SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Movimento Verticale - Palestra di arrampicata sportiva. Corsi per adulti e bambini - Senigallia

La Repubblica romana, Pio IX e Simoncelli al Centro Mazziniano di Senigallia

Giovedì 9 febbraio il convegno per ricordare il martire laico e la Repubblica del '49, con uno sguardo all'ultimo papa-re

La locandina del convegno su Simoncelli a Senigallia

E’ arrivato il gran giorno della Repubblica Romana (168° anniversario) e di Girolamo Simoncelli, nostro esimio concittadino che sacrificò la vita per un’Italia repubblicana e democratica. Simoncelli, nato a Senigallia il 16 febbraio 1817, non solo quest’Italia non la vide mai, ma morì, il 2 ottobre 1852, fucilato dai mercenari svizzeri al soldo dell’ultimo papa-re. Per l’occasione il Centro Cooperativo Mazziniano di Senigallia ha promosso, in collaborazione con l’Associazione di Storia Contemporanea, un Convegno nazionale di studi per aggiornare le conoscenze sul personaggio storico e sull’eccezionale epoca in cui il leader repubblicano si trovò a vivere e ad operare.

Il Convegno, al Centro di via Chiostergi, inizierà alle 17.15 del 9 febbraio: relazioneranno, introdotti dai saluti istituzionali, i proff. Fiorenza Taricone (Università di Cassino e del Lazio meridionale), Marco Severini e Lidia Pupilli (Università di Macerata), Luca Frontini (ASC), Ilaria Biagioli (Università di Modena e Reggio Emilia) ed Enrico Pergolesi (ASC).
Al centro di queste relazioni non solo la figura del “martire laico” e della sua compagna Carlotta, ma pure la Repubblica del ’49, gli ideali mazziniani, il pontificato di Pio IX e la storiografia sul tema.

Tutti i partecipanti saranno omaggiati in vario modo: un libro per conoscere gli eventi; un lumino tricolore da accendere proprio la notte del 9 febbraio per ricordare – secondo una tradizione antica un secolo e mezzo e molto sentita in Romagna e nelle Marche settentrionali – l’avvento della luce della civiltà democratica e repubblicana; infine, per i partecipanti alla cena conclusiva, l’omaggio del dolce “IX Febbraio”, rielaborato da un noto pasticciere senigalliese, sulla base di una diffusa ricetta anti-austriacante, dato che l’Austria, insieme alla Francia di Luigi Napoleone Bonaparte, fu la principale spada della controrivoluzione papalina.

Caricamento mappa in corso...
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS