dal 2008.

Per quanto riguarda l’inchiesta sulle cessioni di droga, a processo è finito anche il maresciallo Gennaro Idea, accusato di falso ideologico per aver firmato i verbali relativi agli arresti effettuati dai due appuntati dove si dichiarava un quantitativo di droga sequestrato inferiore rispetto a quanto messo sotto chiave. Per il maresciallo, il pm ha chiesto l’assoluzione. I verdetti si conosceranno il 28 giugno.
Secondo la magistratura, Prota e Ubertini si sarebbero messi in tasca parte della droga sequestrata durante i servizi per poi cederla agli informatori di cui si erano indebitamente avvalsi per procedere agli arresti di spacciatori. In molti casi sarebbero stati falsificati i verbali di servizio.

Commenti
Ci sono 2 commenti
gabriele 2018-06-16 13:53:48
Bella carriera!!
mik76
mik76 2018-06-16 14:27:56
Quante ne ha fatte l’infame forte della sua divisa, gli auguro di cuore di finire tra i sodomiti di monteacuto
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Emergenza Coronavirus

Coronavirus: tutte le notizie

Ritiro dell'asporto su ordinazione

Ritiro del cibo d'asporto su prenotazione a Senigallia e dintorni

Generi alimentari, di necessità e piatti pronti: consegne a domicilio